Detto tra noi

Vi vogliamo così. Anzi, ancora meglio

domenica, 2 febbraio 2020, 23:29

di fabrizio vincenti

Ormai è un marchio di fabbrica. Questa Lucchese ti fa smadonnare, ti imprecare come fanno imprecare tutti coloro che si ritiene abbiano talenti mal sfruttati, e poi, come un orologio svizzero, tira fuori il meglio dal suo repertorio. Pesca risorse anche fisiche – a proposito, non sarà mai ringraziato abbastanza Riccardo Guidi per quanto fa da anni per garantire la migliore preparazione ai rossoneri – che sembrano latitare nell'etere, sprinta i motori, morde gli avversari, dopo averli illusi di essere, ancora una volta, sottotono. E vince. Era successo a Prato, a Caronno, è successo anche a Sanremo, al cospetto di quella formazione che nel girone di andata, al Porta Elisa, destò la migliore impressione.

Nella città del Festival è maturata l'ennesima gara dai due volti, che ha però confermato che se la Lucchese gioca con la consapevolezza dei proprio mezzi, può davvero essere seconda a nessuno. Serve costanza, serve di eliminare certe timidezze, quasi paure, iniziali e anche una qualche tendenza a adagiarsi, a speculare cercando il massimo risultato con il minimo sforzo. Una tattica che ha prodotto anche punti, basti pensare a alcune gara casalinghe o a alcuni raid esterni, ma non gioco. E che rischia di non bastare quando davanti hai squadre toste. Contro di esse, la Lucchese deve giocare con il coltello tra i denti, niente fioretto e gestioni attendistiche, sfruttando le sue armi migliori e i numeri dei suoi giocatori. Quando lo ha fatto, non hai mai avuto da pentirsene. Dalla Riviera dei Fiori è arrivata l'ultima conferma: con un secondo tempo sulla scorta del primo, i liguri avrebbero portato a casa il risultato. E invece è arrivata una vittoria bellissima, davanti a un pubblico commovente che proietta la Lucchese in vetta. 

Alzi la mano chi non ha mai guardato la classifica in questi mesi, controllando i punti di distacco dai rossoneri delle varie battistrada che si sono avvicendate. Per carità, fanno bene i dirigenti a buttar acqua sul fuoco, serve calma, serve umiltà, serve determinazione, ferocia e niente battute a vuote. Ecco perché quel gruppo che si è formato a centrocampo a fine gara con tutti i rossoneri in cerchio a caricarsi a vicenda e a chiedersi ancora maggior impegno e costanza è la foto del momento. E forse la garanzia di un sogno che tutti, in cuor nostro, coltiviamo. I giocatori per primi. Vi vogliamo così. Anzi, ancora meglio. Vi vogliamo cattivi e determinati per tutta la gara. Ce la potete fare. Ce la farete. 

 

 


Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 20 febbraio 2020, 17:25

C'è un sogno dietro l'angolo

"Basta vincerle tutte e sarà promozione", scrive un nostro lettore sul profilo Facebook di Gazzetta Lucchese. Non fa una piega. Ma sarà tutt'altro che una passeggiata, non solo per i tanti scontri diretti che attendono ancora gli uomini di mister Monaco (nell'ordine Prato, Seravezza e Caronnese), ma anche perché la...


martedì, 11 febbraio 2020, 14:47

Via la politica dalla Lucchese? Sì, a targhe alterne

C'è un'aria particolare intorno alla Lucchese. Lo diciamo ora a scanso di equivoci, ma dopo che alcuni eventi, messi in sequenza, ci hanno confermato che qualcosa si sta muovendo. Di cosa parliamo? Ricordate il refrain usato dalle anime belle cittadine per evitare si politicizzasse lo stadio? E' andato avanti per...



lunedì, 27 gennaio 2020, 17:51

"Iadaresta portaci in testa"

"Iadaresta portaci in testa": è stato questo uno dei primi commenti comparsi sul profilo Facebook di Gazzetta Lucchese nel giorno dell'annuncio dell'acquisto dell'attaccante che sembra un corazziere. Rime baciate che solo ai tifosi vengono in un attimo, perché vivono ogni istante animati dalla passione, quella passione che è anche inventiva,...


mercoledì, 15 gennaio 2020, 17:05

A proposito degli spettatori del Porta Elisa...

Pochi? Tanti? Il dibattito sulle presenze al Porta Elisa non ci appassiona ormai da anni: Lucca è questa, e ci sarebbe molto da dire su una cittò che fa delle mediocrità il suo tratto distintivo, a partire dalla sua (presunta) classe dirigente.