Detto tra noi

Campionato, ciao

giovedì, 2 aprile 2020, 12:25

di fabrizio vincenti

In mezzo a questa vera e propria tempesta che sta demolendo, una a una, tutte le certezze che gli uomini, evidentemente mai abbastanza edotti dagli insegnamenti della Storia, si erano dati, si fa fatica a parlare di calcio. Almeno noi, finiamo per averne un certo rigetto, come lo si avverte per quelle cose che erano e non sono più e che richiamarle alla mente finiscono per suscitare più amara nostalgia che un benefico ristoro dovuto al ricordo. Non a caso, stiamo evitando di riguardarci partite, anche storiche, pagine di gloria calcistica nazionale, che stanno trasmettendo in questa clausura forzata che sa di arresto domiciliare di massa e sul quale ci sarebbe molto da dire. Lo risparmiamo, anche se la domanda sul quando e come questa emergenza finirà e come un accrocchio di improvvisati e inadeguati guidatori pensa di uscirne, sorge naturale. Uscirne da un punto di vista sanitario e economico. 

Tra le poche certezze, venendo alle questioni di casa nostra, ovvero al calcio minore, ci pare di poter annoverare quella della conclusione della stagione. A differenza dei campionati professionistici, dove siamo convinti faranno il possibile e forse l'impossibile per non far deragliare la stagione, visti i copiosi interessi che vi gravitano intorno, tra i dilettanti non vediamo proprio come i campionati possano giungere alla loro naturale conclusione. E' inimmaginabile che in realtà come quelle lombarde, venete, emiliane, piemontesi, ma aggiungiamo che le nostre, si possa tranquillamente riprendere l'attività a maggio. E questo al di là delle parole di un ministro dello Sport che farebbe bene a tornare da dove è venuto, scegliendo tra il suo passato di segretario particolare del presidente campano dell'Udeur (sì, il partito di Mastella), di capo segreteria di Rutelli, di presidente Unicef Italia oppure nel Movimento 5 Stelle, sua ultima tappa di un cammino che lo ha portato a dirigere, con quale titolo viste certe uscite, lo sport. 

Non vediamo quindi come il campionato dei rossoneri possa ripartire, tanto meno a porte chiuse, visto che gli incassi tra i dilettanti sono una delle poche fonti di sostentamento. E poi, lo vedete un qualunque imprenditore che finanzia con le sue risorse la propria squadra e che alla ripresa (chissà quando chissà come) della sua attività, azzerata dall'emergenza, pensa a far ripartire la squadra della sua città o spesso della sua cittadina o paese distogliendo mezzi? E riuscite a immaginare come sarebbe possibile garantire sicurezza da parte di società dilettantistiche? Ci pare francamente impossibile. Dunque la Lega Nazionale Dilettanti, che nell'emergenza ha avuto il grande merito di parlare chiaro e di farlo subito con cognizione di causa e lungimiranza, è chiamata, con tutta probabilità, a una scelta che non può che essere tra due opzioni: o annullare la stagione, cancellando quanto fatto sinora, o cristallizzare le classifiche. Inutile dire per quale ipotesi tiferemmo, ma dobbiamo riconoscere che non vorremmo essere nei panni del presidente Sibilia. La scelta non è semplice, come si può facilmente comprendere. 

 


Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 14 giugno 2020, 14:57

Monaco, una conferma più che logica

Nella medesima settimana che ha sancito l'ufficializzazione del ritorno in Serie C della Lucchese, un'altra buona notizia: la società ha confermato Francesco Monaco sulla panchina rossonera. Niente era dovuto, a maggior ragione in un mondo come quello del calcio dove si fa molto alla svelta a dimenticare, ma di certo...


lunedì, 8 giugno 2020, 21:54

8 giugno festa rossonera

Le immagini si affollano. Si sovrappongono. Finiscono comunque per emozionare. E' strano festeggiare così. E' strano non poter urlare tutto quello che si ha dentro. E' strano, perché ce lo immaginavamo diverso questo momento. Ce lo immaginavamo come l'esultanza sotto l'acqua di Prato e di Caronno, come la corsa sfrenata...



venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

Si torna a casa!

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione...


domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.