Porta Elisa News

Il dream team di Pietro Belardelli

sabato, 7 luglio 2018, 16:59

Non molla la presa, la insegue, compiaciuto del favore che gli riserva sin dal luglio scorso Arnaldo Moriconi e che ancora prova a riproporlo. Pietro Belardelli, inviso a tutta la città che ama la Lucchese, ci riprova. Di grande interesse l'ennesima intervista rilasciata a un giornale cartaceo locale. Al cronista di turno de Il Tirreno, il folle innamorato da mesi della società rossonera, un amore non corrisposto praticamente da nessuno tra i tifosi, propone la ricetta per uscire dall'impasse: "Si è riaperto uno spiraglio e io sono pronto ad entrare in campo se Moriconi me lo chiede. Una società storica non può finire con il terzo fallimento in 10 anni. Vero, mi sono presentato a novembre e la tifoseria mi ha offeso solo per quanto scritto sul web. Sentirmi trattare come il peggior bandito da alcuni esponenti di Lucca United mi ha fatto male. A queste persone dico: prima di parlare bisogna conoscere. E poi chiedo: quanti soldi hanno messo nella Lucchese? E come hanno fatto a scegliere Grassini? Ma io non porto rancore e sono pronto a dare una mano per salvare la società rossonera".  

Le penalizzazioni? Non un problema per il Nostro: "Mi piacciono le sfide. Io metto sul piatto il denaro per la ricapitalizzazione e gli stipendi arretrati e con l’aiuto di altri imprenditori costruiamo una squadra che abbia come obiettivo la salvezza. Anche l’Arezzo ha avuto 15 punti di penalizzazione, ma alla fine ce l’ha fatta". 

Infine, la chicca del nuovo staff, un "dream team" che rischia di regalare nuove notti insonni agli stremati tifosi lucchesi: "Della Casa come allenatore, l’ex guardialinee Enrico Cenniccola che è anche commercialista come direttore generale e come ds Marco Barghigiani o Elio Signorelli. La squadra? Un mix di esperienza e gioventù con ragazzi provenienti dall’estero. Gente che ha fame e motivazioni e che può essere venduta bene nelle categorie superiori". 

Uno staff, va detto, di tutta eccezione, anche trascurando i numerosi precedenti calcistici dello stesso Belardelli, alle prese più volte con situazioni a dir poco ingarbugliate. Ecco il curriculum: Gianni Della Casa: fermo dal 2011, ultima squadra allenata in Algeria, l'El Sharif; Enrico Cennicola,  tra i suoi trascorsi, sei mesi di squalifica e 30mila euro di multa in relazione a Calciopoli; Marco Barghigiani, tra i suoi trascorsi, squalificato per tre anni per illecito sportivo in merito a Savona-Teramo; Elio Signorelli: ultimo incarico al Livorno, coinvolto nell'inchiesta sul calcioscommesse della Procura di Cremona, rinviato a giudizio, la sua posizione è stata stralciata dal maxi processo. E' questo il futuro che attende la Lucchese e i suoi tifosi?

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


giovedì, 21 febbraio 2019, 18:35

I rossoneri già in campo per preparare il match contro la Juve B

Il tecnico rossonero ha tutti a disposizione ma è presto per parlare di formazione anche perché oggi il gruppo è stato diviso in due e chi non ha giocato ieri ha svolto una seduta con il pallone mentre chi ha giocato ha fatto un lavoro defaticante con il professor Guidi.


giovedì, 21 febbraio 2019, 15:45

Obbedio e i giocatori dal sindaco Tambellini

Questa mattina una delegazione dei giocatori, insieme al diesse Obbedio, si è recata dal sindaco Tambellini per manifestare tutta la sua preoccupazione per quella che appare come una vera e propria paralisi societaria, un contesto ricco di incognite e di sviluppi che potrebbero essere imprevedibili



mercoledì, 20 febbraio 2019, 17:06

Obbedio: "Se ci fanno giocare, ci salviamo"

Il diesse rossonero finalmente felice dopo una settimana travagliata: "Episodi come quello che è successo ieri a Lucca sono gravissimi, spero che qualcuno intervenga. L’ho detto e lo ripeto, se non ci staccano la spina noi ci salviamo"


mercoledì, 20 febbraio 2019, 16:56

Mister Scazzola: "Arbitro ha condizionato la gara"

Cristiano Scazzola mette l'accento sulle decisioni arbitrali che sarebbero alla base della sconfitta maturata dal Cuneo: "E' stata una partita equilibrata, ma l'arbitro le ha combinate grosse, comunque meglio lasciare stare. La Lucchese meritava di vincere domenica, oggi non abbiamo rischiato nulla"