Matches

La paura fa compagnia ai rossoneri

giovedì, 24 marzo 2016, 21:33

di diego checchi

È un momento delicato per i rossoneri. Nel derby con l'Arezzo c'è stato tanto impegno ma sono riaffiorati alcuni errori già visti in altre partite. Mister Galderisi ha dovuto rinunciare all'infortunato Benvenga ed ha proposto Calcagni come terzino destro e Melli come rifinitore di destra e c'è da sottolineare che il giocatore è parso in ritardo di condizione e soprattutto, non ha avuto lo spunto che ci si aspettava. Sulla fascia sinistra è rientrato Terrani che non è stato quello di sempre ma a comunque dato un po' di verve alla gara. La Lucchese ha sofferto maggiormente a centrocampo e tra le linee dove Tremolada era veramente in stato di grazia.

L'Arezzo si è dimostrato una bella squadra mentre i padroni di casa sono parsi, a tratti, incapaci di fare gioco e di sviluppare buone trame offensive. Nel secondo tempo la squadra è rientrata in campo con la stessa mentalità del primo tempo anche se ha poi creato qualcosa in più. Il pareggio è comunque lo specchio di quello che si è visto in campo e questa Lucchese continua a fare una gran fatica a buttarla dentro e a nostro avviso, è su questo aspetto che Galderisi dovrà lavorare di più.

Andando alla cronaca della partita, bisogna dire che al 19' l'Arezzo si è reso pericoloso con un tiro da fuori di Tremolada ma Di Masi non si è fatto trovare impreparato. Al 32' Fanucchi è stato bravo a liberare in area Pozzebon che però ha sparato addosso al portiere. Al 37' Di Masi ha mandato in angolo un colpo di testa di Benedetti e il portiere rossonero si è superato dopo 3' su una gran botta di Tremolada da fuori area.

Al 42' i rossoneri hanno avuto un'altra occasione su un calcio d'angolo di Mingazzini ma il colpo di testa di Maini è uscito di poco a lato. Nella ripresa la Lucchese ha aperto le danze con un tiro di Mingazzini al 12' che è finito di poco a lato e l'Arezzo ha risposto con un tiro di Feola al 17' e poi con un colpo di testa di Betancourt al 18'. La partita si è chiusa sul risultato di 0 a 0 e la Lucchese deve essere contenta per il fatto di non aver preso gol.

Lucchese – Arezzo 0-0

Lucchese: Di Masi, Calcagni, Nolè, Espeche, Maini, Mingazzini, Maini, Melli (1' st Bragadin), Botta, Pozzebon (37' st Bianconi), Fanucchi (26' st Maritato), Terrani. A disposizione: Mengoni, Citti, Palomeque, Ashong, Lorenzini, Marchesi, Fratini, Ferrara . Allenatore: Galderisi.

Arezzo: Baiocco, Carlini (35' st Brumat), Madrigali, Benedetti (26' st Gambadori), Milesi, Sabatino, Feola, Capece, Mendicino (19' st Defendi), Tremolada, Betancourt. A disposizione: Ronchi, Panariello, Pugliese, Masciangelo, Mariani, Varano, Bismark. Allenatore: Capuano.

Arbitro: Sig. Giovani di Grosseto.

Assistenti: Sig. Michieli e Sig. Nocenti di Padova.

Note. Ammoniti: 30' pt Terrani (L), 45' pt Espeche (L), 3' st Sabatino (A), 49' st Mingazzini (L).  Angoli: 3 – 4. Spettatori: 1385.


Altri articoli in Matches


mercoledì, 20 febbraio 2019, 17:44

Più forti di tutto e di tutti

Una Lucchese cinica, grintosa e concreta porta a casa una grande vittoria nel recupero di Cuneo, uno scontro diretto per la salvezza, e si tira un po’ su il morale dopo gli ultimi avvenimenti. Decide un gol di Bortolussi in avvio di ripresa. Commento, tabellino e foto


domenica, 17 febbraio 2019, 21:29

La dura legge del calcio

La Lucchese fa 1-1 con la corazzata Entella dopo aver avuto la partita in pugno grazie al vantaggio di De Vito sino a pochi secondi dal termine del recupero, poi i liguri, in dieci, trovano un insperato e immeritato pari. Commento, tabellino e foto



mercoledì, 13 febbraio 2019, 21:18

Errori pagati a caro prezzo

Una sconfitta che brucia, quella di Arzachena, perché giunge contro una squadra tutt'altro che trascendentale e che ha trovato il gol nell’unica vera occasione. I rossoneri sbagliano un rigore, Mauri si fa tirare fuori e alla fine pagano il conto a una manciata di minuti dal termine.


domenica, 10 febbraio 2019, 18:15

Al Porta Eilsa se ne vedono di tutti i colori

Prima un cedimento di alcuni calcinacci della tribuna provoca la chiusura del settore, poi sul campo i rossoneri colgono uno 0-0 contro il Gozzano: partono male, poi si riprendono ma giocano tutta la ripresa in dieci per una espulsione che non c'è e si vedono negare un chiaro rigore.