Detto tra noi

Tra un campionato tranquillo e un nuovo inferno le distanze non sono grandi

mercoledì, 20 ottobre 2021, 08:48

di fabrizio vincenti

Gioco, a tratti bel gioco: ecco il tratto distintivo della Lucchese dopo che dieci partite, dunque quasi un terzo di campionato, sono andate in scena. La squadra rossonera, si percepisce bene, ha i tratti delle formazioni allenate da Pagliuca e riavvolgendo il nastro delle gare, raramente la Lucchese è stata messa sotto. Giusto per qualche fase di gioco, peraltro inevitabile all'interno dei novanta minuti. Il conto, però, non torna, perché a fronte di questa grande mole di gioco i rossoneri hanno raccolto poco, davvero poco. I punti messi in carniere sono sicuramente inferiori rispetto a quanto fatto vedere. E la classifica è lì a ricordarlo: la squadra è a un passo dai play out.

Serve dunque maggiore concretezza in avanti, dove per arrivare a un gol è necessario spesso costruire tre-quattro occasioni, e serve, come il pane, una maggiore solidità difensiva, troppe volte mancata. La stessa vittoria di Pontedera, sacrosanta, ha rischiato di essere spazzata via da due errori in fotocopia, ancora una volta su giocate da fermo. Tocca a Pagliuca trovare i rimedi, tocca ai rossoneri alzare il livello di attenzione. Ma, detto questo, è del tutto evidente che la squadra non è minimamente parente di quella dello scorso anno, sia sotto il profilo del carattere sia sotto quello dei valori individuali.

Si tratti di prendere la mira meglio, di maturare sotto il profilo del cinismo, cosa non facile per una formazione tra le più giovani del torneo (altro dato da non sottovalutare), ma in presenza di passi in avanti e di un maggior grado di maturazione, c'è da aspettarsi un campionato sostanzialmente tranquillo, magari condito da qualche soddisfazione. Tocca al tecnico e alla squadra fare un ulteriore scatto di qualità, anche perché, bene ricordarlo, la zona play out è a un passo. Tra un campionato tranquillo e un nuovo inferno le distanze non sono così grandi. Lottare punto su punto e crescere: questa Lucchese ce la può fare. 

 



Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 26 maggio 2022, 14:42

Cara società, sul marchio evita di sommare a un errore un orrore

Siamo rimasti francamente stupiti, e in parte sconcertati, dalla notizia della richiesta da parte della società rossonera di acquisire lo storico logo della Lucchese che da circa 10 anni è nelle mani sicure di Lucca United, la cooperativa dei tifosi che lo rilevò in occasione del secondo fallimento pagandolo circa...


domenica, 1 maggio 2022, 20:20

Il futuro è adesso

E' finita. La stagione 2021-2022 va in archivio dopo la sconfitta nella prima gara play off di Gubbio. E' finita come è cominciata, ovvero con la sensazione e qualcosa di più che la Lucchese sia in grado di divertire, di praticare un bel gioco e che magari difetti nella fase...



venerdì, 15 aprile 2022, 07:21

Play off, arriviamo!

Cinque anni, sono passati cinque anni dall'ultima partecipazione della Lucchese a una gara play off. All'epoca sulla panchina rossonera c'era Giovanni Lopez: Arezzo, Albinoleffe, Parma, cinque scontri che riaccesero le speranza di poter sognare nei tifosi rossoneri che, soprattutto contro i ducali, riempirono il Porta Elisa come da tempo non succedeva.


domenica, 10 aprile 2022, 09:31

Obiettivo raggiunto, e non era scontato

Non c'è niente di scontato nella vita e nel calcio, la scorsa stagione lo ha ricordato ancora una volta dolorosamente ai tifosi rossoneri che tutto si aspettavano meno che un campionato disastroso, imbarazzante, a tratti umiliante come quello che ha sancito la retrocessione sul campo, poi evitata con il ripescaggio.