Detto tra noi

Balbettare non è più consentito

martedì, 23 febbraio 2021, 08:42

di fabrizio vincenti

Il pareggio di Alessandria contro la Juventus B ci ha ricordato da vicino quello di Livorno contro gli amaranto: tre punti buttati al termine di una partita che i rossoneri meritavano di vincere ma che non hanno avuto la forza di fare propria. Il "braccino" tennistico nel quarto d'ora di maggior pressione dei padroni di casa unito all'incapacità (come a Livorno) di capitalizzare le occasioni per il raddoppio o per tornare in vantaggio hanno fatto il resto. E, nel frattempo, le domeniche passano, marzo ci dirà quello che resta delle possibilità di non affondare del tutto. In quel mese ci saranno partite a ripetizione, anche di mercoledì e urge fare punti. 

Le altre che precedono la Lucchese in classifica non stanno facendo sfracelli, ma è chiaro che sono i rossoneri a dover recuperare e dunque a dover fare qualcosa di più. Tre partite vinte da inizio stagione a febbraio sono un bottino miserabile. Con questa media impensabile scalare posizioni, oltretutto con la difesa che è – se non erriamo – la peggiore dei campionati professionistici. L'unica strada è rischiare, è aggredire gli avversari, è non subire passivamente l'inerzia della partita, è mettere da parte incertezze che si fa fatica a vedere su un campo di oratorio. A Alessandria, per larghi tratti, è stato così, ma in tutti c'è il timore che – come avvenuto in passato – sia un fuoco di paglia. 

Non è più tempo di balbettare, o la squadra inizia a dare una svolta o il destino è segnato. E anche in caso di play out, magari confidando su disgrazie altrui, con l'atteggiamento visto sin troppe volte, sarebbero un'appendice probabilmente destinata a riservare altre amarezze. E' duro ammetterlo, ma il campionato questo dice. Delle due, l'una: o i rossoneri si scuotono definitivamente, oppure non vediamo come sia possibile risollevare le sorti di questa annata davvero iniziata male e che sta continuando peggio. 

L'obiettivo salvezza è ancora possibile, ma serve cattiveria, concentrazione, agonismo, determinazione, cinismo sotto porta. Serve che i rossoneri si mettano in testa che giocano per la vita. C'è una città (e anche una società) che chiedono di mantenere a tutti i costi la categoria. Balbettare non è più consentito. E' tempo di regalare un'impresa. E solo chi va in campo può realizzarla. Se ne ha la forza. E, aggiungiamo, il carattere. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 8 marzo 2021, 10:18

1500 differenze

Era caldo, quel caldo di maggio che ristora dopo l'inverno e il tanto umido che si respira dalle nostre parti. Anche allora decise un calcio di rigore. A realizzarlo fu un giocatore, Mattia Lombardo, rimasto nei cuori di tutti, al pari dei suoi compagni capaci di regalare ai tifosi una...


giovedì, 4 febbraio 2021, 10:01

La diritta via è di nuovo smarrita?

Sono bastati tre giorni per demolire a colpi di maglio le poche certezze cumulate dopo mesi di rincorsa, delusioni e duro lavoro. I sei risultati utili consecutivi (più che meritati) raccolti dai rossoneri, il felice innesto degli ultimi arrivati, la capacità di reazione mostrata anche di fronte a squadre di...



lunedì, 25 gennaio 2021, 09:35

La luce in fondo al tunnel

Ci voleva, ci voleva proprio. La vittoria maturata a Crema vale, come si dice in questi casi con un pizzico di retorica, doppio. Forse anche triplo, a pensarci bene. Innanzitutto perché ora più che mai la Lucchese è davvero in corsa per levarsi dai guai: i punti che la separano...


martedì, 29 dicembre 2020, 15:35

Pochi, ma buoni

Se, prima della gara di recupero di Pontedera, ci avessero detto che da lì in poi la Lucchese avrebbe messo ben otto punti nel carniere prima della sosta natalizia, avremmo firmato qualunque (salvo cambiali) pezzo di carta ci avessero sottoposto.