Porta Elisa News

Lucchese nel baratro

sabato, 7 luglio 2018, 07:38

Un'altra giornata da incubo, una fine che di nuovo torna a materializzarsi dopo i due fallimenti del 2008 e del 2011. La Lucchese è di nuovo appesa a un filo e al termine di una giornata frenetica non è ancora chiaro il suo destino.

Dopo che con un colpo degno di un prestigiatore di quinta categoria Lorenzo Grassini si è sfilato, senza aver tirato fuori praticamente un euro o quasi in fase di iscrizione, sostenendo di essere stato fatto oggetto di minacce da parte di anonimi con tanto di denuncia, la situazione del club rossonero, già alle prese con sicure penalizzazioni, è tracollata. Come le promesse di pagamento, mai realizzate. 

Arnaldo Moriconi, che da un eventuale fallimento ha molto sicuramente da temere visto che di fatto è stato il proprietario per un anno e mezzo dellal Lucchese, ha provato nella giornata di ieri a trovare nuovi acquirenti, mentre il termine per il ripianamento (la mezzanotte del 6) è trascorso a quanto pare invano. E dunque la Lucchese verrà deferità anche per questo, rischiando nuove e ulteriori penalizzazioni. 

Nella serata di ieri Moriconi, in compagnia del commercialista Matteo Romani, di Giuseppe Bini di Città Digitali e del presidente di Lucca Unite Stefano Galligani in nome dei tifosi, si è recato a Firenze per incontrare un possibile intermediario dietro cui ci celerebbe un gruppo di imprenditori. Una strada a dir poco nebulosa e con profili, nella migliore delle ipotesi da chiarire, nella peggiore, invece, che portano a qualcuno tra i tanti che speculano su società in disgrazia. Dall'incontro non è trapelato nulla, se non che dovrebbe esserci un seguito nella giornata di oggi. Il tutto mentre la Lucchese non ha praticamente un giocatore, ma ha un direttore generale un allenatore e un vice a libro paga.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 20 luglio 2019, 16:58

Corda: "Letto il bando, non ci sono problematiche particolari"

L'ex direttore tecnico del Como conferma l'intenzione di depositare la documentazione per la manifestazione di interesse: "Non avremo nessun problema a portare i 350mila euro e stiamo lavorando per produrre tutta la documentazione che serve. Lucca resta il nostro obiettivo primario"


sabato, 20 luglio 2019, 14:31

Acquedotto: il Comune dorme, parte la riqualifica di CasaPound

CasaPound è intervenuta con un'azione di riqualifica agli impianti sportivi dell'Acquedotto, un tempo casa della Lucchese: "Da troppo tempo la zona è stata lasciata a se stessa dal Comune". Raccolti sacconi di immondizia, tagliata l'erba della zona esterna al campo da gioco e messo un fissativo all'eternit presente



venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"