Detto tra noi

Si salvi chi può

mercoledì, 12 settembre 2018, 18:06

di fabrizio vincenti

E' davvero difficile avventurarsi in commenti sull'attuale momento del calcio italiano. La migliore fotografia, per comprendere la crisi conclamata, si è portati a pensare che sia la doppia, inguardabile, prestazione degli azzurri in Nations League. Con un allenatore,  da anni su una china calante, che cambia tutto o quasi in tre giorni, dal modulo ai giocatori, confermando solo la pochezza del calcio italiano. Si salvi chi può.

Se qualcuno pensava che la Nazionale fosse lo specchio del calcio, si è dovuto ricredere dopo aver visto lo spettacolo offerto dal Collegio di Garanzia del Coni. Che ha deciso, di fatto, di non decidere, rinviando i ricorsi a altri organismi. Tutto bene, non entriamo nel merito, non siamo giuristi anche se la sensazione di esser di fronte a azzeccagarbugli è forte, solo una domanda: questi f-e-n-o-m-e-n-i dovevano proprio aspettare il 7 settembre, per poi slittare di altri quattro giorni, di fatto per lavarsene le mani, bloccando campionati e finendo per demolire quel poco di credibilità ancora in giro? Si salvi chi può.

Ma non basta. Anche la Lega Pro ci ha voluto mettere del suo. Come? Pensando bene di evitare scontri tra isolane alla prima giornata, e costringendo, in periodo ancora a forte vocazione turistica, squadre a cercarsi navi e aerei in tempo zero. Per non parlare dei tifosi, di cui, naturalmente, nessuno si sbatte da anni. La Carrarese e i suoi supporter, tanto per dire ma non è l'unico caso, si dovranno organizzare in una manciata di giorni una simpatica trasferta in Sardegna. Sarebbe potuto succedere alla Lucchese e ai suoi tifosi. Contro ogni buon senso. Si salvi chi può.

E a proposito di Lucchese e di salvezza, ora ci siamo. Ora la parola passerà al campo. La squadra, inutile nasconderlo, è un'incognita. Troppe le vicissitudini estive, pochi i soldi a disposizione, oltretutto per assemblare una formazione nuova di zecca. La sensazione è che sia da completare, quello che è certo è che dovrà volare in attesa dei punti di penalizzazione. L'obbligo è stare vicino alla squadra e al tecnico. Tutti insieme. Della situazione societaria, sempre più sconfortante, parleremo un'altra volta. Intanto si salvi chi può, anzi chi deve. Ovvero la Lucchese. Forza Pantera. 


Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 6 luglio 2019, 17:07

Sindaco Tambellini, stupiscici tutti

"Ho qualche carta da giocare": lo confessiamo, abbiamo avuto un moto di preoccupazione, accompagnata da qualche gesto scaramantico, quando, martedì scorso, abbiamo sentito pronunciare queste parole, con tono grave, dal sindaco Tambellini che stava interloquendo con la delegazione dei tifosi rossoneri al termine del corteo che si era snodato per...


martedì, 25 giugno 2019, 15:08

Prima ancora dei soldi, non avete idee

La fine annunciata. L'inevitabile. L'ovvio. La mancata iscrizione della Lucchese alla Lega Pro – perché il tentativo di chiedere una proroga alla Figc è quello che è, ovvero una manovra di chi sta provando a non far crollar tutto, con le conseguenze del caso in ogni sede e per tutti...



domenica, 16 giugno 2019, 16:10

Josef chi?

Nessuno poteva essere tanto mai ingenuo da pensare che la Lucchese possa essere iscritta in serie C da soggetti diversi da quelli che in queste settimane hanno presentato la domanda di ammissione al concordato, dunque a Aldo Castelli e company.


lunedì, 10 giugno 2019, 11:42

Una favola chiamata Lucchese

Fermate il tempo. Fermate l'orologio. Fermate il vento caldo che ci investe in quella bellissima terra che è la Puglia. Fermate tutto. Lasciateci nutrire con le lacrime che scorrono sul volto di chi ha fatto mille battaglie al fianco della Lucchese, spesso rischiando anche fisicamente, ma che ora non ha retto.