Matches

Vittoria sul filo di lana

sabato, 13 agosto 2016, 23:30

di diego checchi

Una Luchese cinica e concreta ha sbancato lo stadio “Lungo Bisenzio” di Prato riscattando la sconfitta interna con la Pistoiese. La squadra, nel primo tempo, ha giocato meglio rispetto al Prato dimostrando anche di avere più gamba e vincendo tanti duelli a centrocampo. Inoltre, Terrani ha fatto il bello ed il cattivo tempo sulla fascia destra e se continuerà così diventerà sicuramente un giocatore fuori categoria. Mister Galderisi ha schierato Bruccini dal primo minuto e l’intesa con Mingazzini è stata buona. Nella ripresa, il Prato ha cambiato modulo di gioco passando dal 4-3-3 al 4-4-2 ed ha inserito una punta in più. La Lucchese, quindi, si è allungata ed i centrocampisti hanno dovuto badare di più al contenimento. Il Prato ha creato tante palle gol ma alla fine ci ha pensato il solito Terrani a sbloccare il risultato segnando il gol risolutore.

Andando alla cronaca della partita, il Prato ha provato a rendersi pericoloso al 18’ con un tiro da fuori di Moncini ma Di Masi non ha avuto problemi a bloccare mentre la risposta della Lucchese è arrivata al 24’ quando Terrani ha servito un bel pallone in mezzo all’area, Fanucchi ha calciato al volo ma il suo tiro è finito fuori. Fanucchi ha avuto un’altra occasione al 38’ ma anche in quella circostanza la sua conclusione è terminata a lato. Al 40’ Terrani ha messo in mezzo una altra bella palla e Merloghi è riuscito a battuto a rete ma Ghidotti ha salvato sulla linea.

Nella ripresa al 10’ Malotti ha approfittato di un errore difensivo di Capuano, ha preso palla ed è andato al tiro dal limite ma la palla terminata di poco a lato. Al 40’ c’è stata una bella triangolazione tra Ogunseye e Tavano, con quest’ultimo che ha colpito il palo con un destro che aveva superato Di Masi. Terrani ha risolto l’incontro allo scadere dei minuti di recupero con un sinistro da dentro l’area dopo una lunga serpentina.

Prato – Lucchese 0 - 1

Prato: Melgrati, Catacchini, Antonini, Ghidotti, Cavagna, Martinelli, Malotti, Sobacchi (1’ st Ogunseye), Moncini (27’ st Tavano), Di Molfetta, Romano. A disposizione: Saloni, Nannini, Bassano, De Micheli, Vannucci, Sowe, Danese, Rozzi. Allenatore: Acori.

cLuchese: Di Masi, Melli, Nolè (40’ st Bagatini), Espeche, Brucccini, Capuano, Merlonghi, Mingazzini (18’ st Gargiulo), Forte (16’ st Zecchinato), Fanucchi, Terrani. A disposizione: Nobile, Maini, Florio, Ballardini, Fratini, Cecconello, Nottoli, Rinaldi. Allenatore: Galderisi. 

Arbitro: Sig. Pashuku di Albano Laziale.

Assistenti: Sig. Dell’Università di Aprilia e Sig. Rabotti di Roma 2. 

Note Ammoniti: 24’ st Ogunseye (P). Angoli: 3 – 3.

Reti: 49’ Terrani (L).

 


Altri articoli in Matches


domenica, 17 febbraio 2019, 21:29

La dura legge del calcio

La Lucchese fa 1-1 con la corazzata Entella dopo aver avuto la partita in pugno grazie al vantaggio di De Vito sino a pochi secondi dal termine del recupero, poi i liguri, in dieci, trovano un insperato e immeritato pari. Commento, tabellino e foto


mercoledì, 13 febbraio 2019, 21:18

Errori pagati a caro prezzo

Una sconfitta che brucia, quella di Arzachena, perché giunge contro una squadra tutt'altro che trascendentale e che ha trovato il gol nell’unica vera occasione. I rossoneri sbagliano un rigore, Mauri si fa tirare fuori e alla fine pagano il conto a una manciata di minuti dal termine.



domenica, 10 febbraio 2019, 18:15

Al Porta Eilsa se ne vedono di tutti i colori

Prima un cedimento di alcuni calcinacci della tribuna provoca la chiusura del settore, poi sul campo i rossoneri colgono uno 0-0 contro il Gozzano: partono male, poi si riprendono ma giocano tutta la ripresa in dieci per una espulsione che non c'è e si vedono negare un chiaro rigore.


domenica, 27 gennaio 2019, 18:08

Fino all'ultimo respiro

Una Lucchese mai doma trova il pari in rimonta contro l'Alessandria (2-2) al termine di una gara dai due volti: primo tempo di marca piemontese con doppio vantaggio, ripresa per i rossoneri che vanno in gol con Isuafj e Provenzano a tempo scaduto. Espulso mister Favarin.