Galleria Rossonera

Francesconi: "Situazione disperata, speriamo Di Stefano porti la scossa"

giovedì, 15 aprile 2021, 08:09

di diego checchi

Alberto Francesconi, che oltre ad essere da sempre un grande tifoso rossonero è stato anche giocatore, allenatore della Juniores e anche socio della Lucchese, parla della sfida di Carrara e del cambio di allenatore che c'è stato in settimana. Sentiamo cosa ci dice  in proposito...

Pensa che sia stato giusto il cambio in panchina?

"Bisognerebbe essere all'interno per sapere se un cambio può portare benefici oppure no. Da fuori penso che abbiano aspettato fino all'ultimo per vedere se si riusciva a invertire la rotta, speriamo che Lulù Di Stefano dia la scossa che serve per racimolare quei punti per raggiungere i play out, anche se mi sembra una situazione abbastanza disperata".

Conosce Di Stefano per averlo avuto come allenatore al Cuoio Cappiano in Serie D, cosa pensa di lui?

"Probabilmente è la persona più adatta per questo momento, è molto pacato e può riportare un po' di quella tranquillità che serve per raddrizzare la situazione. È valido tecnicamente e ha passato già tutta la stagione con la squadra, quindi conosce bene i ragazzi e saprà come fare i piccoli cambiamenti necessari".

Domenica c'è la sfida di Carrara, come va affrontata?

"Bisogna giocare tutta la partita per vincere e tenere sempre alto il ritmo e attaccare sempre, i ragazzi devono dimostrare anche coi piccoli gesti che voglio vincere, bisogna intimorire gli avversari già dal riscaldamento".

Ci vogliono almeno 7 punti per arrivare i play out, cosa ne pensa?

"Minimo 7, ovviamente fino a che la matematica non condanna bisogna crederci. Peccato che si sono persi alcuni punti anche domenica col Livorno che sarebbero stati utili adesso".

Ha seguito la Lucchese quest'anno?

"L'ho sempre seguita in TV, dispiace molto per come è andata la stagione, anche perché se si dovesse retrocedere, tornare tra i professionisti sarebbe molto dura. Ma intanto affrontiamo un passo alla volta, domenica c'è la Carrarese e bisognerà moltiplicare le forze per vincere".

Lei è sempre stato legato alla Lucchese, che ricordi ha?

"Mi spiace solo di averci giocato un anno solo e a fine carriera. Ero un tifosa della curva, mi ricordo che quando feci gol contro il Pisa saltai la recinzione per andare a sotto  la curva dove da ragazzo suonavo il tamburo".

Vorrebbe ricominciare con il calcio una volta passata la situazione relativa al Covid?

"Quest'anno avevo giocato con il Ponte a Moriano e se trovassi qualcuno che ha bisogno di un vecchietto per giocare 20 minuti anche l'anno prossimo sarò sempre disponibile, io mi voglio divertire ancora giocando a calcio. Intanto, per adesso, la domenica la passo con i figli".


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 5 maggio 2021, 17:57

Castagnoli: "La società deve andare avanti eventualmente cambiando alcune figure"

L'opinion leader e storico tifoso rossonero: "Retrocessione ormai inevitabile da tempo, sbagliato scegliere Lopez. Questa società porta il peso di una retrocessione sul campo ma è anche vero che ha fatto di tutto per far rinascere il calcio a Lucca due anni fa: il direttore sportivo dovrà fare un passo...


giovedì, 29 aprile 2021, 12:47

Cavalletto: "Andiamo a vincere questa finale"

Il tecnico, già secondo di Galderisi e ora assistant coach nella squadra turca di serie A dell'Alanyaspor, convinto che la Lucchese possa farcela: "La Pantera può essere ferita, ma prima di morire venderà cara la pelle e sono sicuro che l'ultimo ruggito sarà il nostro, l'abbiamo dimostrato in passato e...



giovedì, 29 aprile 2021, 08:43

Il doppio ex Vannucci: "E' una gara che si vince con inervi"

L'ex difensore rossonero che ha militato anche nel Renate prova a leggere la gara: "Non si può pensare alla tecnica o alla tattica in partite come queste, si può vincere solo sui nervi. La Lucchese deve fare la partita all'attacco e far capire da subito che non ce n'è per...


venerdì, 23 aprile 2021, 09:07

Quironi: "Fino a che c'è una possibilità, bisogna crederci"

L'ex portiere e preparatore rossonero non perde tutte le speranze di salvezza: "La partita è difficile ma se tutti tirano fuori qualcosina in più si può fare. Alibi e scuse a questo punto, quando sei ultimo in classifica a due giornate dalla fine, non se non possono trovare"