Detto tra noi

Porta Elisa: in una calda sera di giugno, 3000 tifosi hanno rischiato chissà cosa. E senza saperlo

mercoledì, 28 agosto 2019, 18:26

di fabrizio vincenti

Le ultime tragicomiche vicende del Comune di Lucca sul Porta Elisa, con il rientro dalle ferie di assessori e dirigenti, lasciano un vago senso di mortificazione. Mortificazione per come si è ridotta la macchina pubblica, che solo poche settimane fa, prima delle meritate ferie, aveva assicurato che lo stadio sarebbe stato disponibile per le prime settimane di settembre sia pure a capienza ridotta. Si chiama incompentenza ma di questa nessuno ne risponderà, a partire dall'assessore allo Sport. 

Mortificazione per quanto fatto, ultimo caso la delibera di assegnazione di una perizia a uno studio per verificare come effettuare i lavori all'impianto di illuminazione adeguati alla serie C. Avete letto bene: serie C. Praticamente in ritardo di mesi e mesi su quanto richiesto dalla Lega Pro. Nel frattempo, mentre sull'albo pretorio non era ancora pubblicata la determina, se non andiamo errati da 25mila euro circa, la Lucchese ha fatto in tempo a fallire, risorgere sotto altre vesti e naturalmente perdere la categoria professionistica. Ma i tempi di questi fantastici amministratori sono questi: e così la determina è comparsa dopo tutti questi terremoti. Ovviamente ormai totalmente inutile. 

Mortificazione anche per l'intelligenza di tutti noi: ogni giorno, senza mai dire sino in fondo la verità, da Palazzo Orsetti trapelano notizie sempre più allarmanti sullo stato del Porta Elisa, un quadro a tinte sempre più fosche, quasi un teatro di guerra dove anche solo mettervi piede sembra essere un pericolo mortale. Antisismica inesistente – di grazia ci spiegate comprese le stanze dove ponete le vostre nobili terga in Comune se rispettano questi parametri? – staticità degna di un quartiere irpino negli anni '80 e via dicendo. E allora, solo ora, ci rendiamo conto del grave pericolo che abbiamo, che hanno corso i 3000 che si presentarono il primo giugno al Porta Elisa per sostenere la Lucchese nella gara di andata con il Bisceglie? La relazione era già nota in Comune, i problemi in alcuni casi erano conosiuti da mesi ma sottaciuti  e ovviamente guardandosi bene dal ricercare una soluzione. Lo stadio fu comunque aperto pur alle prese con problemi di tale drammatica rilevanza?

Ora, però, non è più buono nemmeno per organizzare una festa di compleanno di una scuola elementare. Dalle parole dell'assessore allo Sport abbiamo infine capito una cosa: la tribuna coperta non riaprirà più, se non quando, forse mai, forse tra anni, lo stadio sarà pesantemente ristrutturato. Siamo all'accanimento burocratico con evidenti conseguenze anche sul piano prettamente sportivo e degli sviluppi societari, mentre tutto intorno la città cade a pezzi. E' semplicemente una vergogna di cui l'amministrazione Tambellini, insieme a altre, si dovrà fare carico. Auguriamoci non si debba aggiungere anche l'iter per assegnare lo stadio da ristrutturare e finalmente messo a reddito da chi si renderà disponibile a farlo. Hanno dormito per anni, ora bene si sveglino. E alla svelta. 


Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 15 gennaio 2020, 17:05

A proposito degli spettatori del Porta Elisa...

Pochi? Tanti? Il dibattito sulle presenze al Porta Elisa non ci appassiona ormai da anni: Lucca è questa, e ci sarebbe molto da dire su una cittò che fa delle mediocrità il suo tratto distintivo, a partire dalla sua (presunta) classe dirigente.


mercoledì, 1 gennaio 2020, 10:22

Fuga da Alcatraz in diciassette mosse

Un anno intenso, drammatico, anche sportivamente parlando, eppure, o forse proprio per questo, indimenticabile. Il 2019 è stato consegnato alla sua storia e il 2020 per la Lucchese dovrà essere l'anno della fuga. Fuga da quella prigione che è la Serie D, dove i rossoneri si stanno trascindando su campi...



martedì, 24 dicembre 2019, 07:58

Alessandro uno di noi

"Come va la Lucchese? Ci si fa farà a rialzare la testa?": parole ripetute ogni volta o quasi che ci mettevamo su quella scomoda, maledetta poltrona. Una fobia o quasi, quella della poltrona del dentista, che Alessandro riusciva sempre, con un sorriso, una battuta, uno sguardo, a far evaporare o...


giovedì, 19 dicembre 2019, 16:06

O capitano, mio capitano

Toc. O deng. Non lo ricordiamo nemmeno più quel suono di un pallone che cozza in un palo metallico di una porta. Era il 2002, e insieme a un maledetto gol, anzi un golden gol, di un maledetto francese di due anni prima, è la più grande delusione sportiva della...