Detto tra noi

Senz'anima: non siete nemmeno da serie D

lunedì, 19 aprile 2021, 09:48

di fabrizio vincenti

Una barca, anzi una baracca allo sfascio: vedere la Lucchese a Carrara, dove si è assistito all'ennesimo rilancio dell'avversario di turno, ha aggiunto ulteriore veleno. Al punto che a inizio secondo tempo, sfiniti da uno spettacolo oltre ogni limite di decenza, abbiamo pensato persino per un po' di togliere le tende, e tornare a casa. Si trattava di guadagnare tempo e poter lavorare almeno al caldo e non in un'assurda serata in un orario che solo dei geni possono concepire con uno stadio vuoto e dove l'unica cosa che arrivava al cuore e addosso era l'umido. 

La terzultima finale, così sono state definite più volte le gare che attendevano i rossoneri, è in archivio. Il risultato è imbarazzante, non tanto e non solo nel punteggio, ma nella conferma di un atteggiamento che rende l'esatto valore e l'anima di questa squadra. Ovvero zero. Zero. Zero. Zero come tecnica, se si eccettua Bianchi. Zero come carattere, salvo Cruciani. Zero come orgoglio. Zero come combattività. Un disastro di proporzioni incredibili, puntualmente certificato dai cambi in panchina. Per chi ha ancora fede,  si può sempre aggrappare alle ultime due partite e alle combinazioni di risultati. Noi, ci tiriamo indietro. Ci affidiamo, semmai, alle (esigue) possibilità di ripescaggio. Per il resto, il campo ha dato i suoi valori, e lo ha fatto con una precisione che non ammette repliche. Con una precisione che umilia chi vuol bene alla Lucchese. 

Questa squadra non merita la C e, per quello che ha mostrato, nemmeno la D tanta è la sua pochezza, prima di tutto caratteriale. Siamo curiosi di vedere dove finiranno il prossimo anno i protagonisti di questa annata memorabile, in pochi, salvo procuratori che vanno per la maggiore o società importanti detentrici del cartellino, immaginiamo calcheranno i campi professionistici A breve, comunque, tutti i nodi venuti al pettine, dovranno essere sciolti. Così in basso, almeno sul campo, non ricordiamo precedenti: forse nel 1979, altra annata infausta, si è visto uno spettacolo simile. Ma questo gruppo costruito in più tranche (è un'aggravante), se possibile, è riuscito a fare meglio. Complimenti a tutti. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 3 maggio 2021, 12:58

Serve un passo indietro (di tutti) e non solo: una proposta

E' finita come tutti sapevano: la Lucchese, nell'era del Covid, torna in serie D dopo una fugace e imbarazzante apparizione in C. E ci torna con pieno merito. Il campo poche volte ha espresso un giudizio così preciso, inequivocabile, equanime.


lunedì, 26 aprile 2021, 09:44

Spes, ultima dea

Quando abbiamo visto Michel Cruciani avviarsi sul dischetto per accingersi a trasformare un calcio di rigore decisivo contro il Lecco, ci è preso un nodo alla gola. I quei lunghi interminabili secondi, non siamo riusciti a non pensare a cosa ha dato questo ragazzo alla Lucchese in poco più di...



giovedì, 22 aprile 2021, 09:25

Le Mura, ancora una volta orgoglio di Lucca

Serie A: una parola sconosciuta a Lucca se si parla di calcio, una parola che ormai solo chi è molto in avanti con l'età può pronunciare, pescando tra i ricordi sfumati di gioventù. Quella parola, invece, ancora una volta, può essere pronunciata con orgoglio nel basket, dove ormai da anni...


martedì, 13 aprile 2021, 16:47

Una scelta inevitabile ma tardiva

E' stato letale il pari, senza praticamente un tiro e pensando per novanta minuti a difendere, contro il Livorno. In quella che è stata un'ulteriore dimostrazione di impotenza della squadra rossonera che ha colpito persino gli osservatori neutrali, è maturato l'esonero di Giovanni Lopez.