Detto tra noi

Monaco, una conferma più che logica

domenica, 14 giugno 2020, 14:57

di fabrizio vincenti

Nella medesima settimana che ha sancito l'ufficializzazione del ritorno in Serie C della Lucchese, un'altra buona notizia: la società ha confermato Francesco Monaco sulla panchina rossonera. Niente era dovuto, a maggior ragione in un mondo come quello del calcio dove si fa molto alla svelta a dimenticare, ma di certo la scelta di mantenere lo storico capitano di mille battaglie è da valutare più che positivamente. 

Alcune perplessità, soprattutto nella parte iniziale della stagione erano affiorate in molti, probabilmente anche all'interno della società. I risultati che non arrivavano e un gioco che, specie in casa, veniva giudicato poco spettacolare e troppo sparagnino, unito a alcune timidezze nelle fasi iniziali della gara, avevano fatto sorgere qualche dubbio. Di certo non sull'uomo e il professionista, a cui Lucca sportiva dovrebbe erigere una statua, quanto semmai sulla compatibilità con quella rosa e con quel campionato.

A conti fatti, Monaco ha comunque saputo forgiare quel gruppo di ragazzi: è impensabile che tutte quelle rimonte, quella voglia di non mollare mai, quello spirito tignoso di chi, un po' come la Juventus, non alza mai bandiera bianca e sa sempre soffrire non siano passati dal carattere di Monaco che è stato bravissimo a trasmetterli ai suoi giocatori. La scalata in classifica, domenica dopo domenica, porta anche la firma dell'allenatore originario di Brindisi. Che dunque merita la conferma, non come atto di affetto per quello che rappresenta (ed è tantissimo) ma per quello che ha saputo offrire come tecnico in questo campionato segnato dall'ennesima rinascita e da un virus terribile.

Monaco, come tutti, è ora atteso da un campionato ricco di incognite, basti pensare che non si sa ancora quali saranno le regole, i requisiti per parteciparvi, le disposizioni sui giovani da schierare, e neppure se sarà il torneo che si legherà alla riforma del calcio. A questo va aggiunto che la Lucchese è neopromossa e che non è noto nemmeno se potrà giocare al Porta Elisa. Ce ne è abbastanza, ci pare, per capire che sarà un anno tutto da decifrare. L'esperienza e il carisma di Monaco, con una squadra che almeno in prima battuta dovrà pensare a salvarsi, saranno utili. Poi, come sempre, sarà il campo a stabilire le sue inappellabili sentenze. Ma la Serie C era giusto partisse nel nome di questo mito della storia rossonera.


Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 13 settembre 2020, 16:05

Se questo è calcio

Una prima assoluta, almeno per noi che avevamo saltato la gara contro la Fiorentina. Quella contro l'Empoli è stata la prima volta che ci siamo trovati a assistere di persona a una gara senza pubblico. Non ci era mai successo, a memoria.


venerdì, 21 agosto 2020, 16:29

Dateci un giorno da leoni, i cento anni da pecore li abbiamo quasi tutti già vissuti

Treviso. Chievo. Novara. Reggiana. Modena. Spal. Sassuolo. Carpi. Ancona. Pisa. Siena. Livorno. Empoli. Frosinone. Benevento. Crotone. Ora Spezia. Per tralasciare i nomi di formazioni più blasonate ma che hanno avuto tante volte l'occasione di incrociare gli scarpini contro i giocatori della Lucchese.



domenica, 19 luglio 2020, 16:51

Un'estate senza te

Passano i giorni, corrono le settimane, ma per chi non si accontenta del calcio versione covid della Serie A (con appendici altrettanto patetiche nelle due serie inferiori), il pallone non ha ancora ripreso a rotolare. Viviamo quasi in una dimensione sospesa, le stesse notizie arrivano con il contagocce.


lunedì, 8 giugno 2020, 21:54

8 giugno festa rossonera

Le immagini si affollano. Si sovrappongono. Finiscono comunque per emozionare. E' strano festeggiare così. E' strano non poter urlare tutto quello che si ha dentro. E' strano, perché ce lo immaginavamo diverso questo momento. Ce lo immaginavamo come l'esultanza sotto l'acqua di Prato e di Caronno, come la corsa sfrenata...