Porta Elisa News

Lucchese: cosa ancora non funziona

domenica, 9 settembre 2018, 18:42

di diego checchi

Le sconfitte con Carpi e Ponsacco non devono preoccupare più di tanto ma devono far riflettere su alcune situazioni. Innanzitutto, a Carpi, avevano giocato quelli che Favarin ha sempre schierato come titolari fino ad ora: Madrigali, Lombardo e Martinelli in difesa (Gabbia era impegnato con la nazionale U20), Palumbo e Favale sugli esterni, il trio di centrocampo Greseline-Strechie-Provenzano e in attacco De Feo insieme a Jovanovic con Falcone tra i pali. Bisogna sottolineare che il Carpi è una squadra di categoria superiore e ha dei giocatori che possono fare la differenza, su tutti Piscitella e Mokulu. A parte i primi due gol, la Lucchese ha retto abbastanza bene anche se non si può non evidenziare come sugli esterni, soprattutto a destra, i rossoneri siano andati più volte in affanno ed il povero Palumbo ha trovato un cliente veramente in forma. Diciamo che la Lucchese ha fatto la sua partita anche se, a nostro avviso, deve migliorare dal punto di vista difensivo e nell'aggressione al portatore di palla. Ci è piaciuto Lombardo come centrale della retroguardia a tre, che ha dimostrato di essere un giocatore duttile e capace di ricoprire diversi ruoli. A centrocampo, Strechie ha fatto una buona gara, così come Greselin e Provenzano mentre in attacco Jovanovic ha dimostrato di essere ancora un po' indietro dal punto di vista della condizione e dell'intesa con De Feo.

A proposito, l'ex dell'Ascoli ha svariato per l'intero reparto d'attacco cercando di non dare mai punti di riferimento. Insomma, a Carpi si è visto che Favarin deve far migliorare la squadra soprattutto sull'out di destra, tra il centrocampista ed il difensore ma questi sono automatismi che si potranno affinare con il tempo; ricordiamo che Palumbo si sta riprendendo dopo un anno di inattività e la stessa cosa vale per Madrigali. Onestamente, invece, ci aspettavamo di più dall'amichevole di Ponsacco, anche perché chi è sceso in campo, non avendo giocato da titolare a Carpi, aveva tutto l'interesse a dimostrare le proprie qualità al tecnico Favarin. La Lucchese è però apparsa passiva, ha lasciato il pallino del gioco sempre in mano agli avversari e non ha mai alzato la linea del pressing, sbagliando quasi tutte le scalate e non giocando mai in avanti. 

Di conseguenza, le due punte sono sempre rimaste troppo soloe e non hanno mai impensierito la difesa rosso-blu. È vero però che se andiamo a snocciolare i nomi di chi ha giocato, possiamo dire che molti di loro non avevano quasi mai giocato insieme. In porta c'era Aiolfi, la difesa era composta da Palmese, De Vito e Santovito. A centrocampo, a destra c'era Palumbo e a sinistra Nieri, con Mauri perno centrale, Bernardini mezz'ala destra e Cardore mezz'ala sinistra. Le punte erano Bortolussi e Sorrentino. Comunque ripetiamo che, al di là di chi ha giocato, si è vista veramente tanto la mancanza di agonismo e l'intenzione di andare a pressare in avanti. E questo è un aspetto che ci preoccupa molto. Le amichevoli, però, servono proprio a far migliorare certi atteggiamenti e certi meccanismi e siamo certi che Favarin saprà toccare i tasti giusti per tirare fuori il meglio da tutti i componenti della rosa. Basta dare tempo e fiducia, perché Roma non è certo stata costruita in un giorno, e vogliamo soltanto registrare dei piccoli campanelli d'allarme.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 20 luglio 2019, 16:58

Corda: "Letto il bando, non ci sono problematiche particolari"

L'ex direttore tecnico del Como conferma l'intenzione di depositare la documentazione per la manifestazione di interesse: "Non avremo nessun problema a portare i 350mila euro e stiamo lavorando per produrre tutta la documentazione che serve. Lucca resta il nostro obiettivo primario"


sabato, 20 luglio 2019, 14:31

Acquedotto: il Comune dorme, parte la riqualifica di CasaPound

CasaPound è intervenuta con un'azione di riqualifica agli impianti sportivi dell'Acquedotto, un tempo casa della Lucchese: "Da troppo tempo la zona è stata lasciata a se stessa dal Comune". Raccolti sacconi di immondizia, tagliata l'erba della zona esterna al campo da gioco e messo un fissativo all'eternit presente



venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"