Rubriche : i talenti del girone A

Bearzotti, la velocità al servizio dell'Arezzo

mercoledì, 8 febbraio 2017, 15:28

di stefano piro

Domenica alle 20,30 andrà in scena Arezzo-Lucchese, che vedrà di fronte due delle squadre più belle del torneo. Tra le mura amiche, l’Arezzo è una macchina da guerra: nove vittorie, due pareggi e zero sconfitte con 18 reti realizzate e sette subite. Inoltre gli amaranto hanno registrato 23 punti sui 30 disponibili nelle ultime dieci partite, che hanno permesso loro di scavalcare la Cremonese al secondo posto e di andare all’inseguimento dell’Alessandria, adesso distante otto lunghezze. Uno dei protagonisti di questa rimonta è un ragazzo di sicuro avvenire che ha trovato il suo spazio tra mostri sacri come Moscardelli ed Erpen.

Il suo nome è: Enrico Bearzotti

Andiamo a scoprire la sua scheda tecnica

Squadra: Arezzo, in prestito dall’Hellas Verona

Data di nascita: 20 ottobre 1996 (età 20)

Luogo di nascita: Palmanova (UD)

Altezza: 1.80 m

Peso: 70 kg

Piede: destro

Ruolo: attaccante ala

Carriera: Enrico Bearzotti cresce nel settore giovanile del Portogruaro. All’età di 16 anni rimane svincolato e viene tesserato dall’ambizioso Pordenone, militante in Serie D. In quell’annata, la 2013-2014, Bearzotti diventa un punto fisso della formazione scendendo in campo 23 volte e mettendo a segno quattro reti. La stagione è fortunata e i neroverdi vengono promossi in Lega Pro. Le ottime prestazioni del giovane friulano non sfuggono all’Hellas Verona, che lo mette sotto contratto e gli fa disputare il campionato primavera dove realizza sei reti in 26 gare. Nell’estate 2015 i dirigenti veneti decidono di mandare il giovane a farsi le ossa a Padova, in Lega Pro. Il suo primo anno tra i professionisti è in chiaroscuro: 15 presenze senza gol. La svolta positiva per la sua carriera da calciatore professionista avviene nel 2016, quando passa sempre in prestito all’Arezzo.

Cosa colpisce: Bearzotti è un attaccante ala che gioca su entrambe le fasce. Gode di una buona velocità e progressione con palla al piede, che gli permettono di incunearsi in area di rigore, nonché di un calcio preciso e morbido e di capacità di smarcamento senza palla, che consentono al mister di utilizzarlo con differenti incarichi negli schemi della squadra.

Presenze 2016-2017: 15

Minuti: 882

Goal: 3

Assist: 3

Prospettiva 2017-2018: Lega Pro

Somiglia a: Raffaele Palladino



prenota questo spazio dim. 520px X 120px

Altri articoli in Rubriche


lunedì, 17 dicembre 2018, 13:58

Belli contro le grandi, si spera efficaci contro le piccole

La Libertas esce dal filotto di partite contro tre fra le squadre più forti del campionato con 5 punti, di cui 3 grazie alla riduzione della penalizzazione, la certezza che al primo tiro in porta degli avversari subisce gol, ma la Pantera ha dimostrato di potersela giocare alla pari anche...


lunedì, 17 dicembre 2018, 09:30

Rassegna stampa: Fumagalli blocca la Lucchese

Non basta una buona Lucchese, una delle migliori viste dall'inizio dell'anno: il Piacenza con un gol di Nicco e a uno strepitoso Fumagalli che si oppone più volte ai tentativi dei rossoneri: ecco come hanno visto giornali del giorno dopo il match con gli emiliani ora in vetta al campionato



venerdì, 14 dicembre 2018, 10:18

Rassegna stampa: un punto importante

Ennesimo pari per la Lucchese che, contro un’avversaria di tutto rispetto, conquista in rimonta un punto importante in chiave salvezza: ecco i giornali del giorno dopo il match casalingo contro la Pro Vercelli nel turno infrasettimanale della sedicesima giornata di campionato


lunedì, 10 dicembre 2018, 09:03

Dacci oggi il nostro punto quotidiano

Ci si accontenta del punto secco, ma al bar si continuerà a chiedersi come sarebbe andata se i cambi fossero arrivati prima. Anzi, se la Lucchese fosse partita subito con gli uomini giusti, la difesa a quattro e un orologio che non funzioni solo per dieci minuti