Detto tra noi

"Potremmo stare un anno fermi": a che gioco giocano Tambellini e Ragghianti?

martedì, 23 luglio 2019, 17:23

di fabrizio vincenti

L'assessore allo Sport, per molti invisibile, Stefano Ragghianti ci ha lasciati di stucco con un intervista a La Nazione di oggi conclusa (testualmente) con un "insomma" alla domanda del cronista di turno sulle prospettive di ampio respiro che potrebbero avere le cordate potenzialmente interessate alla Lucchese. Un'affermazione a nostro modo offensiva per coloro che sinora hanno manifestato interesse e che stride con il canonico moralismo di questa giunta, che si preoccupa di non far sapere i nomi dei tre saggi per garantire massima equità, salvo poi esprimere giudizi del genere senza ancora avere le carte sul tavolo. 

Queste dichiarazioni pubbliche sono peraltro state precedute e seguite da messaggi, sia da parte del sindaco Tambellini che da parte dello stesso assessore Ragghianti a dir poco disarmanti e di questo identico tenore "speriamo non si debba fermare il calcio a Lucca per un anno almeno". Frase, che i due in questione hanno ripetuto più volte in questi giorni a interlocutori diversi, sempre accompagnando l'espressione da un lungo e contrito sospiro. A questo punto la domanda viene spontanea: a che gioco giocate? Il sospetto, nemmeno troppo velato, è che questa gente difficilmente capace di prendersi una che una responsabilità di un certo tenore – e lo stato in cui versa la città lo testimonia (citiamo a caso Manifattura, Mercato del Carmine, Pulia, Palazzetto, Campo di Marte e siamo sicuri di scordarci qualcosa nella fretta...) – voglia mettere le mani avanti.

Una cordata, come dire, non ha certi requisiti, l'altra si basa su sponsor, la terza chissà se mai presenterà documentazione. E con questo poi, con il solito fare pretesco, arrivare, con tono grave e allargando le braccia, a dire che non c'è stato niente da fare. Che il sindaco non se la sente in coscienza, che magari il futuro tra un anno sarà meno avverso, che tutto quello che poteva essere fatto, è stato fatto. Ora, di fatti non ne sono stati prodotti. Tra le città che si trovano in questa incresciosa posizione, Lucca è stata l'ultima a rendere pubblico un bando. Per non dire di quanto non è stato fatto in precedenza a partire dal colposo ritardo con cui è stato prodotto il decreto ingiuntivo sui canoni dello stadio, e non dimenticando gaffes a ripetizioni e indelicatezze varie. Ci manca solo che la giunta Tambellini certifichi la sua insipienza con un flop del genere e in presenza di offerte che, salvo smentite, ci saranno. Inutile provino a mettere avanti le mani. Il giochino non funziona. 


Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 13 settembre 2019, 14:38

Avanti Lucca

"Siete la realtà più importante e dinamica del territorio quando si parla di giornalismo sportivo, possiamo provare a fare qualcosa insieme?".Quando, alcune settimane fa, fummo contattati dai vertici del Basket Le Mura per proporci una collaborazione poi sfociata in un vero e proprio accordo di media partners abbiamo realizzato un...


mercoledì, 28 agosto 2019, 18:26

Porta Elisa: in una calda sera di giugno, 3000 tifosi hanno rischiato chissà cosa. E senza saperlo

Le ultime tragicomiche vicende del Comune di Lucca sul Porta Elisa, con il rientro dalle ferie di assessori e dirigenti, lasciano un vago senso di mortificazione. Mortificazione per come si è ridotta la macchina pubblica, che solo poche settimane fa, prima delle meritate ferie, aveva assicurato che lo stadio sarebbe...



lunedì, 19 agosto 2019, 16:57

Da un rigore all'altro

Abbiamo sempre negli occhi, con il cuore che ancora batte forte, l'ultimo rigore di quella serata magica di Bisceglie, con il portierone rossonero Falcone che corre, pazzo di felicità, verso i 300 altrettanto pazzi, che erano scesi sino in Puglia, fermato, quasi placcato, da Moreno Micheloni.


martedì, 30 luglio 2019, 16:58

Più che l'amarcord, serviranno i fatti. Come sempre

Siamo ancora vivi e, a scanso di equivoci, si può ringraziare un manipolo di persone che negli ultimi giorni, probabilmente dopo aver capito che era inaccettabile l'iscrizione in Eccellenza, si sono spesi ora dopo ora, minuto dopo minuto, per arrivare a iscrivere la nuova Lucchese in serie D.