Galleria Rossonera

Nolé: "Il momento è difficile, ma sono convinto che la Lucchese ne verrà fuori"

giovedì, 10 dicembre 2020, 16:01

di diego checchi

Una spinta alla Lucchese arriva anche dall’ex capitano Matteo Nolè, un giocatore ora al San Miniato, che ha fatto la storia di questi colori. E che è rimasto accanto a essi, anche una volta finito il rapporto professionale: "So che il momento è difficile ma sono anche convinto che la Lucchese ne verrà fuori. Sicuramente la partenza è stata molto difficile e devo dire che mi aspettavo ci fosse qualche difficoltà ma non così tante. È chiaro che la categoria è diversa e la squadra è stata costruita con tanti giovani, quindi era inevitabile che la Lucchese pagasse lo scotto. Poi c’è stato anche il covid che ha colpito in maniera molto importante la rosa rossonera. È vero, hanno avuto problemi anche altre squadre, ma come la Lucchese penso non li ha avuti nessuno. allenare per un mese sei o sette persone non è facile. Poi, per quelli che devono riprendere, è stato sicuramente un trauma”.

Come vede l’arrivo di mister Lopez?

“Molto bene. E' un ottimo allenatore che cura i particolari e che non tralascia niente durante gli allenamenti. Anche quando è venuto le altre due volte ci dette una grossa mano a salvare la categoria e penso che anche quest’anno ci riuscirà”.

Domenica arriverà il Piacenza e sarà una partita fondamentale.

“Sì, sono d’accordo che sia una partita fondamentale, ma non l’ultima spiaggia. Questa parola mi sembra troppo esagerata perché ci sono ancora tante partite. È chiaro che se la Lucchese riuscirà a fare i tre punti, quella contro il Piacenza potrà essere la gara della svolta per poi fare un filotto di risultati positivi. Penso sia giusto dare un’occhiata alla classifica ma non fare tabelle a lungo raggio perché sarebbe piuttosto deleterio. La squadra deve pensare soltanto a fare punti senza fissarsi sul momento”.

Ai tifosi che cosa si sente di dire?

“So che sono arrabbiati ed è inevitabile che sia così, ma quello che posso dire è di stare tutti uniti con la squadra e di fare tutto ciò che possono per quanto sia possibile. È chiaro che non possono venire allo stadio ma adesso servirà supportare la squadra in tutti i modi. La piazza la conosco e so quanto può dare in questi momenti”. 

Si aspetta qualcosa dal mercato di gennaio?

“La società farà qualcosa per migliorare la squadra. Mi sembra che qualcosa manchi in avanti, ma sono sicuro che la società interverrà con gli accorgimenti giusti. Non disperate, il campionato è ancora lungo ed è inutile farsi prendere dal panico”.

 


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 13 gennaio 2021, 13:10

Obbedio: "Se il Renate sarà promosso e la Lucchese si salverà, farò il tragitto da qui a piedi e ritorno"

L'ex diesse rossonero ora al Renate parla del match di sabato e non solo: "Mi aspetto una partita molto aperta e molto bella perché Lopez e Diana non sono difensivisti. Tornare al Porta Elisa non sarà semplice a livello emotivo perché tre annate come quelle vissute con i rossoneri non...


martedì, 12 gennaio 2021, 08:49

Adamoli e l'emozione del primo gol: "Fantastica, e oltretutto a casa mia"

L'esterno raccolta la rete che è valsa il pareggio proprio nella sua città natale: "Un'emozione incredibile, sono convinto che usciremo presto da questa situazione. Tutti devono avere fiducia in noi perché stiamo lavorando molto bene allenamento dopo allenamento"



martedì, 5 gennaio 2021, 12:31

Casotti (Noitv): "La Lucchese non può attendere per molto i nuovi innesti"

Il giornalista televisivo: "A breve l'ufficialità per Marcheggiani, ma molto probabilmente ne servirà un altro e si fa il nome dello svincolato Momenté. Serve un innesto a centrocampo: avevamo sognato Bruccini che poi non arriverà, ma occorre un giocatore del genere lì nel mezzo.


martedì, 29 dicembre 2020, 10:01

De Vito: "Non mi tirerò mai indietro"

Il difensore rossonero crede nella salvezza: "Mi ero esposto già due anni fa quando la situazione era molto più complicata, tanto più mi espongo adesso quando dico che la classifica andrà vista alla fine, anche perchè c'è una società che non ci fa mai mancare niente.