Galleria Rossonera

Adamoli e l'emozione del primo gol: "Fantastica, e oltretutto a casa mia"

martedì, 12 gennaio 2021, 08:49

di diego checchi

Andrea Adamoli ci racconta l'emozione vissuta per i primo gol tra i professionisti:"E' stata un emozione incredibile. Fantastica soprattutto per il fatto che ho segnato a casa mia. Ho visto la palla che arrivava ed ho pensato solo a calciare. Alla fine è andata bene." 

Come si trova nella sua esperienza a Lucca? 

"Mi trovo benissimo e  spero di ripagare la fiducia che mi ha dato il direttore Deoma quando mi ha voluto qui" 

Le piace giocare come quinto nel 3-5-2? 

"Mi piace molto fare il quinto di centrocampo ma sono a disposizione del mister perché alla fine dove gioco gioco. Penso ad ascoltare il mister che è veramente molto bravo." 

Che differenze ha trovato fra il campionato Primavera e la Serie C?

 "La Serie C è molto diversa dal campionato primavera. C'è molta più velocità, più intensità, devi ragionare prima con la testa e pensare quale giocata bisogna fare." Con chi ha legato di più dei compagni di squadra? "Ho legato molto con Bianchi che conoscevo già nell'esperienza al Genoa, ho grande feeling con Signori e Solcia perché siamo tutti e tre lombardi ma alla fine mi trovo bene con tutti." 

Che cosa pensa dell'attuale classifica della Lucchese? 

"Che bisogna soltanto continuare su questa strada ed ascoltare soltanto i consigli del mister. Sono convinto che usciremo presto da questa situazione. Tutti devono avere fiducia in noi perché stiamo lavorando molto bene allenamento dopo allenamento."

 A livello personale dove vorrebbe arrivare? 

"A livello personale l'obbiettivo è riuscire ad arrivare in Serie A, insomma più in alto possibile anche in Champions League".

A chi si ispira come tipo di giocare?

"Prendendo quelli del momento dico sicuramente Teo Hernandez del Milan perchè ricopre il mio stesso ruolo anche se lui è molto più bravo." 

Ci può raccontare da dove è partita la sua breve carriera fino ad arrivare alla Lucchese? 

"Ho cominciato nell' oratorio vicino casa. Poi all'Olgiono e dopo all'Olginate. Da lì il passaggio alla Juventus che poi mi ha dato in prestito a Genoa. L'anno scorso mi ha comprato l'Empoli e li ho fatto un anno di Primavera per poi arrivare a Lucca, una piazza importante, una società storica, convinto dal fatto di avere questa grande occasione. E' un peccato non poter avere i tifosi al seguito che sono convinto che ci avrebbero dato una spinta importante e questo step mi avrebbe fatto crescere ancora di più a livello mentale perchè avrei capito definitivamente nel calcio vero".



Altri articoli in Galleria Rossonera


venerdì, 22 luglio 2022, 13:24

Nenciarini: "Il nostro, un gruppo giovane con qualche giocatore di esperienza"

Parla il vice di mister Maraia: "Qui una situazione favorevole visto che ho conosciuto il direttore Deoma, una persona con dei valori importanti che nel calcio vengono sempre più a mancare. Poi c’è il mister che non discute perché sapevo già che persona fosse”


lunedì, 23 maggio 2022, 18:10

Mister Fracassi: "I tifosi hanno capito che quest'anno c'è stato tanto lavoro"

Il vice di Pagliuca parla della stagione conclusa e del futuro: "L'obiettivo è migliorarsi. È ovvio che la società deve fare i suoi passi con il rinnovi e nella costruzione della squadra, con il mister abbiamo già parlato e sappiamo dove intervenire per poter migliorare, magari anche nella fase realizzativa”



martedì, 17 maggio 2022, 12:05

Giovannini: "Ecco su chi punterei in Serie C..."

Il direttore generale, da poco passato all'Arezzo, parla dei giocatori che lo hanno impressionato e del campionato dei rossoneri: "Tutti i dirigenti sono stati bravi, non era facile ripartire dopo una retrocessione e Pagliuca ha fatto un grande lavoro sul campo e questo mi sembra sia sotto gli occhi di...


venerdì, 13 maggio 2022, 07:43

Zak Ruggiero ai saluti: "Play off emozione bellissima, meritavano di più"

Il trequartista che ha disputato un finale di stagione in crescendo: “Non lo so ancora cosa mi riserverà il futuro: è incerto. Devo scegliere bene, ho altri due anni a Crotone, adesso vedremo cosa fare insieme ai proprietari del mio cartellino”