Detto tra noi

Un punto in più

sabato, 16 luglio 2022, 11:14

di fabrizio vincenti

Non avrà un compito facile, il nuovo tecnico rossonero Ivan Maraia. L'ex allenatore del Pontedera sbarca a Lucca nel momento peggiore possibile, dopo mesi di chiacchiere e di trattative naufragate misteriosamente, come se non fosse già abbastanza complicata la sostituzione di Guido Pagliuca che era prepotentemente nel cuore dei tifosi. Maraia – un signore ogni volta che ha affrontato i rossoneri, anche quando il risultato gli ha dato talvolta beffardamente contro – dovrà farei conti anche con una squadra destinata a perdere molti dei suoi giocatori chiave dello scorso campionato. Il quadro non è dei migliori, diciamolo chiaramente. A tutto questo si aggiunge, come se non bastasse, la necessità di tenere sott'occhio i conti societari dopo che i possibili acquirenti sono evaporati (anche se risulterebbe ancora in piedi una trattativa con un gruppo romano della ristorazione). Tante incognite, a partire da quella societaria che non possono non pesare sull'allestimento della squadra e sul futuro, per quanto siamo convinti che Deoma farà il possibile e anche di più per compensare le partenze e i mancati rinnovi.

Per Maraia, quella di Lucca, è però l'occasione da non perdere. Dopo molti anni a Pontedera, ecco la possibilità di misurarsi con un ambiente che, come lo stesso tecnico ha dichiarato in conferenza stampa, dà molto ma pretende anche molto. Il suo arrivo a Lucca è stato in punta di piedi ma non per questo molto determinato. Conterà il modulo, conteranno i giocatori, ma, prima di tutto, lo spirito, la mentalità. E in questo senso lo stesso tecnico dovrà calarsi in una realtà diversa da quella dove per anni ha fatto bene. Dove potrà arrivare è impossibile saperlo, anche, ripetiamo, di fronte alle incognite societarie che impongono per il momento una navigazione a vista, ma ci è piaciuto molto il suo primo intendimento: fare un punto in più della scorsa stagione con grinta, determinazione e umiltà. Non sarà facile. Per niente. Ma è giusto provarci. Benvenuto. E in bocca al lupo. 



Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 21 settembre 2022, 18:43

Una modesta proposta per il presidente Ghirelli: partite alle 6 antelucane, come tra Filini e Fantozzi

Diciamo la verità: quando abbiamo letto la notizia, in un primo momento, ci è sembrata talmente paradossale da non potere risultare vera. Quasi come se, in mezzo a una strada urbana, ci si trovasse di fronte a un ippopotamo.


lunedì, 19 settembre 2022, 10:40

Serve cambiare passo. E alla svelta

Abbiamo atteso qualche gara di campionato prima di avventurarci in una disamina di questa Lucchese che è arrivata ai nastri di partenza quasi completamente stravolta, a partire dal tecnico, rispetto allo scorso torneo. Quattro gare sono poche, lo premettiamo, e dunque poco senso ha lanciarsi in affermazioni perentorie.



giovedì, 25 agosto 2022, 16:54

Le cordate sono come le ciliegie

Continuiamo a trovare tifosi che, per strada, ci chiedono aggiornamenti sulle vicende societarie e molti che, quasi increduli, si stupiscono che "Gazzetta non abbia preso posizione sulla vendita della Lucchese". A tutti rispondiamo nel solito modo e lo facciamo anche da qui: scriviamo quello che sappiamo.


domenica, 10 luglio 2022, 09:10

Lucciole, anzi canguri, per lanterne

A Lucca, si sa, quando si parla di calcio, siamo abituati a tutto. E' stato visto di tutto. I tifosi hanno subìto di tutto. Ma la vicenda della cordata calabro-australiana è riuscita ancora una volta a regalare un elemento di sconcertante novità.