Porta Elisa News

Del Prete (commissario giudiziale): "Serve si palesino i soggetti altrimenti non si va da nessuna parte"

martedì, 11 giugno 2019, 12:10

Claudio Del Prete, il commissario giudiziale nominato dal tribunale di Lucca per gestire la proposta di concordato preventivo che riguarda la Lucchese chiede di agire. E in fretta. Se i compratori ci sono, si palesino, altrimenti l'epilogo, non ci vuol molto a capirlo, sarà un altro. 

"Mi sono sentito con l'avvocato Massone, servono nuovi passi ora che la salvezza sportiva è stata raggiunta, bisogna che capire se c'è spazio per la salvezza della società. Vanno scoperte le carte. Ho pregato l'avvocato affinché solleciti questi imprenditori. mi ha assicurato che entro 24-48 usciranno fuori: c'è solo da attendere per capire".

Nel frattempo ha effettuato delle operazioni?

"Ho sollecitato, dopo averlo concordato, un chiarimento alla Lega Pro per la vicenda debiti/crediti nei loro confronti, visto chei numeri ballano. Attendo una risposta dalla Lega".

Che tempi prevede?

"Stretti, ovviamente: va chiarito".

Quanto all'eventuale passaggio di proprietà lei è coinvolto a qualche titolo nelle sue vesti di commissario giudiziale?

"No, riguarda chi ha delle quote, non c'è nessun controllo, visto che non si parla di beni della società".

Nei giorni scorsi l'avvocato Massone ha parlato di pagamenti, effettuati nel febbraio scorso, che lui non avrebbe fatto.

"Ho letto, l'esame non l'ho ancora fatto. Sono atti che in caso di falllimento potrebbero essere revocati se c'è stata una lesione del diritto dei creditori. Chiaro che se sono stati pagati i calciatori non c'è lesione, per altri vedremo".

Cosa è stato depositato al 31 maggio come richiesto dalla Lega Pro?

"E' stata presentata una situazione patrimoniale al 31 marzo che ovviamente non ha gli indici in linea con quanto richiesto, è stato fatto quello che si poteva fare visti i tempi". 

Eventuali casi di mala gestio da chi potrebbero essere sollevati?

"Dipende: in caso di fallimento sarà il curatore fallimentare, dovesse andare in porto il concordato dall'assemblea dei soci che proseguirà la gestione". 

Molti tifosi sono preoccupati che la parte degli adempimenti legati al Porta Elisa non venga rispettata.

"E' un altro problema in fase di iscrizione, potrebbe essere necessario giocare qualche gara lontano da Lucca, ma il problema principale oltre al  via libera dalla Lega Pro è capire cosa fa chi compra dopo l'iscrizione per dare seguito al concordato. Serve che si palesino i soggetti, altrimenti non si va da nessuna parte". 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 18 giugno 2019, 18:21

Del Prete: "A breve arriveranno 150mila euro dalla Lega Pro"

Il commissario giudiziale Claudio Del Prete conferma: "Ho sentito in Lega Pro per svincolo delle cifre che ancora la società deve ricevere, mi hanno detto che stanno completando la rendicontazione, il resto dovrà metterlo chi si è palesato, anche sei versamenti dovrano essere effettuati da un socio"


martedì, 18 giugno 2019, 08:16

Gabbia: "Grazie a tutti, i tifosi ci hanno fatto capire cosa vuol dire amare la propria squadra"

Il rossonero affida a Instagram le sue riflessioni su una stagione che lo ha definitivamente consacrato: "Vorrei ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in questa stagione: i miei compagni, tutto lo staff tecnico / medico, il direttore e la segretaria della Lucchese e grazie a tutto il...



lunedì, 17 giugno 2019, 20:31

Massone: "I soldi ci sono, sono gli adempimenti a essere un ostacolo"

Oggi era il giorno per la presentazione di una serie di documenti inerenti l'impianto: "Depositato un documento sulla indisponibilità del Porta Elisa, una richiesta di deroga e confermata l'assicurazione che entro il 24 sarà presentata la documentazione sull'impianto, peraltro rischiamo solo una multa"


lunedì, 17 giugno 2019, 17:08

A Lucca Tambellini è incapace di tenere aperto il Porta Elisa: ecco cosa fanno gli altri sindaci

Tantissime le realtà coinvolte dalle nuove normative ma solo il Comune di Lucca, come dichiarato dal suo assessore allo sport Ragghianti, sembra essersi fatto trovare del tutto impreparato tanto da non aver elaborato alcun progetto o proposta oltre la migrazione in altro impianto a tempo indeterminato