Detto tra noi

Si torna a casa!

venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

di fabrizio vincenti

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione di giorni. Oggi il Consiglio della Lega Nazionale Dilettanti, recependo un invito della Figc che due giorni fa aveva dichiarato conclusi i campionati dilettantistici, ha definito i criteri di promozione e retrocessione. Come ampiamente annunciato, la prime di ogni girone, tra cui la Lucchese, sono state proposte per il passaggio in categoria superiore (in attesa della ratifica del Consiglio federale della Figc che non è stato ancora fissato, ma ce dovrebbe tenersi nei primi giorni di giugno).

Decisivo, dunque, il gol realizzato da Iadaresta nell'ultima partita disputata, quella contro il Ligorna, che ha permesso ai rossoneri di mantenere un punto di vantaggio sul Prato (48 a 47 al momento dell'interruzione del campionato). Una gara, quella contro il Ligorna, che oltre a essere l'ultima sul campo si è rivelata fondamentale quanto sofferta, con i rossoneri per oltre un'ora in dieci uomini e con il gol partita siglato al 19' del secondo tempo dall'attaccante mentre il Prato stava abbondantemente vincendo (3-0) contro il Vado. La sensazione che l'impresa fosse possibile l'abbiamo maturata perà domenica dopo domenica fuori casa, dove la Lucchese, a nostro avviso, ha dato il meglio di sé, fatto di grinta e volontà. Prato. Caronno. Sanremo. Savona. Tutte tappe, sofferte e non scontate, di un cammino che ha acceso la speranza, che ha reso possibile credere che l'ennesima discesa negli inferi potesse durare un solo anno. Anche troppo, considerando i patimenti sofferti negli ultimi venti anni. 

La Lucchese, al di là, del drammatico epilogo deciso della pandemia, ha meritato il primo posto grazie a una straordinaria rincorsa che l'ha vista da ottobre in poi scalare posizioni su posizioni in classifica dopo una partenza davvero complicata. A fine torneo i rossoneri di mister Monaco vantano la miglior difesa e il secondo maggior numero di vittorie in campionato, oltre a aver battuto nell'unico scontro diretto disputato i lanieri sul loro terreno. In attesa della ratifica della Figc, Lucca può finalmente iniziare a programmare il ritorno nei professionisti. Ancora una volta, la Lucchese è risorta dalle sue ceneri grazie al lavoro svolto da tutte le sue componenti. Un piccolo miracolo, visti i tempi a disposizione e una ripartenza che nel luglio scorso, dopo l'ennesimo fallimento e con una salvezza da incorniciare sul campo e umiliata dai dissesti societari, sembrava davvero difficile. Forza Pantera. E lunedì 25 maggio sono 115! Il compleanno è dolce. Dolcissimo. Prima di tutto per i tuoi tifosi, che meritavano di poter festeggiare sul campo e che ancora una volta non hanno mollato. Straordinariamente. 


Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 19 luglio 2020, 16:51

Un'estate senza te

Passano i giorni, corrono le settimane, ma per chi non si accontenta del calcio versione covid della Serie A (con appendici altrettanto patetiche nelle due serie inferiori), il pallone non ha ancora ripreso a rotolare. Viviamo quasi in una dimensione sospesa, le stesse notizie arrivano con il contagocce.


domenica, 14 giugno 2020, 14:57

Monaco, una conferma più che logica

Nella medesima settimana che ha sancito l'ufficializzazione del ritorno in Serie C della Lucchese, un'altra buona notizia: la società ha confermato Francesco Monaco sulla panchina rossonera. Niente era dovuto, a maggior ragione in un mondo come quello del calcio dove si fa molto alla svelta a dimenticare, ma di certo...



lunedì, 8 giugno 2020, 21:54

8 giugno festa rossonera

Le immagini si affollano. Si sovrappongono. Finiscono comunque per emozionare. E' strano festeggiare così. E' strano non poter urlare tutto quello che si ha dentro. E' strano, perché ce lo immaginavamo diverso questo momento. Ce lo immaginavamo come l'esultanza sotto l'acqua di Prato e di Caronno, come la corsa sfrenata...


domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.