Detto tra noi

Avanti Lucca

venerdì, 13 settembre 2019, 14:38

di fabrizio vincenti

"Siete la realtà più importante e dinamica del territorio quando si parla di giornalismo sportivo, possiamo provare a fare qualcosa insieme?".Quando, alcune settimane fa, fummo contattati dai vertici del Basket Le Mura per proporci una collaborazione poi sfociata in un vero e proprio accordo di media partners abbiamo realizzato un piccolo sogno.

Premettiamo: non siamo personalmente appassionati di basket, ma lo seguiamo come ogni altro sport dove ci sono Lucca e i suoi simboli. Abbiamo gioito per uno scudetto incredibile che resterà un unicum nella storia sportiva (presumibilmente non solo cestistica) della città. Abbiamo ingoiato amarezze a sapere che quelle ragazze non avrebbero potuto rappresentare Lucca a livello internazionale perché la miseria umana (intesa come impego sociale) del tessuto industriale cittadino (che qualcuno ha pure il coraggio di difendere...) non ebbe nemmeno la forza di frugarsi in tasca per trovare, se non andiamo errati, 80mila euro complessivi necessari per partecipare alla Coppa Campioni. Del resto, sono i soliti volti noti che hanno assistito immobili, a volte con il sorrisetto stampato sulle labbra mentre curano i loro orticelli, a tre fallimenti della Lucchese.

Il Basket Le Mura, per tanti aspetti, ci ricorda l'avventura di Gazzetta Lucchese che fa leva sulla professionalità mai scissa dalla passione. Un'accoppiata che ha regalato, forse qualcuno non lo ricorda, dieci campionati consecutivi nella massima serie di basket femminile. Ecco perché forse l'incontro, a un certo punto, era inevitabile. Strade diverse, che finiscono per incrociarsi nel nome di Lucca. Da parte nostra accettiamo la sfida con orgoglio, sapendo che sarà impegnativa quanto affascinante. Se quello che è il principale organo di informazione di chi segue la Lucchese (3,5 milioni di visite dal giugno 2018 al giugno 2019, grazie!) viene indicato come il soggetto giusto per seguire in prima persona la formazione di eccellenza del basket cittadino, a vincere sono stati ancora una volta i tifosi rossoneri che ci continuano a dare fiduciae a farci crescere.

Alcuni dei quali, peraltro, seguono entrambe le formazioni. Ci auguriamo che questo interscambio sia destinato a crescere e non scordiamo che mentre la Lucchese si dibatteva nell'ennesima deriva societaria e salvava la categoria l'incitamento ai rossoneri e alla loro splendida, folle avventura è arrivato proprio dal Basket Le Mura e dall'Atletica Virtus. C'è Lucca, prima di tutto. Lo pensiamo convintamente. Se questa città vorrà un giorno decidere di crescere e uscire dalla miopia a volte soffocante, dovrà provare a delineare una polisportiva che raccolga sotto il nome di Lucchese (e i suoi colori) le migliori energie della città. Lucchese calcio, Lucchese basket, Lucchese rugby, Lucchese atletica, Lucchese volley. Impossibile? Forse, ma sognare rende più dolce la vita. Avanti Lucca. 

 


Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 28 agosto 2019, 18:26

Porta Elisa: in una calda sera di giugno, 3000 tifosi hanno rischiato chissà cosa. E senza saperlo

Le ultime tragicomiche vicende del Comune di Lucca sul Porta Elisa, con il rientro dalle ferie di assessori e dirigenti, lasciano un vago senso di mortificazione. Mortificazione per come si è ridotta la macchina pubblica, che solo poche settimane fa, prima delle meritate ferie, aveva assicurato che lo stadio sarebbe...


lunedì, 19 agosto 2019, 16:57

Da un rigore all'altro

Abbiamo sempre negli occhi, con il cuore che ancora batte forte, l'ultimo rigore di quella serata magica di Bisceglie, con il portierone rossonero Falcone che corre, pazzo di felicità, verso i 300 altrettanto pazzi, che erano scesi sino in Puglia, fermato, quasi placcato, da Moreno Micheloni.



martedì, 30 luglio 2019, 16:58

Più che l'amarcord, serviranno i fatti. Come sempre

Siamo ancora vivi e, a scanso di equivoci, si può ringraziare un manipolo di persone che negli ultimi giorni, probabilmente dopo aver capito che era inaccettabile l'iscrizione in Eccellenza, si sono spesi ora dopo ora, minuto dopo minuto, per arrivare a iscrivere la nuova Lucchese in serie D.


martedì, 23 luglio 2019, 17:23

"Potremmo stare un anno fermi": a che gioco giocano Tambellini e Ragghianti?

L'assessore allo Sport, per molti invisibile, Stefano Ragghianti ci ha lasciati di stucco con un intervista a La Nazione di oggi conclusa (testualmente) con un "insomma" alla domanda del cronista di turno sulle prospettive di ampio respiro che potrebbero avere le cordate potenzialmente interessate alla Lucchese.