Porta Elisa News

Lucchese, il mistero dell'assemblea dei soci di aprile

martedì, 21 maggio 2019, 12:34

di fabrizio vincenti

Il 19 aprile c'è stato il cambio della guardia al vertice della Lucchese, al posto di Umberto Ottaviani è subentrato come amministratore unico il socio di maggioranza Aldo Castelli che detiene il 98 per cento della società. Un cambio, dopo l'inibizione di Ottaviani, a livello sportivo, ma soprattutto in vista della presentazione, avvenuta pochi giorni dopo, della richiesta di concordato in bianco. 

Per fare tutto questo è stata convocata, a Roma, presso lo studio di Enrico Ceniccola, che ha svolto le funzioni di segretario, un'assemblea dei soci proprio in quella data. E dal verbale della riuione che è stato inviato in Camera di Commercio risulta che l'assemblea è stata totalitaria, ovvero che era rappresentato tutto il capitale sociale, oltre a Castelli, Moreno Micheloni e Città Digitali, o di persona oppure con delega.

"Il presidente – si legge nel verbale – constatato e fatto constatare che è rappresentato l'intero capitale sociale, dichiara validamente costituita l'assemblea per deliberare sulle materie iscritte all'ordine del giorno". Tutto chiaro? Mica tanto, perché a Roma, quel giorno, Moreno Micheloni non è mai andato e nemmeno ha prodotto deleghe. E' lo stesso socio rossonero a confermarlo.

"Non sono assolutamente andato a Roma quel giorno – spiega – e nemmeno ho sottoscritto deleghe a chicchesia per rappresentarmi, in quella assemblea non sono mai stato né ho delegato". Già, e allora perché il verbale in Camera di Commercio dice diversamente? Lo abbiamo provato a chiedere al segretario dell'assemblea, che ha redatto il verbale stesso, ovvero Enrico Ceniccola.

"Quel verbale – assicura – rappresenta la realtà. Non c'erano né Anca Moldovan per Città Digitali né Moreno Micheloni. Se abbiamo le deleghe? Certamente. In ogni caso, dopo quell'assemblea ne è stata indetta un'altra stavolta straordinaria dal notaio per avviare l'iter per la richiesta del concordato preventivo a cui era presente solo l'amministratore e indetta un'altra, stavolta per tutti i soci, il 30 maggio, per gli aggiornamenti sulla richiesta al tribunale". Resta però il mistero dell'assemblea totalitaria, con due versioni che divergono di 180° e un documento depositato in Camera di Commercio e consultabile da chiunque.

E a proposito  della richiesta presentata in tribunale, dal quale si attende a breve un pronunciamento, ecco la motivazione principale addotta per giustificare lo stato di crisi societaria: "Complicate situazioni ambientali ed alcuni contenziosi relativi alla validità delle fideiussioni presentate per l'iscrizione al campionato di Lega Pro, hanno impedito alla nuova maggioranza della Lucchese di esprimer un management adeguato e di gestire l'ultimo calciomercato in maniera appropriata". C'è scritto proprio così, in sostanza che non sia stato cacciato praticamente un euro è perché non si è riusciti a produrre un management adeguato, ribadendo, di fatto, che Aldo Castelli era lì senza ragione e senza mezzi economici e finanziari adeguati. 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 18 giugno 2019, 18:21

Del Prete: "A breve arriveranno 150mila euro dalla Lega Pro"

Il commissario giudiziale Claudio Del Prete conferma: "Ho sentito in Lega Pro per svincolo delle cifre che ancora la società deve ricevere, mi hanno detto che stanno completando la rendicontazione, il resto dovrà metterlo chi si è palesato, anche sei versamenti dovrano essere effettuati da un socio"


martedì, 18 giugno 2019, 08:16

Gabbia: "Grazie a tutti, i tifosi ci hanno fatto capire cosa vuol dire amare la propria squadra"

Il rossonero affida a Instagram le sue riflessioni su una stagione che lo ha definitivamente consacrato: "Vorrei ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in questa stagione: i miei compagni, tutto lo staff tecnico / medico, il direttore e la segretaria della Lucchese e grazie a tutto il...



lunedì, 17 giugno 2019, 20:31

Massone: "I soldi ci sono, sono gli adempimenti a essere un ostacolo"

Oggi era il giorno per la presentazione di una serie di documenti inerenti l'impianto: "Depositato un documento sulla indisponibilità del Porta Elisa, una richiesta di deroga e confermata l'assicurazione che entro il 24 sarà presentata la documentazione sull'impianto, peraltro rischiamo solo una multa"


lunedì, 17 giugno 2019, 17:08

A Lucca Tambellini è incapace di tenere aperto il Porta Elisa: ecco cosa fanno gli altri sindaci

Tantissime le realtà coinvolte dalle nuove normative ma solo il Comune di Lucca, come dichiarato dal suo assessore allo sport Ragghianti, sembra essersi fatto trovare del tutto impreparato tanto da non aver elaborato alcun progetto o proposta oltre la migrazione in altro impianto a tempo indeterminato