Detto tra noi

Le Mura, ancora una volta orgoglio di Lucca

giovedì, 22 aprile 2021, 09:25

di fabrizio vincenti

Serie A: una parola sconosciuta a Lucca se si parla di calcio, una parola che ormai solo chi è molto in avanti con l'età può pronunciare, pescando tra i ricordi sfumati di gioventù. Quella parola, invece, ancora una volta, può essere pronunciata con orgoglio nel basket, dove ormai da anni vi è una realtà che ha fatto della passione e della professionalità i suoi tratti distintivi. In un Palatagliate tristemente vuoto, sporco, alle prese con problemi che sono finiti sulla cronaca dei giornali – mentre in Comune si andava avanti a colpi di comunicati stampa per i sopralluoghi sugli avanzamenti degli ormai cronici lavori di consolidamento – il Basket Le Mura ha scritto un'altra pagina che fa bene a Lucca e a tutto il suo movimento sportivo.

La squadra del presidente Cavallo, al termine di una stagione a dir poco complicata, tra Covid, acquisti sbagliati e abbandoni che hanno avuto il sapore del tradimento, ha centrato ancora una volta la permanenza in A1. La prossima stagione sarà la dodicesima nel massimo campionato femminile di basket: per una città come Lucca che ha tra i suoi tratti distintivi l'indifferenza quando non il fallimento verso ogni impresa sportiva è qualcosa di incredibile.

E l'incredulità è destinata a aumentare se si guarda alla compagine societaria: al fianco della società biancorossa non ci sono magnati, né emiri e nemmeno le realtà industriali che vanno per la maggiore dalle nostre parti che, con la solita codardia e il solito cinismo, si limitano a sfilarsi o a offrire un obolo talvolta inferiore ai soldi che le stesse spendono per mezza giornata di pubblicità o per la festa di compleanno di un figlio dei vari patron. Le Mura hanno le stimmate del miracolo sportivo, ma non del caso. 

Perché Rodolfo Cavallo, guarda caso non un lucchese di nascita anche se ama questa città quanto e più di tanti che vi sono nati, è riuscito con la passione e la professionalità a dare vita a una macchina in grado di regalare, senza tanti mezzi ma con grande oculatezza e con le giuste capacità nel gruppo di collaboratori, oltre un decennio nella massima serie. Roba da non crederci: solo l'Atletica Virtus, altra realtà virtuosa della città, vanta ruolini di marcia simili. Le Mura, non lo scordiamo, hanno regalato l'unico scudetto a squadra di questa disgraziata città, tanto bella quanto apatica.

Le Mura, ancora una volta, hanno regalato una lezione, ovvero hanno insegnato come cavarsela, come stringere i denti, anche quando tutto sembra crollare. E' un problema di mentalità e di capacità, che dalle parti del Palatagliate non mancano. I risultati sono solo il giusto corollario per una realtà che è un orgoglio per Lucca. La città forse nemmeno se ne accorge, intenta a guardarsi il suo ombellico sempre più aggrinzito, ma questo è un altro discorso. Che semmai rende ancora più merito al club biancorosso. Applausi. Solo applausi, e tutti meritati, per una storia che riesce a reggere l'usura del tempo. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 3 maggio 2021, 12:58

Serve un passo indietro (di tutti) e non solo: una proposta

E' finita come tutti sapevano: la Lucchese, nell'era del Covid, torna in serie D dopo una fugace e imbarazzante apparizione in C. E ci torna con pieno merito. Il campo poche volte ha espresso un giudizio così preciso, inequivocabile, equanime.


lunedì, 26 aprile 2021, 09:44

Spes, ultima dea

Quando abbiamo visto Michel Cruciani avviarsi sul dischetto per accingersi a trasformare un calcio di rigore decisivo contro il Lecco, ci è preso un nodo alla gola. I quei lunghi interminabili secondi, non siamo riusciti a non pensare a cosa ha dato questo ragazzo alla Lucchese in poco più di...



lunedì, 19 aprile 2021, 09:48

Senz'anima: non siete nemmeno da serie D

Una barca, anzi una baracca allo sfascio: vedere la Lucchese a Carrara, dove si è assistito all'ennesimo rilancio dell'avversario di turno, ha aggiunto ulteriore veleno. Al punto che a inizio secondo tempo, sfiniti da uno spettacolo oltre ogni limite di decenza, abbiamo pensato persino per un po' di togliere le...


martedì, 13 aprile 2021, 16:47

Una scelta inevitabile ma tardiva

E' stato letale il pari, senza praticamente un tiro e pensando per novanta minuti a difendere, contro il Livorno. In quella che è stata un'ulteriore dimostrazione di impotenza della squadra rossonera che ha colpito persino gli osservatori neutrali, è maturato l'esonero di Giovanni Lopez.