Detto tra noi

Nuovi ingressi, è tempo di dare segnali chiari

mercoledì, 5 luglio 2017, 19:20

di fabrizio vincenti

Bene. Bravi. Bis. La Lucchese e i suoi dirigenti hanno, nei tempi previsti, presentato la fideiussione indispensabile per l'iscrizione al prossimo campionato. Un atto fondamentale, reso ancora più complesso dalle normative attuali che mirano a selezionare le società iscritte alla Lega Pro. Il resto della documentazione, come noto, era stato presentato nei giorni scorsi. Un successo e un merito che vanno ascritti a una compagine che in larga parte è composta prima di tutto da tifosi. E si vede. 

Abbiamo atteso questo fondamentale passaggio dell'iscrizione, e prim'ancora quello che ha visto la Lucchese e tutti noi sognare nei play off, prima di sottoporre alla vostra attenzione alcune questioni. Ci riferiamo, in primis, alla vicenda, un romanzo a puntate, dell'ingresso dei nuovi soci. "Dovrebbero entrare alcuni nuovi soci, alcuni di Lucca altri no. Chiaramente manca ancora la formalizzazione del nero su bianco", così parlava, il 5 febbraio scorso Marco Gonzadi. Il dirigente rossonero, peraltro in buona compagnia, non faceva che ripetere un concetto da tutti espresso: i nuovi soci sono dietro l'angolo. E se ancora non sono arrivati, è per colpa della presenza, ancora aleggiante, di Andrea Bacci. 

Sono passati mesi. Dall'inverno siamo arrivati alla primavera. E da questa all'estate. Anzi, anche questa stagione è entrata nella fase calante, visto che il giorno più lungo dell'anno è ormai alle spalle. Nel frattempo si sono reiterate le dichiarazioni di ingresso, puntualmente non concretizzate. Senza parlare, seconda vicenda, dell'incontro con il sindaco Tambellini e altri primi cittadini della Piana, anch'esso avventuo a inizio anno e di cui abbiamo perso gli sviluppi. Si è parlato della concessione di un parcheggio esterno allo stadio, di individuare nominativi da far entrare in società, di clausole per la convenzione da ricalibrare. Si è parlato anche di un centro sportivo a Capannori. Solo propaganda, l'ennesima, elettorale? 

Sino a poco tempo fa si è sentito parlare di piano A e di piano B, ovvero di un'ipotesi di cessione del pacchetto di maggioranza, a nostro avviso solo aleaotoria, visto che nel frattempo erano stati giustamente riconfermati Obbedio e Lopez, una scelta impensabile nel caso di cessione di maggioranza della società, e di ingressi di piccolo taglio. A distanza di tempo, bene dirlo senza equivoci, non è ancora entrato un imprenditore. Né locale, né di fuori Lucca. E nel frattempo Lucca United, ma si potrebbe dire anche di altri, sta dissanguandosi per ottemperare ai suoi impegni, presi nella convinzione che fossero per un limitato periodo di tempo. Perché? Perché un travaglio così lungo per poi, magari, far entrare soggetti disponibili a sganciare pochi euro? Forse perché la Lucchese, purtroppo, non è ancora appetibile? O per quale altro motivo? O non c'è unanimità suoi nomi da far entrare? Sei mesi per far posto (minimo) a qualcuno ci paiono davvero tanti. Anzi, troppi. Ci auguriamo chehe lugllo sia il mese giusto. 


planet win 365 lucca


#viasangiorgio21


calendario rossonero 2017


Panda


Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 11 gennaio 2018, 18:43

Qualche domanda...

La Lucchese, al netto di alcuni comunicati stampa tranquillizzanti e al netto delle ormai classiche dichiarazioni dell'amministratore unico Carlo Bini – quello che doveva reggere le sorti del club per un arco modesto di tempo e che invece, forse su consiglio del proprio cane bassotto, è alla guida praticamente da...


giovedì, 28 dicembre 2017, 13:22

Carlo Bini: dimissioni, perché no?

Non sappiamo se il cane bassotto di Carlo Bini oltre che, come tutti gli animali, offrire amore e calore, è in grado di consigliare al meglio il suo padrone sulle scelte da fare quando si parla di Lucchese.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px



martedì, 19 dicembre 2017, 10:12

Moriconi non metta in mezzo la Lucchese in nome di altri business

Dante Alighieri, che a Lucca soggiornò e che sui lucchesi ebbe parole non certo tenere, potrebbe trarre nuovi spunti dalla penose vicende della squadra cittadina. E soprattutto arricchire di nuovi personaggi il suo già popolato Inferno. A partire, in realtà, dall'Antinferno, dove il divino poeta, pone gli ignavi.


domenica, 10 dicembre 2017, 08:53

Scommettiamo che...

La settimana che va cominciando potrebbe essere quella decisiva per l'assetto proprietario della Lucchese. Nei prossimi giorni è previsto un nuovo incontro tra i vertici della società rossonera in Comune; stavolta, pare, alla presenza di qualche imprenditore del territorio, o almeno di un loro rappresentante.