Detto tra noi

Si salvi chi può

mercoledì, 12 settembre 2018, 18:06

di fabrizio vincenti

E' davvero difficile avventurarsi in commenti sull'attuale momento del calcio italiano. La migliore fotografia, per comprendere la crisi conclamata, si è portati a pensare che sia la doppia, inguardabile, prestazione degli azzurri in Nations League. Con un allenatore,  da anni su una china calante, che cambia tutto o quasi in tre giorni, dal modulo ai giocatori, confermando solo la pochezza del calcio italiano. Si salvi chi può.

Se qualcuno pensava che la Nazionale fosse lo specchio del calcio, si è dovuto ricredere dopo aver visto lo spettacolo offerto dal Collegio di Garanzia del Coni. Che ha deciso, di fatto, di non decidere, rinviando i ricorsi a altri organismi. Tutto bene, non entriamo nel merito, non siamo giuristi anche se la sensazione di esser di fronte a azzeccagarbugli è forte, solo una domanda: questi f-e-n-o-m-e-n-i dovevano proprio aspettare il 7 settembre, per poi slittare di altri quattro giorni, di fatto per lavarsene le mani, bloccando campionati e finendo per demolire quel poco di credibilità ancora in giro? Si salvi chi può.

Ma non basta. Anche la Lega Pro ci ha voluto mettere del suo. Come? Pensando bene di evitare scontri tra isolane alla prima giornata, e costringendo, in periodo ancora a forte vocazione turistica, squadre a cercarsi navi e aerei in tempo zero. Per non parlare dei tifosi, di cui, naturalmente, nessuno si sbatte da anni. La Carrarese e i suoi supporter, tanto per dire ma non è l'unico caso, si dovranno organizzare in una manciata di giorni una simpatica trasferta in Sardegna. Sarebbe potuto succedere alla Lucchese e ai suoi tifosi. Contro ogni buon senso. Si salvi chi può.

E a proposito di Lucchese e di salvezza, ora ci siamo. Ora la parola passerà al campo. La squadra, inutile nasconderlo, è un'incognita. Troppe le vicissitudini estive, pochi i soldi a disposizione, oltretutto per assemblare una formazione nuova di zecca. La sensazione è che sia da completare, quello che è certo è che dovrà volare in attesa dei punti di penalizzazione. L'obbligo è stare vicino alla squadra e al tecnico. Tutti insieme. Della situazione societaria, sempre più sconfortante, parleremo un'altra volta. Intanto si salvi chi può, anzi chi deve. Ovvero la Lucchese. Forza Pantera. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 18 febbraio 2019, 15:07

Grazie di tutto, Moriconi

Ricordate le omissioni? Ricordate un certo imbarazzo mal celato? Ricordate i fogli sparsi sul tavolo della sala stampa a garantire che era tutto in ordine e che anzi non ci si spiegava come la Gazzetta dello Sport potesse sostenere il contrario? Ricordate gli articoli rassicuranti di giornalisti sempre pronti a...


lunedì, 11 febbraio 2019, 07:10

C'è puzza di bruciato?

Non apparteniamo, per indole e storia, alla vasta schiera dei complottisti. Anzi, l'atteggiamento di chi fa della dietrologia uno stile di vita ci fa sorridere. E nel calcio, sentire chi afferma che è tutto truccato, tutto deciso a tavolino, tutto irrimediabilmente indirizzato, e poi si presenta domenicalmente allo stadio, ci...



giovedì, 31 gennaio 2019, 12:56

Moriconi continua a guidare la Lucchese: parola di Enrico Tommasi

Dobbiamo, nonostante tutto, essere grati a Enrico Tommasi, sì, proprio lui, il direttore generale della Lucchese, autopresentosi alla città nel dicembre scorso. Come ricorderete, il suo primo impatto con la società fu contraddistinto dal vuoto assoluto: nessuno lo accompagnò in sala stampa, a rimarcare una frattura con il resto dei...


giovedì, 24 gennaio 2019, 08:28

Chi possiede la Lucchese?

"Che senso ha tutto questo?", ci chiedono in tanti in questi giorni. Nessuno, viene da rispondere di getto, perché la razionalità sembra essersene andata da tempo dalle parti del Porta Elisa e delle sedi varie che possiedono i padroni, anzi il padrone, del vapore rossonero.