Detto tra noi

Nuovo Porta Elisa, il Comune si assuma una volta per tutte le sue responsabilità

domenica, 14 novembre 2021, 10:47

di fabrizio vincenti

E' una storia che va avanti a nostro avviso da troppo tempo. Per carità, sappiamo come vanno le cose quando di mezzo ci sono amministrazioni pubbliche, a maggior ragione quando c'è di mezzo il Comune di Lucca che si deve occupare di affari della Lucchese, basti pensare che da anni si aspetta (assessore Bove, sveglia!) l'apposizione di una targa dietro San Michele che ricordi l'atto di fondazione del club rossonero. Una decisione presa ormai più di due anni fa dall'intero consiglio comunale e che non ha fatto praticamente un passo avanti o quasi. Il tutto mentre la città viene ricoperta di lapidi più o meno improbabili da una giunta che della memoria fa un uso strumentalmente selettivo. Sulla vicenda ci torneremo. Dicevamo, siamo abituati ai ritardi, peraltro a corrente alternata di questa amministrazione comunale, che nel giro di pochi giorni, a tempo di record, è riuscita a deliberare in giunta, in consiglio comunale e poi anche con l'atto degli uffici, la messa in vendita di una porzione della Manifattura. Segno che, quando si vuole, la macchina marcia speditamente. Non è così per il Porta Elisa, per il quale l'amministrazione comunale – pur avendo fatto ricordo a due professionisti esterni (ovviamente pagati) visto che non ha, o sostiene di non avere, le competenze interne per giudicare una proposta di project financing come quella avanza da Aurora Immobiliare e dalla Lucchese – ancora non è arrivata a nulla. Di rinvio in rinvio siamo arrivati alla fine del 2021. 

Leggiamo quanto sosteneva nel settembre del 2020 l'assessore allo Sport Stefano Ragghianti: "Mi auguro che nell'estate prossima (2021 ndr) si possa arriva all'aggiudicazione dei lavori. Chiaro che dipenderà dalle eventuali modifiche richieste dalla conferenza dei servizi e senza mai dimenticare che questi percorsi sono minati, come dimostrano tante esperienze". E' stato facile profeta: non solo nell'estate scorsa non è arrivata l'aggiudicazione dei lavori, ma nemmeno il via libera della conferenza dei servizi. La pratica continua a rimpallare, nonostante la Lucchese abbia riformulato il progetto nella primavera scorsa assecondando i desiderata degli uffici comunali. Dalla Lucchese, al di là delle dichiarazioni diplomatiche di facciata, trapela insoddisfazione e il sospetto che l'amministrazione Tambellini voglia rinviare la palla al prossimo sindaco. Non sappiamo se è così, quello che ci pare indiscutibile è che la Lucchese meriti una risposta, quale che sia, e che in caso di risposta negativa, il Comune debba iniziare a reperire i fondi per la ristrutturazione (in economia) di un impianto che non ne può più. Il Porta Elisa è l'unico stadio professionistico che non ha un settore coperto per gravi problemi di sicurezza. Per non parlare dell'illuminazione da campetto di provincia. E' una vergogna, della quale risponde l'attuale giunta che in dieci anni non ha saputo e probabilmente voluto dare risposte. Ora è il tempo che si assuma, qualunque sia la decisione, le sue responsabilità. 



Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 20 ottobre 2021, 08:48

Tra un campionato tranquillo e un nuovo inferno le distanze non sono grandi

Gioco, a tratti bel gioco: ecco il tratto distintivo della Lucchese dopo che dieci partite, dunque quasi un terzo di campionato, sono andate in scena. La squadra rossonera, si percepisce bene, ha i tratti delle formazioni allenate da Pagliuca e riavvolgendo il nastro delle gare, raramente la Lucchese è stata...


giovedì, 30 settembre 2021, 10:21

L'unico obiettivo che conta

Tre sconfitte nelle prime cinque gare sono un dato che puà iniziare a far drizzare le antenne a più di un tifoso, soprattutto perché la Lucchese, in questo avvio di campionato, ha dimostrato di saper giocare a pallone, ma molto meno di avere quella concretezza che nel calcio è dote...



mercoledì, 8 settembre 2021, 17:02

Qualcuno salvi il soldato Pagliuca

Due su due. E con il record di non aver mai messo piede in panchina in campionato. Il record di Guido Pagliuca, squalificato per ben tre giornate pur non essendo mai stato in panchina dall'inizio del torneo, deve far riflettere.


lunedì, 30 agosto 2021, 15:09

Primi segnali

Per carità, Legnago e Imola sono solo due indizi, ma la sensazione che la Lucchese abbia iniziato a assimilare i dettami tecnici e non solo tecnici del suo allenatore è forte. Nelle uniche due gare ufficiali disputate sino a qui, è parsa già evidente la mano di Pagliuca e chi...