Galleria Rossonera

"Il vero Iadaresta si deve ancora vedere": parola di bomber

giovedì, 16 gennaio 2020, 15:19

di diego checchi

Un’intervista a tuttotondo quella con Pasquale Iadaresta, l’attaccante rossonero arrivato a dicembre dal Foggia. Parla di sé, della Lucchese e delle aspettative che ha per questo finale di stagione.

Innanzitutto come si sta trovando a Lucca?

“Lucca è una città che conoscevo già perché sono venuto diverse volte da turista. È una città molto ospitale, bella da vivere, ci sto molto bene”.

Come si sta trovando con i compagni?

“Mi sono trovato molto bene. Mi hanno accolto benissimo, è un gruppo gradevole, è un gruppo con tanta voglia di fare”.

Perchè ha lasciato Foggia?

"Io non sarei venuto via da Foggia ma ho preferito lasciare per divergenze tecniche".

Sulla Lucchese cosa ci può dire?

“Avevo diverse offerte e potevo scegliere. Però ho voluto fare una scelta che mi potesse dare quella tranquillità che negli ultimi mesi avevo perso. Penso che Lucca sia il giusto mix per poter fare un perfetto finale di stagione. Fin qui ho segnato soltanto 5 reti e vorrei completarlo in bellezza perché non sono soddisfatto del mio score”.

Quando vedremo il vero Iadaresta?

“Sono sincero: ho giocato soltanto tre gare più un’amichevole. Sto cercando di mettermi a disposizione per una squadra che finora non ha giocato con un vero attaccante. In queste gare non ho avuto occasioni da reti. Questa è una cosa che mi ha un po' sorpreso, il vero Iadaresta si deve ancora vedere, anche perché sono io il primo a volerlo vedere. Per il momento dobbiamo sia io che la squadra capirci su come amalgamarci alla perfezione”.

Dove pensa possa arrivare questa Lucchese?

“Sono arrivato da poco e faccio fatica ad esprimermi, ma se questa squadra prende consapevolezza dei propri mezzi può sicuramente far meglio di ciò che ha fatto finora”.

Quali differenze nota tra i due gironi?

“Qualche differenza c’è e anche questo è un aspetto al quale mi sto adattando. Bisogna allenarsi a tenere la tensione alta dato che in tante gare non ci sono tifoserie accese come al Sud. Io preferirei giocare sempre in casa perché ci sono tanti tifosi che ci sostengono e questo mi carica. Comunque nel momento in cui la squadra prenderà consapevolezza nei propri mezzi, anch’io ne gioverò”.

Vi state preparando al Real Forte Querceta?

“Penso che se la Lucchese farà la Lucchese, non ce ne sarà per nessuno”.


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 15 luglio 2020, 12:26

Benassi: "Conoscendo Deoma so che allestirà una squadra competitiva"

Il capitano rossonero si gode le ultime settimane di vacanza prima di lanciarsi nella nuova avventura: "Mi piacerebbe aprire un ciclo vincente, costruito basi solide, che ci possa permettere di lottare per la migliore posizione possibile nelle migliori categorie possibili. Non mi sentirete mai parlare di salvezza"


mercoledì, 8 luglio 2020, 17:13

Catastini: "Ecco tutti i primi passaggi amministrativi"

La nuova segretaria generale rossonera parla delle tempistiche federali: "La prima scadenza è il 20 luglio entro per i contratti ai giocatori confermati. Per i nuovi acquisti, possibile depositare un pre-contratto fino al 31 agosto da trasformare in contratto dal primo settembre al cinque ottobre"



venerdì, 26 giugno 2020, 13:19

L'ex Masini: "Quanti ricordi in rossonero..."

L'ex attaccante fa i complimenti per la promozione della Lucchese e ritorna alle sue stagioni con la maglia rossonera: "Con Viscidi in panchina, Deoma mi dava tanti consigli utili. Carruezzo per me era come un maestro. Non potrò mai dimenticare Bruno Russo: mi hanno veramente aiutato a diventare calciatore"


lunedì, 15 giugno 2020, 12:57

Pardini e Bartolomei, due giovani cuori rossoneri

Doppia intervista a due dei giovani che si sono messi in mostra nella stagione da poco terminata e che con orgoglio rivendicano la loro Lucchesità : "Emozioni bellissime, speriamo di rimanere nella squadra rossonera a lungo"