Porta Elisa News

Staff medico: si dimettono Cerrai e Nardinelli. Torna il dottor Tambellini

giovedì, 7 agosto 2014, 20:49

di diego checchi

Stravolgimenti nello staff medico, infatti hanno dato le dimissioni il dottor Alessandro Cerrai e il dottor Dino Nardinelli. Le motivazioni? Alcune divergenze con la società e troppe responsabilità nel dover rimanere in una squadra di Lega Pro. Un cambio, almeno apparentemente repentino, e che dà uno scossone alla struttura dello staff a servizio della squadra.

A sostituirli una vecchia conoscenza del calcio rossonero: il dottor Adolfo Tambellini (nella foto), che non era più alla Lucchese dalla stagione 2007-2008, quando ci fu il primo fallimento targato Fouzi Hadj. Tambellini era già all'acquedotto questo pomeriggio e ha conosciuto così squadra e staff tecnico. Il medico, che è stato legato alla Lucchese nei momenti più belli e cioè quelli della Serie B, ha seguito la squadra dalla tribuna nell'amichevole con l'Empoli.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


giovedì, 20 giugno 2019, 19:05

Massone: "Domani giorno decisivo"

Il legale che ha presentato la richiesta di concordato fa il punto: "Entro venerdì abbiamo bisogno di avere risposte per lo stadio alternativo e per la retealizzazione con l'Agenzia delle Entrate: dopo sarebbe troppo tardi. Ferrando rileverebbe le quote appena avute garanzie su questi due aspetti"


giovedì, 20 giugno 2019, 16:38

Tambellini e il modello dilettantistico per il calcio a Lucca

Nell’idea di città portata avanti dall’amministrazione Tambellini pare non vi sia alcuno spazio pensato per le aziende dello sport professionistico, e quindi anche per il suo indotto e l’eventuale occupazione che ne potrebbe conseguire, né che siano intraprese affittando strutture comunali, né investendo i propri capitali



giovedì, 20 giugno 2019, 12:31

Chiari (Fratelli d'Italia): "A Lucca ci si preoccupa di rifare lo stadio ex novo e non si pensa a quante altre strutture non sono agibili in città"

Il segretario provinciale di Fratelli d'Italia all'attacco: "Se lo stadio non è agibile, allora non lo sono nemmeno molte altre strutture pubbliche. Chi se ne assume la responsabilità? Tambellini ha avuto sette anni per investire sul Porta Elisa"


giovedì, 20 giugno 2019, 07:48

Massone: "Sono preoccupato"

Il legale che ha presentato domanda di concordato si dice preoccupato su tre fronti: "Il debito con l'Agenzia delle Entrate, lo stadio con il Comune che deve dare una risposta sui tempi e collaborare per trovare un impianto alternativo e la questione di chi deve versare per la ricapitalizzazione, i...