Detto tra noi

Un'estate senza te

domenica, 19 luglio 2020, 16:51

di fabrizio vincenti

Passano i giorni, corrono le settimane, ma per chi non si accontenta del calcio versione covid della Serie A (con appendici altrettanto patetiche nelle due serie inferiori), il pallone non ha ancora ripreso a rotolare. Viviamo quasi in una dimensione sospesa, le stesse notizie arrivano con il contagocce. Tutto è bloccato, in attesa di agosto. Niente rinnovi (a parte i tre iniziali), nessuna indicazione sullo staff, men che mai nuovi acquisti, visto che il mercato sparerà i suoi colpi molto più avanti. E la latitanza della Lucchese, in generale del calcio, si fa sentire. "Novità?", è la domanda che più spesso ci sentiamo fare in giro per la città. Una domanda a cui si può, per ora, solo rispondere allargando le braccia. L'iscrizione procede, così rassicurano dalla società, per quanto il nodo stadio non sia stato ancora sciolto (ma lo sarà gioco forza a breve); la Lucchese si sta organizzando, ritiro compreso (presumibilmente in una località della Mediavalle o Garfagnana); Deoma ha il telefono caldo. Ma è un'estate, calcisticamente (e non solo, ovviamente) balorda.

Così, mentre si attende la presentazione del progetto preliminare del nuovo Porta Elisa (l'ultima ipotesi parla nella seconda metà di agosto), impazza qualche polemica sul settore giovanile. Storia vecchia: la Lucchese si sarebbe mossa provando a fare incetta a costo zero dei migliori pezzi della zona. E' così? Non è così? Non abbiamo gli elementi per dirlo, notiamo che, purtroppo, sotto questo punto di vista, la storia sembra ripetersi uguale. E i rapporti con una parte delle società del territorio paiono essere nati ancora una volta non sotto una buona stella. C'è solo da augurarsi che, nell'interesse di tutti, si trovino punti di equilibrio. Altrimenti i primi granelli di sabbia nel nuovo motore rossonero sono depositati. E sarebbe un peccato, perché questa società ha sinora manifestato  l'intenzione di essere un riferimento per tutta la città, non solo per l'amministrazione comunale. 

E' un'estate balorda perché non è dato sapersi nemmeno se e quanto gli stadi riapriranno: c'è chi assicura a settembre, chi è più prudente, temendo riprese del virus. Manca anche la campagna abbonamenti, in effetti: un altro elemento di anormalità che si somma ai tanti. Noi stessi non siamo ancora riusciti a consegnare i premi del Gazzettino d'argento (vinto da Coletta che ha preceduto Cruciani e Benassi). I premi saranno consegnati, poco ma sicuro. Quando e come, non è dato sapersi. Viviamo nell'incertezza, e il calcio, che è vita, non può non esserlo. Speriamo in agosto, mese dedicato a un grande imperaratore come Ottaviano Augusto. Che segni la ripresa. Prima di tutto di questa nostra Italia che boccheggia sotto la crisi economica e l'incapacità di troppi. E poi, naturalmente, anche del calcio.  Che ci manca. Tanto. Troppo. 


Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 14 giugno 2020, 14:57

Monaco, una conferma più che logica

Nella medesima settimana che ha sancito l'ufficializzazione del ritorno in Serie C della Lucchese, un'altra buona notizia: la società ha confermato Francesco Monaco sulla panchina rossonera. Niente era dovuto, a maggior ragione in un mondo come quello del calcio dove si fa molto alla svelta a dimenticare, ma di certo...


lunedì, 8 giugno 2020, 21:54

8 giugno festa rossonera

Le immagini si affollano. Si sovrappongono. Finiscono comunque per emozionare. E' strano festeggiare così. E' strano non poter urlare tutto quello che si ha dentro. E' strano, perché ce lo immaginavamo diverso questo momento. Ce lo immaginavamo come l'esultanza sotto l'acqua di Prato e di Caronno, come la corsa sfrenata...



venerdì, 22 maggio 2020, 18:20

Si torna a casa!

E' durata un anno, solo un anno e a pensarci bene non erano in tanti che ci speravano e ancora meno quelli che ci credevano, qualcuno si sarebbe anche accontentato di non far morire il calcio rossonero e invece la permanenza della Lucchese tra i dilettanti è ormai solo questione...


domenica, 26 aprile 2020, 14:57

In mezzo a tante chiacchiere, un solo fatto: la Lucchese è prima sul campo

Questa incredibile e angosciante emergenza, che ha evidenti e inquietanti risvolti orwelliani, anche in termini di privazione delle libertà e di controllo delle persone, sta mettendo a nudo tutti i limiti nazionali, a partire dalla inconsistente, quando non venduta, classe dirigente.