Galleria Rossonera

Meucci a cuore aperto: "La retrocessione è stato un disastro"

mercoledì, 2 giugno 2021, 09:38

di diego checchi

Parole che vengono dal  cuore quelle di Matteo Meucci e non è retorica, perché lo pensiamo davvero. Il centrocampista carrarino ricostruisce l'annata disgraziata per i colori rossoneri e dice davvero tutto quello che pensa: "La retrocessione è stata una delusione incredibile sia a livello personale che di gruppo, oltre a un dispiacere enorme per la città ed i tifosi: un vero disastro".

Quale pensa sia stata la ragione di questa debacle?

"Trovare un singolo motivo è riduttivo. Possiamo analizzare le prime 7 partite dove non abbiamo fatto punti ad esempio. Poi, dopo il cambio in panchina, quando abbiamo infilato 7 risultati positivi pensavo che ce l'avremmo fatta e invece così non è stato, ci sono state partite come quella con la Giana Erminio che sono state un colpo duro, e forse quello definitivo è stato contro la Carrarese. Insomma, tutto l'anno siamo stati su un piano inclinato a cui non siamo riusciti a rimediare".

Tanti tifosi si chiedono se il gruppo era affiatato con la gestione Lopez?

"Se il gruppo non fosse stato saldo non saremmo riusciti ad arrivare a giocarci la salvezza fino alla fine nonostante i tantissimi errori fatti durante la stagione".

Adesso da dove bisognerebbe ripartire?

"Come ho già detto, personalmente mi sento in debito con tifosi e città e credo che da quello si debba ripartire, chi ci sarà dovrà tenerne conto. Se ci saranno le condizioni, indipendentemente dalla categoria, per me sarebbe un onore provare a restituire fiducia e dignità ai tifosi rossoneri".

Dalle sue parole traspare che la delusione non è ancora passata...

"Comincio ad alzare la testa un po' adesso, ma per un mese non sapevo dove sbattere la testa e mi alzavo tutte le mattine chiedendomi  come fosse stata possibile una retrocessione così".

Quali ricordi di Lucca?

"Il primo anno è stato sicuramente fantastico, con i tifosi allo stadio e quello che abbiamo fatto che in ogni caso rimane. Comunque vada Lucca la porterò nel cuore e spero di lasciare un ricordo alla città almeno a livello personale se non per quello che ho lasciato sul campo". 

Quale progetto cerca per il futuro?

"Vorrei un progetto importante, un anno di C tanto per fare non mi interessa, in ogni caso Lucca sarà la mia prima scelta. Altrimenti vorrei trovare un progetto dove possa sentirmi valorizzato, anche in una Serie D, credo di meritarmelo".

E adesso in cosa è impegnato?

"Adesso iniziano i campus estivi e alleno i bambini, poi penso che a breve si comincerà a muovere il mercato, spero che a Lucca si sistemi presto le cose, che si sappia chi saranno l'allenatore e il direttore sportivo, e che tengano conto di me".

Vuole dire una parola ai tifosi?

"Saluto i tifosi e chiedo ancora scusa, spero di poterli rivedere presto. In ogni caso spero che con o senza di me la Lucchese possa tornare presto nelle categorie che merita".





Altri articoli in Galleria Rossonera


giovedì, 9 settembre 2021, 08:30

Fedato, il ritorno: "Spero di rinascere con questa maglia"

L'attaccante alla sua seconda esperienza in rossonero si racconta: "Potevo già tornare lo scorso anno, poi non se ne è fatto di niente. Voglio fare bene, il mister è un fenomeno, non ho mai visto un mister così preparato. Lucca e Bari le due piazze che sento dentro di me"


giovedì, 2 settembre 2021, 08:15

Semprini: "Il Cesena è abituato a vincere: cercheremo di fargli cambiare abitudini..."

L'autore del gran gol che ha regalato il tre punti a Imola alla Lucchese si racconta: “A Lucca mi sono trovato subito bene, mi sono sentito come a casa, sono stato accolto benissimo. Il gruppo è eccezionale, non ci sono prime donne e siamo tutti concentrati sullo stesso obiettivo.



venerdì, 27 agosto 2021, 10:16

Russo: "Tifosi, dateci una seconda chanche"

"Va sotterrata l'ascia di guerra e data una seconda possibilità a tutti noi, del resto, una seconda possibilità si dà a chiunque. Se dovesse andare male, allora ognuno trarrà le sue conseguenze": alla vigilia dell'inizio del campionato è Bruno Russo a rivolgere un appello ai tifosi e parlare a 360°...


giovedì, 26 agosto 2021, 08:38

Coletta: "Pagliuca è l'uomo giusto per ripartire dopo la scorsa annata"

Il portiere rossonero, uno dei pochissimi confermati dopo la retrocessione, fa le carte al campionato: "E' il girone più difficile dei tre, con tutte squadre ben attrezzate. L'Imolese è una buona squadra già inquadrata nella categoria ma noi siamo preparati e motivati ad affrontarla.