Galleria Rossonera

Degeri ci sarà: "Sarò in tribuna e voglio godermi lo spettacolo, ma non chiedetemi pronostici!"

mercoledì, 19 aprile 2017, 15:28

di diego checchi

Ci sono tanti ex nella partita tra Cremonese e Lucchese, come quel Lorenzo Degeri che due stagioni fa, a Lucca, fece molto bene e che è cresciuto proprio tra le fila della Cremonese. Quest’anno, il centrocampista si è preso un anno sabbatico ma si sta allenando in attesa della chiamata giusta nel prossimo mercato estivo. Il giocatore di Crema, intanto, ha ripreso gli studi e a gennaio aveva pensato anche di appendere le scarpe al chiodo…

Come mai è rimasto fermo quest’anno?

“Questa estate ho avuto dei problemi famigliari per cui ho dovuto rifiutare diverse offerte in quanto volevo rimanere vicino a casa. Avevo anche avuto contatti con Galderisi per tornare a Lucca ma poi è andata come è andata, alla fine ho deciso di prendermi una pausa dal calcio giocato e devo dire che in generale lo sto seguendo anche poco. Comunque al momento mi sto allenando da solo e con la squadra del mio paese per farmi trovare pronto nel caso di qualche buona opportunità. A gennaio, dopo aver rifiutato un’offerta, avevo addirittura pensato di smettere. Avevo perso gli stimoli, un po’ per certe situazioni che si sono verificate e poi per questioni più personali ma adesso penso che potrei ricominciare. Ho anche ripreso gli studi all’università e posso dire che sta andando anche bene, sono deciso a portarli avanti”.

Che ricordi ha di Lucca?

“Beh, di Lucca ho ricordi fantastici, da quando sono arrivato, il pareggio con il Pisa insieme Pagliuca. Poi l’arrivo di Galderisi che mi ha permesso di fare un dei miei migliori campionati e poi i festeggiamenti per la salvezza, il gol di Pistoia. E ovviamente la città, che è fantastica e ci tornerei molto volentieri”.

E di Cremona?

“La Cremonese è la squadra con cui ho fatto il settore giovanile che poi mi ha fatto esordire. Ho fatto i primi 3 anni lì e ho avuto la fortuna di giocare con gente di categoria superiore che mi ha insegnato tanto. Sono molto legato a tutto l’ambiente, con la Cremonese e ho anche fatto il mio primo gol da professionista, ho tantissimi ricordi e ho conosciuto delle persone fantastiche”.

E com’è finita con la Cremonese?

“Con la Cremonese è finita che l’anno scorso avevo rescisso il contratto perché non rientravo più nei loro progetti e sono andato alla Pro Patria”.

Che partita sarà quella di sabato?

“Sabato sarà una partita molto combattuta. La Cremonese non può perdere la vetta della classifica e la Lucchese non può perdere il treno play off, sicuramente sabato sarò in tribuna a godermi lo spettacolo. La Cremonese ha un organico molto importante, è stata costruita per vincere il campionato ma la Lucchese ha alcuni grandi giocatori e sono sicuro che daranno del filo da torcere alla squadra di casa. Non faccio pronostici, se fosse per me vorrei che potessero vincere tutte e due”.


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 13 giugno 2018, 08:24

Lopez a cuore aperto: "Grazie a tutti, spero sia un arrivederci e non un addio"

Intervista esclusiva con l'ex tecnico rossonero che lascia tanti estimatori: “Rifarei tutto, errori compresi: quando si dà tutto si sbaglia in buona fede. Il momento più bello con l'Albinoleffe. Sapevo che sarei andato via, ma ringrazio Lucchesi che mi ha dimostrato stima e ne sono orgoglioso”


sabato, 19 maggio 2018, 17:05

Play off, Giovannini: "Catania, Trapani, Pisa e Alessandria favorite"

Il direttore generale del Pontedera, che ha rinnovato il suo contratto con la società granata, fa le carte agli spareggi per la serie B: "E' un terno al lotto, si è già visto anche in regular season che si può vincere e perdere con tutti.



giovedì, 5 aprile 2018, 18:31

Russu, l'ex di turno: "Arzachena, squadra ostica e scorbutica"

L'esterno che ha scontata la squalifica parla della sua ex squadra: "Il mister non dà mai riferimento agli avversari. L'ultima partita hanno giocato con il 4-1-4-1 modulo che non avevano mai provato ma mister Giorico preferisce giocare con il 4-3-1-2"


giovedì, 8 marzo 2018, 08:58

Espeche indica la strada: "Non adagiarsi sulla vittoria di Pisa"

Lo storico difensore rossonero parla dal finale di stagione: "Siamo una squadra dai due volti. Uno come quello visto proprio a Pisa, l'altro come quello delle gare perse per errori banali. La morte di Astori? Quando succedono ad un tuo collega ti toccano da vicino anche se personalmente non lo...