Detto tra noi

ProviamoCi

lunedì, 4 novembre 2019, 17:50

di fabrizio vincenti

I segnali di risveglio iniziano a esserci. La Lucchese vista a Sesto Fiorentino, sotto un diluvio di pioggia, inizia a prendere forma. Inizia a far sognare i tifosi, quelle centinaia di irriducibili che stanno continuando, nonostante tutto a seguirla, a amarla, a soffrire per lei. La squadra di Monaco, il cui destino sino a poche settimane fa era incerto, inutile negarlo, sta iniziando a avere un carattere. E poi, si sa, le vittorie aiutano. E quella contro i lanieri, giunta al termine di una gara di sofferenza, ma anche di combattimento, carattere e forza, è di quella che possono valere l'innesco di un intero campionato.

Il torneo, del resto, pare ancora alla ricerca di protagoniste. La Lucchese, con un cammino per ora poco più che mediocre  (tre vittorie in dieci gare) è a quattro punti dal primato. Segno che la partita è ancora assolutamente giocabile, il Prato, tra le favorite, ha già raccolto quattro stop, il Chieri stenta, solo il Casale sembra aver trovato continuità. Ecco perché non provarci sarebbe un delitto: la Lucchese deve crederci con tutte le sue forze. E nel leggere le dichiarazioni dei suoi protagonisti, il concetto pare iniziare a fare breccia dopo più di qualche reticenza e prudenza iniziali. 

Assurdo pensare di dover attendere. Attendere cosa? Che si faccia lo stadio? Serviranno anni, mettiamocelo e mettetevelo in testa. Possibile ipotizzare (almeno) tre-quattro anni di inferno nei dilettanti? La Lucchese e i suoi tifosi dovranno fare i conti con campionati giocati in trasferta, e peraltro siamo convinti che ritrovare i professionisti potrebbe accelerare anche le lunghe operazioni che fanno da corredo alla partita dello stadio. Senza considerare che anche predisporre una squadra per vincere non significa fare centro. La storia è piena di buone intenzioni rimaste tali. E che la colonna dei costi, in serie D, non trova corrispettivo in quella dei ricavi. Ergo, va sfruttata questa occasione. Senza indugiare. 

Nel frattempo, come è stato per il ruolo di portiere, dove l'arrivo di Coletta ha dato sicurezza a tutto il reparto permettendo di avere ricambi comunque validi, la società dovrà individuare una punta in grado di fare la differenza. Serve come il pane per fare quel salto di qualità che potrebbe tornare a fare sognare tutti. ProviamoCi. 


Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

Si torna a casa!

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione...


domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.



giovedì, 2 aprile 2020, 12:25

Campionato, ciao

In mezzo a questa vera e propria tempesta che sta demolendo, una a una, tutte le certezze che gli uomini, evidentemente mai abbastanza edotti dagli insegnamenti della Storia, si erano dati, si fa fatica a parlare di calcio.


sabato, 14 marzo 2020, 17:37

#piùfortiditutto

Ci verrebbe da scrivere di un ministro di questa disgraziatissima Repubblica che nel giro di dodici ore chiede, strepita, batte i piedi per una diretta televisiva in chiaro di una partita, per poi, sempre strepitando sgraziatamente, invocare la sospensione del campionato, il tutto mentre una manciata di ore prima acconsente...