Detto tra noi

Da un rigore all'altro

lunedì, 19 agosto 2019, 16:57

di fabrizio vincenti

Abbiamo sempre negli occhi, con il cuore che ancora batte forte, l'ultimo rigore di quella serata magica di Bisceglie, con il portierone rossonero Falcone che corre, pazzo di felicità, verso i 300 altrettanto pazzi, che erano scesi sino in Puglia, fermato, quasi placcato, da Moreno Micheloni. Emozioni incancellabili, che terremo sempre strette a noi. Ripartiamo, quando si dice il caso non esiste, da un rigore parato (quello neutralizzato dal nuovo portiere Fontanelli) e da quello realizzato (dall'appena entrato Cruciani). Il dio del pallone a volte di diverte a disegnare trame e storie incredibili, e anche a Forte dei Marmi, davanti a centinaia di tifosi che continuano a non mollare, è stato così. Se si cercava un segno, eccolo.

A guardar bene c'è una metafora in tutto questo. Ovvero che c'è una sola Lucchese. C'è una sola storia. C'è un unico passato, presente, futuro. La Lucchese è e sarà quella di Maestrelli e Grassi, ma anche quella di Fouzi Hadj, o quella di Valentini e Giuliani. E persino quella naufragata sotto le scelte di Moriconi. C'è una sola Lucchese. Piaccia o no. E sbaglia chi, forse per autodifesa per quanto sofferto, cerca di scartare epoche o personaggi. Chi cerca di resettare ogni volta, come se fosse un panno da mettere in lavatrice e sbiancare. Ogni pagina è storia, senza cesure, magari pagata con enormi sofferenze. Anche per questo avremmo preferito che la nuova Lucchese scegliesse, accanto a qualche volto del passato, almeno uno dei protagonisti dello scorso anno, non è stato così. Non sappiamo se per motivi di portafoglio o per deliberata scelta. Fosse la seconda, appunto, non ci parrebbe un buon segnale. Guai a resettare ogni volta, e magari dimenticarsi della Lucchese dovesse uscire dalla propria vita personale. Per questo ci hanno fatto gusto i "mi piace" cliccati ai servizi sulla gara e messi da Luciano Fusini, Andrea Isufaj, Mariano Bernardini e Niccolò Sabatini, tutti rossoneri vicini o lontani ma rimasti tali dentro. 

Di buono, a Forte dei Marmi, c'è stato lo spirito con cui i rossoneri sono scesi in campo: abbiamo visto facce feroci, e tanta bava alla bocca. A partire dai due Nolé e Tarantino che hanno questa maglia davvero sopra al cuore. Per il resto, presto per qualunque giudizio. Attendiamo, semmai, e con maggiore ansia, notizie sui lavori allo stadio, visti i penosi precedenti, e sulla società. Serve lavorare per un progetto a più grande respiro, servono risorse di capitale proprio per guardare al futuro con più serenità. Perché la serie D non può che essere un punto di ripartenza. Sia chiaro. 


Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 13 settembre 2019, 14:38

Avanti Lucca

"Siete la realtà più importante e dinamica del territorio quando si parla di giornalismo sportivo, possiamo provare a fare qualcosa insieme?".Quando, alcune settimane fa, fummo contattati dai vertici del Basket Le Mura per proporci una collaborazione poi sfociata in un vero e proprio accordo di media partners abbiamo realizzato un...


mercoledì, 28 agosto 2019, 18:26

Porta Elisa: in una calda sera di giugno, 3000 tifosi hanno rischiato chissà cosa. E senza saperlo

Le ultime tragicomiche vicende del Comune di Lucca sul Porta Elisa, con il rientro dalle ferie di assessori e dirigenti, lasciano un vago senso di mortificazione. Mortificazione per come si è ridotta la macchina pubblica, che solo poche settimane fa, prima delle meritate ferie, aveva assicurato che lo stadio sarebbe...



martedì, 30 luglio 2019, 16:58

Più che l'amarcord, serviranno i fatti. Come sempre

Siamo ancora vivi e, a scanso di equivoci, si può ringraziare un manipolo di persone che negli ultimi giorni, probabilmente dopo aver capito che era inaccettabile l'iscrizione in Eccellenza, si sono spesi ora dopo ora, minuto dopo minuto, per arrivare a iscrivere la nuova Lucchese in serie D.


martedì, 23 luglio 2019, 17:23

"Potremmo stare un anno fermi": a che gioco giocano Tambellini e Ragghianti?

L'assessore allo Sport, per molti invisibile, Stefano Ragghianti ci ha lasciati di stucco con un intervista a La Nazione di oggi conclusa (testualmente) con un "insomma" alla domanda del cronista di turno sulle prospettive di ampio respiro che potrebbero avere le cordate potenzialmente interessate alla Lucchese.