Porta Elisa News

Del Prete, commissario giudiziale: "E' necessario accorciare i tempi"

mercoledì, 22 maggio 2019, 15:26

di fabrizio vincenti

E' una bella gatta da pelare, per quanto nella sua carriera professionale non gli siano mancate, a partire dal fallimento dell'Eurosak di Porcari. Claudio Del Prete, commercialista nonché amministratore unico di Lucca Holding, la cassaforte delle aziende partecipate dal Comune di Lucca, ha accettato l'incarico di commissario giudiziale proposto dal tribunale nella richiesta di concordato preventivo con riserva presentato dall'avvocato Massone per conto dell'attuale proprietario della Lucchese. Del Prete avrà poteri meno incisivi rispetto a quelli del curatore fallimentare, svolgendo funzioni di coordinamento e controllo su tutta l'attività svolta dal debitore, collaborando con quest'ultimo nella gestione dell'attività di impresa e nell'esecuzione degli obblighi concordatari e dovrà riferire al giudice delegato le omissioni, le mancanze e le violazioni eventualmente riscontrate.

"Ho accettato l'incarico – spiega – dovrò vigilare e controllare sulla proposta formulata dalla società per uscire dalla crisi. Dovranno, entro 60 giorni, mettere nero su bianco come intendono fare".

I termini, però, rischiano di essere eccessivi viste le scadenze per l'iscrizione al prossimo campionato che sono prima di fine giugno.

"E' un percorso accidentato e dovrà essere tenuto conto di quelle scadenze per cercare di arrivare a un risultato in tempi più brevi".

Il concordato può essere interrotto?

"I tempi vanno accorciati, altrimenti è una situazione difficilmente recuperabile. C'è uno spiraglio, ma vanno vanno limati i tempi anche per capire se siamo in presenza di manovre dilatorie per evitare il fallimento, e in quel caso ne dovrò riferire".

Controllerà anche le scritture contabili.

"Certamente: dovranno essere depositate. Prima cosa è però importante vedere il percorso che intendono fare".

Quando si incontrerà con i responsabili della società?

"La prossima settimana per conoscere modi e tempi con cui vogliono procedere".

Il rimborso ai creditori è legato a una percentuale?

"No, trattandosi di una soluzione in continuità non è fissata una percentuale minima di rimborso, ma i creditori dovranno, attraverso un'assemblea, come sempre, dare il loro consenso nella misure superiore al 50 per cento del valore dei crediti". 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 18 giugno 2019, 18:21

Del Prete: "A breve arriveranno 150mila euro dalla Lega Pro"

Il commissario giudiziale Claudio Del Prete conferma: "Ho sentito in Lega Pro per svincolo delle cifre che ancora la società deve ricevere, mi hanno detto che stanno completando la rendicontazione, il resto dovrà metterlo chi si è palesato, anche sei versamenti dovrano essere effettuati da un socio"


martedì, 18 giugno 2019, 08:16

Gabbia: "Grazie a tutti, i tifosi ci hanno fatto capire cosa vuol dire amare la propria squadra"

Il rossonero affida a Instagram le sue riflessioni su una stagione che lo ha definitivamente consacrato: "Vorrei ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in questa stagione: i miei compagni, tutto lo staff tecnico / medico, il direttore e la segretaria della Lucchese e grazie a tutto il...



lunedì, 17 giugno 2019, 20:31

Massone: "I soldi ci sono, sono gli adempimenti a essere un ostacolo"

Oggi era il giorno per la presentazione di una serie di documenti inerenti l'impianto: "Depositato un documento sulla indisponibilità del Porta Elisa, una richiesta di deroga e confermata l'assicurazione che entro il 24 sarà presentata la documentazione sull'impianto, peraltro rischiamo solo una multa"


lunedì, 17 giugno 2019, 17:08

A Lucca Tambellini è incapace di tenere aperto il Porta Elisa: ecco cosa fanno gli altri sindaci

Tantissime le realtà coinvolte dalle nuove normative ma solo il Comune di Lucca, come dichiarato dal suo assessore allo sport Ragghianti, sembra essersi fatto trovare del tutto impreparato tanto da non aver elaborato alcun progetto o proposta oltre la migrazione in altro impianto a tempo indeterminato