Detto tra noi

A proposito degli spettatori del Porta Elisa...

mercoledì, 15 gennaio 2020, 17:05

di fabrizio vincenti

Pochi? Tanti? Il dibattito sulle presenze al Porta Elisa non ci appassiona ormai da anni: Lucca è questa, e ci sarebbe molto da dire su una città che fa delle mediocrità il suo tratto distintivo, a partire dalla sua (presunta) classe dirigente. Di certo le presenze allo stadio non possono non aver risentito dei tre fallimenti, l'ultimo a dir poco incredibile, in una manciata di anni. E' però ancora fresca la memoria di quando solo in curva, anche in serie C, si ritrovavano più di 2000 persone. Ma la situazione attuale è questa, e con questa si devono fare i conti. E allora andiamo a vedere questi numeri per comprendere meglio il reale peso delle presenze allo stadio.

Domenica scorsa, quando i rossoneri hanno perduto contro il Borgosesia, sui gradoni del Porta Elisa, tra abbonati e paganti, si sono ritrovati in oltre mille. Numeri importanti per la serie D, ma anche per la C. Il perché è presto detto, e basta dare un'occhiata alle presenze nel girone A della serie C, quello in cui militerebbe la Lucchese senza gli orribili guasti societari della scorsa stagione, visto che la formazione guidata da Favarin si era salvata su campo. Domenica scorsa, per Pontedera-Renate erano presenti 585 persone, Alessandria-Carrarese, uno dei big match di giornata, 1450. Il record delle presenze va a Arezzo-Pianese, che ha visto 2100 persone sugli spalti; per Como-Gozzano si sono ritrovati in 1800, mentre per Pro Vercelli-Lecco in 1100. A Pistoiese-Pergolettese hanno assistito 750 spettatori, mentre Giana-Olbia ha visto solo 420 presenti. 

I numeri parlano chiaro: la Lucchese, pur in categoria inferiore, genera un numero di spettatori superiore a quello di molti campi di C. E non basta. C'è un altro dato che aiuta a capire come i rossoneri viaggino su numeri non distanti dal recente passato: lo scorso anno al Porta Elisa si registrò una media di 1068 presenze, ovviamenta a causa dell'abisso societario, ma a concorrere a quella media ci sono le oltre 4400 persone per il derby con il Pisa. A conti fatti, la Lucchese ha di nuovo più o meno il pubblico dello scorso anno. Starà alla società, alle prospettive legate al rifacimento dell'impianto (incrociamo le dita quando c'ò la burocrazia comunale di mezzo...)  e, prima di tutto, ai risultati del campo,  creare le condizioni per far tornare nuovi (vecchi) tifosi. Per ora il dato è chiaro: la categoria non ha impedito a quel migliaio di inguaribili appassionati di essere, come sempre, accanto alla Pantera. 


Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

Si torna a casa!

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione...


domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.



giovedì, 2 aprile 2020, 12:25

Campionato, ciao

In mezzo a questa vera e propria tempesta che sta demolendo, una a una, tutte le certezze che gli uomini, evidentemente mai abbastanza edotti dagli insegnamenti della Storia, si erano dati, si fa fatica a parlare di calcio.


sabato, 14 marzo 2020, 17:37

#piùfortiditutto

Ci verrebbe da scrivere di un ministro di questa disgraziatissima Repubblica che nel giro di dodici ore chiede, strepita, batte i piedi per una diretta televisiva in chiaro di una partita, per poi, sempre strepitando sgraziatamente, invocare la sospensione del campionato, il tutto mentre una manciata di ore prima acconsente...