Detto tra noi

Ritorno a Itaca

domenica, 13 giugno 2021, 08:46

di fabrizio vincenti

"Prima o poi torno a Lucca": era il 2017 quando Guido Pagliuca, occhi nel vuoto, tono deciso e quasi profetico pronunciò queste parole. L'occasione fu data da una splendida festa in onore dei protagonisti del 4 maggio 2014  quelli che vinsero all'ultimo tuffo a Correggio regalando la C alla Lucchese – organizzata alla Checchi Calcio e a cui anche Gazzetta Lucchese dette il suo contributo. Il

Il legame di Pagliuca con Lucca non è mai stato in discussione, è quasi viscerale, così come la sua voglia di tornare su quella panchina che lo vide protagonista di una stagione per certi versi irripetibile, circondato dall'affetto dei tifosi e al centro di numerose polemiche. A distanza di quattro anni, quella che sembrava una promessa non facilmente mantenibile, visto che le strade tra il tecnico e la Lucchese sono sembrate divaricarsi, diventa realtà. Pagliuca è dunque il prescelto dalla società per provare a risollevare le sorti di un progetto che, al netto dello stadio (che dovrà passare comunque tra numerose forche caudine), arranca dopo una retrocessione disastrosa. Lo stesso tecnico di Cecina dopo la favola di Correggio ha collezionato delusioni e esoneri in sequenza nonostante il suo calcio sia tra i più belli da vedersi. Su di lui, evidentemente, hanno pesato le questioni caratteriali e ambientali che Russo e soci sono sicuri di riuscire, stavolta, a temperare in quella che è una sorta di ritorno a Itaca per questo Ulisse del pallone che pare aver sprecato più volte i suoi tanti talenti.

E' una scommessa affascinante, non lo neghiamo, ma va detto che presenta anche delle incognite date anche dalla difficile situazione ambientale che vive la Lucchese: il tempo delle promesse è scaduto, dopo un campionato incubo come quello appena concluso, dove è stato sbagliato tutto e dove la società si è limitata a presentare le scuse, non sono tollerati errori di sorta. Né tentativi al buio. Né incognite. Né ritorni da amarcord. Il margine di errore deve essere zero, se si vuole recuperare una tifoseria che vede – e giustamente – la D come in incubo che riaffiora ancora una volta, stavolta con l'aggravante di una retrocessione imbarazzante. Dove possa condurre questa scelta, non è dato sapere: quello che pare certo è che non ci sarà da annoiarsi e che un errore di valutazione potrebbe essere quello definitivo per la credibilità di questo gruppo dirigente. L'augurio è che Pagliuca, come nel poema di Omero, riporti serenità e il sorriso sull'Itaca rossonera. Sulla grinta e le capacità tecniche, nessun dubbio. 

 



Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 21 luglio 2021, 18:56

Mercato, Marcheggiani potrebbe continuare a vestire il rossonero

I contatti tra la Lucchese ed il suo entourage sono continui ed il giocatore sarebbe ben felice di poter tornare a Lucca dove ha giocato nella seconda parte della stagione scorsa ed ha totalizzato 13 presenze e 2 reti.


martedì, 20 luglio 2021, 16:13

Fatta l'unica cosa che era da fare

l dado è tratto: la domanda (e soprattutto le fideiussioni e l'assegno da 300mila euro) è stata depositata. La Lucchese ha scelto – e i segnali da settimane andavano in questa direzione – di giocare tutte le sue fiches sulla carta del ripescaggio. Una scelta onerosa, bene ribadirlo, ma inevitabile.



martedì, 29 giugno 2021, 19:46

Se c'è uno spiraglio, obbligatorio non lasciarselo sfuggire

Non abbiamo la più pallida idea delle reali possibilità che la Lucchese ha di venire ripescata in C. Detto che la società rossonera è prima nella graduatoria delle aventi diritto al ripescaggio tra le formazioni di terza divisione retrocesse, il resto del quadro è ancora nebuloso.


lunedì, 7 giugno 2021, 21:18

Avrebbe accusato il colpo anche Rocco Siffredi

Difficile non provare un brivido nel vedere le immagini, il filmato, il plastico di quello che dovrebbe, potrebbe, sarebbe o sarà il nuovo Porta Elisa. Difficile non darsi un pizzicotto e chiedersi se si sta sognando a vedere il rendering di uno stadio da 16mila posti tutti coperti, che salva...