Detto tra noi

Bene Lopez, ora gli acquisti

mercoledì, 28 ottobre 2020, 08:32

di fabrizio vincenti

Un po' tutti, in cuor loro, ci speravano. Noi per primi. Dopo l'esonero di mister Monaco, guardando il panorama dei tecnici a disposizione, sono stati davvero in tanti a pensare che l'unico in grado di fare al caso della Lucchese fosse Giovanni Lopez. Le sue due precedenti esperienze, la prima fantastica, la seconda comunque in grado di garantire la salvezza, erano lì a confermarlo. Così, quando è partito il carosello dei nomi dei possibili sostitituti e sono apparsi quelli di alcuni improbabili, la preoccupazione per una scelta che potesse compromettere definitivamente la situazione è cresciuta. E invece la società rossonera ha agito per il meglio, superando anche i timori di chi pensava che non volesse attingere al passato, e puntando sul tecnico che conosce l'ambiente: è perbene, è esperto della C e dà garanzie di affidabilità fuori di alcun dubbio. Siamo convinti che come sempre darà tutto a maggior ragione per una piazza che gli è rimasta nel cuore. Serviva una persona con quel profilo, e così è stato. Serviva non sbagliare assolutamente il profilo del nuovo tecnico. Ora c'è da guardare con maggior ottimismo al campionato.

Ma serve altro. E alla svelta. Quanto visto contro la Juventus B, al di là delle numerose assenze e di uno spirito finalmente ritrovato, ha confermato i limiti di questa squadra. Sono urgenti innesti di un certo spessore, sicuramente in difesa e a centrocampo, ma a nostro avviso anche in avanti dove, a parte Bianch,i fuorigioco per il momento, vediamo purtroppo poco. Lo abbiamo già scritto: nel 2014, in una situazione simile con la Lucchese sul fondo della classifica e mister Pagliuca esonerato, furono determinanti gli innesti immediati di Di Masi e di Mingazzini, poi Forte, a gennaio, completò l'opera di rafforzamento della squadra. E' di tutta evidenza che la squadra ha chiare e pesanti lacune: difficile ipotizzare di arrivare così com'è sino al prossimo mercato, e per quanto la "lotteria" degli svincolati sia sempre un rischio. è anche vero che a casa ci sono giocatori di spessore, talvolta per casi fortuiti e non per demeriti. Prima arriveranno, considerando che servirà poi tempo per metterli in forma, meglio sarà. 


Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 26 novembre 2020, 09:46

Restare in piedi sino al mercato invernale

C'è un numero – in mezzo a tanti altri, prima di tutto quello relativo ai punti messi in carniere in campionato – che certifica la gravissima crisi rossonera. E' ventinove. Come ventinove sono i giocatori sin qui impiegati i campo dai due tecnici Monaco e Lopez, che si sono seduti...


lunedì, 16 novembre 2020, 09:31

Segnali di risveglio

Una rondine non fa primavera, si dice, e a maggior ragione in questa maledetta stagione che sta di nuovo facendo precipitare l'Italia nel caos grazie a un governo totalmente incapace e imbarazzante quasi in ogni suo rappresentante.



venerdì, 23 ottobre 2020, 14:13

Monaco paga per tutti

Era l'unico epilogo possibile. Inutile girarci intorno. I pochissimi, e noi siamo tra quelli, che erano a Busto Arsizio, hanno potuto constatare di persona lo scollamento totale della squadra rossonera. Già chiamarla squadra, in questo contesto, è fuorviante – si è trattato di undici giocatori (più i panchinari subentrati) che...


giovedì, 8 ottobre 2020, 16:46

Stare vicini alla squadra

Dire che la Lucchese ha offerto un bello spettacolo nelle gare sinora disputate, significherebbe davvero travisare la realtà. La sensazione, dopo averla vista all'opera con formazioni di diversa caratura, è quella di un cantiere ancora lontano dall'essere pronto per essere smontato e lasciare ammirare la costruzione mattone dopo mattone realizzata.