Galleria Rossonera

Meucci: "I tifosi sono giustamente arrabbiati"

mercoledì, 9 dicembre 2020, 14:30

di diego checchi

Matteo Meucci ci mette la gamba, e in campo nelle ultime partite chiamato in causa è risultato uno dei migliori, ma anche faccia. Del resto, il centrocampista rossonero è uno che dice sempre quello che pensa: prima di tutto che è convintissimo che la Lucchese uscirà fuori da questa situazione, il prima possibile. 

“Giustamente i tifosi sono arrabbiati. Sfido qualunque tifoso a non essere arrabbiato in questo momento. I risultati non arrivano e dovremo soltanto lavorare per uscire da questa situazione. I tifosi erano arrabbiati anche lo scorso anno all’inizio e poi le cose sono cambiate. Succederà così anche quest’anno”. 

Come ci risolleveremo da questo momento?

“Continuando a lavorare e fare le prestazioni che stiamo facendo con un po’ più di attenzione. Anche domenica scorsa contro l’Alessandria abbiamo giocato alla pari, nel primo tempo. Poi nel secondo tempo abbiamo subito due gol e su certe cose dobbiamo fare più attenzione. Le prestazioni devono continuare ad essere come quelle di domenica nel primo tempo”.

È chiaro che l’Alessandria è più forte ed era difficile fare risultato.

“È vero, questa è una squadra costruita per vincere il campionato e il divario è grande. Ma noi dobbiamo cercare di prendere punti a tutti e se fosse stato possibile lo avremmo fatto anche contro l’Alessandria. La prossima gara contro il Piacenza dovremo dare la “rosicata”, come la chiamo io. Al di là del Piacenza abbiamo un unico obiettivo: fare più punti possibile e uscire da questa situazione al più presto”.

Si aspettava così tante difficoltà in questo campionato?

“Onestamente no, sapevo che questo sarebbe stato un campionato nuovo ma non potevamo prevedere che così tanti giocatori fossero colpiti dal covid. Questa è una discriminante che sicuramente ha pesato, altrimenti potevamo avere qualche punto in più. Comunque è inutile guardare la classifica perché ci faremmo soltanto male. Ripeto: il nostro dovere è quello di continuare a lavorare e di dare sempre il massimo come stiamo facendo e anche di più. I tifosi devono sapere che stiamo lottando veramente tanto per questa maglia e per ottenere risultati più positivi”.

Quali impressioni le ha fatto mister Lopez?

“È una bravo allenatore e una brava persona. Sono contento che in questa settimana possiamo allenarci meglio dato che veniamo da venti giorni di tour de force dove non abbiamo mai potuto lavorare nei dettagli con il nuovo mister, sia a livello fisico che tattico. In questa settimana potremo concentrarci su tutti gli aspetti e preparare al meglio una partita che sarà fondamentale”.

In questo campionato strano, c’è anche il fatto che le partite si giocano a porte chiuse. Che cosa ne pensa?

“Non vorrei che questa cosa passasse come una scusa o un alibi. Tutte le altre squadre hanno le stesse nostre difficoltà. È ovvio che i nostri tifosi ci avrebbero dato una spinta importante, ma ognuno di noi deve trovare le motivazioni dentro sé”.


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 13 gennaio 2021, 13:10

Obbedio: "Se il Renate sarà promosso e la Lucchese si salverà, farò il tragitto da qui a piedi e ritorno"

L'ex diesse rossonero ora al Renate parla del match di sabato e non solo: "Mi aspetto una partita molto aperta e molto bella perché Lopez e Diana non sono difensivisti. Tornare al Porta Elisa non sarà semplice a livello emotivo perché tre annate come quelle vissute con i rossoneri non...


martedì, 12 gennaio 2021, 08:49

Adamoli e l'emozione del primo gol: "Fantastica, e oltretutto a casa mia"

L'esterno raccolta la rete che è valsa il pareggio proprio nella sua città natale: "Un'emozione incredibile, sono convinto che usciremo presto da questa situazione. Tutti devono avere fiducia in noi perché stiamo lavorando molto bene allenamento dopo allenamento"



martedì, 5 gennaio 2021, 12:31

Casotti (Noitv): "La Lucchese non può attendere per molto i nuovi innesti"

Il giornalista televisivo: "A breve l'ufficialità per Marcheggiani, ma molto probabilmente ne servirà un altro e si fa il nome dello svincolato Momenté. Serve un innesto a centrocampo: avevamo sognato Bruccini che poi non arriverà, ma occorre un giocatore del genere lì nel mezzo.


martedì, 29 dicembre 2020, 10:01

De Vito: "Non mi tirerò mai indietro"

Il difensore rossonero crede nella salvezza: "Mi ero esposto già due anni fa quando la situazione era molto più complicata, tanto più mi espongo adesso quando dico che la classifica andrà vista alla fine, anche perchè c'è una società che non ci fa mai mancare niente.