Galleria Rossonera

Adamoli e l'emozione del primo gol: "Fantastica, e oltretutto a casa mia"

martedì, 12 gennaio 2021, 08:49

di diego checchi

Andrea Adamoli ci racconta l'emozione vissuta per i primo gol tra i professionisti:"E' stata un emozione incredibile. Fantastica soprattutto per il fatto che ho segnato a casa mia. Ho visto la palla che arrivava ed ho pensato solo a calciare. Alla fine è andata bene." 

Come si trova nella sua esperienza a Lucca? 

"Mi trovo benissimo e  spero di ripagare la fiducia che mi ha dato il direttore Deoma quando mi ha voluto qui" 

Le piace giocare come quinto nel 3-5-2? 

"Mi piace molto fare il quinto di centrocampo ma sono a disposizione del mister perché alla fine dove gioco gioco. Penso ad ascoltare il mister che è veramente molto bravo." 

Che differenze ha trovato fra il campionato Primavera e la Serie C?

 "La Serie C è molto diversa dal campionato primavera. C'è molta più velocità, più intensità, devi ragionare prima con la testa e pensare quale giocata bisogna fare." Con chi ha legato di più dei compagni di squadra? "Ho legato molto con Bianchi che conoscevo già nell'esperienza al Genoa, ho grande feeling con Signori e Solcia perché siamo tutti e tre lombardi ma alla fine mi trovo bene con tutti." 

Che cosa pensa dell'attuale classifica della Lucchese? 

"Che bisogna soltanto continuare su questa strada ed ascoltare soltanto i consigli del mister. Sono convinto che usciremo presto da questa situazione. Tutti devono avere fiducia in noi perché stiamo lavorando molto bene allenamento dopo allenamento."

 A livello personale dove vorrebbe arrivare? 

"A livello personale l'obbiettivo è riuscire ad arrivare in Serie A, insomma più in alto possibile anche in Champions League".

A chi si ispira come tipo di giocare?

"Prendendo quelli del momento dico sicuramente Teo Hernandez del Milan perchè ricopre il mio stesso ruolo anche se lui è molto più bravo." 

Ci può raccontare da dove è partita la sua breve carriera fino ad arrivare alla Lucchese? 

"Ho cominciato nell' oratorio vicino casa. Poi all'Olgiono e dopo all'Olginate. Da lì il passaggio alla Juventus che poi mi ha dato in prestito a Genoa. L'anno scorso mi ha comprato l'Empoli e li ho fatto un anno di Primavera per poi arrivare a Lucca, una piazza importante, una società storica, convinto dal fatto di avere questa grande occasione. E' un peccato non poter avere i tifosi al seguito che sono convinto che ci avrebbero dato una spinta importante e questo step mi avrebbe fatto crescere ancora di più a livello mentale perchè avrei capito definitivamente nel calcio vero".



Altri articoli in Galleria Rossonera


venerdì, 23 luglio 2021, 15:23

Vichi: "Ci sono proposte di nuovi ingressi che stiamo valutando"

Il presidente rossonero conferma l'interesse di alcuni soggetti: "Due settimane prima che ci muovessimo per il ripescaggio, ci sono state delle proposte che non abbiamo ritenuto all’altezza del blasone della Lucchese. Ora, invece, ne sono arrivate altre molto interessanti che valuteremo soltanto dopo la certezza di essere ripescati"


sabato, 10 luglio 2021, 18:44

Castagnoli: "Ripescaggio, unica opportunità per la società di rifarsi dopo la retrocessione"

L'opinion leader di Noitv: "Spero solo che l'esperienza dell'anno scorso serva per non ripetere gli errori che sono stati fatti sia nella scelta dell'allenatore che dei giocatori, spero che non si affidino solo ai procuratori ma facciano scelte ragionate e allestiscano una squadra solida"



martedì, 6 luglio 2021, 20:04

L'ex Panariello: "Questa piazza meritava altre soddisfazioni"

L'ex difensore: "Spero e penso che Lucca possa tornare presto nelle categoria che merita con il ripescaggio o vincendo il prossimo campionato di Serie D. La città ha un blasone per cui è facile trovare buoni giocatori che vogliono venire qui"


mercoledì, 30 giugno 2021, 08:43

Il dottor Tambellini fa 30 anni in rossonero: "Ero giovane e sono diventato anziano con la Lucchese"

Adolfo Tambellini, medico sociale rossonero, festeggia trenta stagioni con la Lucchese: "Ho collaborato con tantissime persone e mi piace ricordare tra i tanti Enrico Castellacci e Alvaro Vannucchi. Con Alvaro soprattutto abbiamo formato un connubio indissolubile"