Detto tra noi

8 giugno festa rossonera

lunedì, 8 giugno 2020, 21:54

di fabrizio vincenti

Le immagini si affollano. Si sovrappongono. Finiscono comunque per emozionare. E' strano festeggiare così. E' strano non poter urlare tutto quello che si ha dentro. E' strano, perché ce lo immaginavamo diverso questo momento. Ce lo immaginavamo come l'esultanza sotto l'acqua di Prato e di Caronno, come la corsa sfrenata a San Remo al gol di Nannelli per immortalare il momento dell'abbraccio sotto il settore ospiti, come la sofferenza patita nella partita con il Ligorna, con quel gol di Iadaresta, di fatto l'ultimo, quello che vale la promozione, da difendere con le unghie e con i denti. Ci sognavao gli abbracci. Le feste. Le bandiere. 

E invece il ritorno in Serie C è passato, come tante altre volte sicuramente meno liete, in attesa di un comunicato da Roma. In attesa che la Figc scrivesse la parola fine sui campionati cosiddetti minori. Che da quegli uffici, da quella riunione si mettesse il bollino, la vidimazione notarile, che la Lucchese era di nuovo tra i professionisti. La poesia del calcio ne esce a pezzi, ancora di più se si pensa che i tifosi non sono nemmeno nelle condizioni di festeggiare causa emergenza sanitaria. E' una promozione strana, non possiamo far finta di non saperlo. Ma non per questo meno meritata o meno importante. La Lucchese torna a casa, e finalmente si può sorridere. 

A dare calore ci hanno pensato, nonostante tutto, coloro che vogliono bene alla Lucchese, e sono tanti, più di quanti si immagini, lo abbiamo visto ancora una volta nella diretta on line messa in piedi per tutto il pomeriggio. Centinaia di messaggi, alcuni toccanti. Condivisioni. Visualizzazioni con numeri da altre categorie. Nessuno è sceso in strada, a differenza di altre realtà, ma la voglia di godersi il momento, di sorridere pensando ai colori rossoneri c'è stata e c'è tutta. Quella voglia che avrebbero avuto anche molti che ci hanno lasciati negli ultimi mesi e che portavano la Lucchese nel cuore. Davvero tanti. Questo successo è dedicato prima di tutto a loro. Una comunità è anche questo, è un testimone che passa da una mano all'altra quando la prima non ha più la forza e pone il simbolo della gara in un'altra perché la tenga in alto, perché la conservi, perché la difenda. E la Lucchese con i suoi tifosi è una comunità. Brontolona a volte, distaccata altre, ma pronta a rimanere vicina al suo simbolo. L'8 giugno, dopo quello segnato dalle lacrime incancellabili di Bisceglie, è ancora una volta una data rossonera da segnare sul calendario. La Pantera, ancora una volta, è stata più forte di tutto. 


Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 14 giugno 2020, 14:57

Monaco, una conferma più che logica

Nella medesima settimana che ha sancito l'ufficializzazione del ritorno in Serie C della Lucchese, un'altra buona notizia: la società ha confermato Francesco Monaco sulla panchina rossonera. Niente era dovuto, a maggior ragione in un mondo come quello del calcio dove si fa molto alla svelta a dimenticare, ma di certo...


venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

Si torna a casa!

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione...



domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.


giovedì, 2 aprile 2020, 12:25

Campionato, ciao

In mezzo a questa vera e propria tempesta che sta demolendo, una a una, tutte le certezze che gli uomini, evidentemente mai abbastanza edotti dagli insegnamenti della Storia, si erano dati, si fa fatica a parlare di calcio.