Matches

Fuori dalla Tim Cup, ma a testa alta e con belle sensazioni per il futuro

foto www.foggiasport24.com

domenica, 2 agosto 2015, 22:28

di diego checchi

Dal nostro inviato a Foggia. Il sogno per la Lucchese si è infranto al 12' del primo tempo supplementare quando Floriano ha segnato la rete del 2 a 1. Pensare che la Lucchese era stata in partita in modo più che onorevole e la squadra di Baldini ha messo più volte paura ad una corazzata come il Foggia, una squadra costruita per puntare alla Serie B. I rossoneri, per l'occasione in maglia bianca, non si sono risparmiati ed hanno venduto cara la pelle in uno stadio stracolmo, ribollente ed infuocato da 5000 tifosi.

Francesco Baldini ha proposto il modulo 4-3-3 con Ashong titolare da subito nel ruolo di terzino sinistro e Nolè spostato a centrocampo come mezz'ala sinistra, con Calcagni, Fanucchi e Monacizzo a formare il trio d'attacco. È ovvio che la partita è stata fatta dai padroni di casa ma la Lucchese non è stata guardare ed ha reagito di rimessa sfruttando le sovrapposizioni sulle fasce e gli inserimenti delle mezz'ali; sul binario destro, Rosseti è stato tra i più positivi e peccato che gli sia stato annullato un gol per un sospetto fuorigioco.

Di conclusioni, da parte del Foggia, ce ne sono state davvero tante nel corso della gara, ma il primo gol lo ha firmato Espeche al 1' quando di testa ha messo alle spalle di Narciso in seguito ad un calcio d'angolo dalla sinistra. Il gol dell'1 a 1 è arrivato al 24' quando l'accorrente Floriano ha messo in rete in seguito ad un cross di Sarno. La Lucchese, nel secondo tempo, ha avuto due grandi occasioni prima con Fanucchi e poi con Ballardini ma in entrambe le circostanze Narciso è stato molto bravo negare la gioia del gol.

Si è andati così ai tempi supplementari e solo al 12' la squadra di casa è passata in vantaggio con Floriano che ha così messo a segno una doppietta. L'ex del Pisa, insieme a Riverola, Sarno e Sainz-Maza, è stato tra i più positivi della formazione di De Zerbi. La Lucchese è da promuovere in toto e quello che abbiamo potuto apprezzare è che questo gruppo ha già la mentalità del proprio allenatore perchè lotta su ogni pallone come se fosse sempre quello decisivo.

Foggia-Lucchese 2-1

Foggia: Narciso, Angelo (34' st Bencivenga), Agostinone, Agnelli, Coletti, Gigliotti, Riverola (30' st Gerbo), Quinto, Sainz-Maza (7' pts Viola), Sarno, Floriano. A disp. Micale, D'Angelo, Loiacono, Sicurella, Lodesani. All. De Zerbi.

Lucchese: Di Masi, Melli, Monacizzo, Espeche, Lorenzini, Calcagni (15' st Ballardini), Nolé, Mingazzini (4' pts Marchesi), Fanucchi (29' st Pecchioli), Rosseti, Ashong. A disp. Ferrara, Montanaro, Maini, Russo, Terrani, Bianconi, Vita. All. Baldini

Arbitro: Di Martino di Teramo.

Reti: 2' pt Espeche, 24' pt e 12' pts Floriano

Note: ammoniti Nolé, Riverola, Ballardini, Quinto, Agostinone, Gerbo, Viola, Lorenzini. Angoli 14 a 2 per il Foggia. 

 


Altri articoli in Matches


sabato, 18 maggio 2019, 21:10

Il primo round è rossonero

La Lucchese supera per 2-0 il Cuneo grazie a un primo tempo davvero di livello bagnato dalle reti di Sorrentino e Zanini, nella ripresa, i rossoneri restano in dieci per l'espulsione di Bernardini, soffrono ma tengono il prezioso vantaggio. Commento, tabellino e foto


sabato, 4 maggio 2019, 19:51

La Lucchese e i suoi tifosi si guadagnano i play out

Con un gol di Lombardo su rigore, i rossoneri piegano il Pontedera e si guadagnano, insieme ai tifosi, ancora una volta straordinari, il diritto a provare a cercare la salvezza sul campo. Commento, tabellino e foto di una gara che non ha risparmiato emozioni



sabato, 27 aprile 2019, 19:44

Con il fiato sospeso

La Lucchese non va oltre il pari a Chiavari contro l'Albissola: ora sarà decisiva la gara di sabato al Porta Elisa contro il Pontedera. Vantaggio iniziale di Provenzano, pari di Martignago nella ripresa. Occasioni per Provenzano, De Feo e Bortolussi. Commento, tabellino e foto


giovedì, 18 aprile 2019, 23:31

C'è solo da essere orgogliosi per questi ragazzi

Una sconfitta che brucia per come è arrivata e perché immeritata: i rossoneri, dal cuore immenso, finiscono per perdere una gara che potevano almeno pareggiare: vantaggio di Zanini, poi gli emiliani la ribaltano a tempo scaduto: commento, tabellino e foto