Porta Elisa News

La cordata lucchese esce allo scoperto: "Proposta credibile, legata al territorio"

martedì, 9 luglio 2019, 13:07

C'è già il contatto avviato da tempo, ieri ecco un altro incontro a Palazzo Orsetti con il sindaco Tambellini e con l'assessore allo Sport Ragghianti. La cordata lucchese prende forma, una decina-dodici imprenditori, quasi tutti del territorio, è pronta a rilevare la nuova società rossonera. L'ipotesi Mario Santoro e Bruno Russo cresce di ora in ora. E per la prima volta, attraverso un comunicato stampa, la cordata esce allo scoperto, pur continuando, per ora, a mantenere il riserbo sui nomi degli imprenditori coinvolti. 

"Positivo l'incontro per il futuro della Lucchese che si è svolto nel pomeriggio di lunedì 8 luglio a palazzo Orsetti – si legge nella nota – tra i rappresentanti del gruppo che intende rifondare la Pantera, il sindaco Alessandro Tambellini e l'assessore allo sport Stefano Ragghianti. Sul piatto finalmente una proposta seria e credibile: dar vita a una società dinamica, agile, profondamente legata al territorio perché al suo interno ci saranno ex calciatori ed ex dirigenti rossoneri che hanno scritto la storia della Lucchese e, in qualità di sponsor, alcune importanti realtà imprenditoriali legate ai settori dell'edilizia, del cartario e della chimica. Si tratta di realtà produttive di primo piano a livello nazionale e internazionale".

"L'obiettivo illustrato al sindaco Tambellini è quello di dar vita a un sodalizio ambizioso - prosegue la nota – con una solida base economica, che abbia un asset di comprovata affidabilità e che sotto il profilo sportivo getti le basi per riportare Lucca nel calcio che conta. Un occhio di particolare riguardo, è stato spiegato al primo cittadino, verrà destinato al settore giovanile - che ritroverà la sua casa abituale nell'Acquedotto - con la costituzione di quattro formazioni, e anche al calcio femminile. Il vivaio, è stato più volte sottolineato, è la base di partenza per fare calcio in maniera seria e sostenibile".

"Durante l'incontro – conclude la nota – è stato affrontato l'argomento dello stadio Porta Elisa, attualmente in condizioni di degrado. Il sindaco ha assicurato l'impegno dell'amministrazione municipale allo scopo di realizzare un project financing con gli imprenditori interessati alla Lucchese, compatibili con le possibilità offerte dall'attuale programmazione urbanistica. Gli industriali che fanno parte della cordata auspicano che il Comune risponda in maniera positiva. Il piano riferito al sindaco prevede inoltre che la prima squadra e la formazione femminile abbiano il loro quartier generale allo stadio di Saltocchio, dove a seguito di una concessione pluriennale si prevede la realizzazione del campo in sintetico e una riqualificazione generale".



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 18 ottobre 2019, 18:59

Monaco torna al 4-3-3?

La Lucchese potrebbe tornare a giocare con la difesa a quattro con tre centrocampisti e tre attaccanti per favorire le caratteristiche tecniche di un elemento importante come Giovanni Nannelli, che sfruttato più vicino alla porta potrà esprimere tutto il suo potenziale


venerdì, 18 ottobre 2019, 18:55

Ligorna-Lucchese a rischio per l'allerta meteo

Solo domani alle 12 si saprà se verrà giocata o meno. L'ultima decisione sarà presa dalle autorità competenti sulla base del bollettino meteo che sarà diramato dall'ARPAL, l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure



giovedì, 17 ottobre 2019, 18:09

Ligorna, ormai una certezza in serie D

I prossimi avversari dei rossoneri, che domenica inaugureranno il nuovo terreno sintetico alla periferia di Genova, sono al quarto campionato in serie D. Mister Luca Monteforte può contare su un mix di esperienza e gioventù che scheira con 3-4-3


giovedì, 17 ottobre 2019, 18:05

Difesa a 3 o difesa a 4? Ecco il dubbio di Monaco

Il tecnico ancora con il dubbio sul modulo, mentre è rientrato in gruppo Nolè che ha svolto l'intera partitella con i propri compagni che potrebbe costituire un centrocampo a tre insieme a Cruciani e Presicci. Anche Fazzi in gruppo, ancora a parte Remorini