Galleria Rossonera

Benassi: "Ha pagato mister Monaco, ma le colpe sono di tutti"

martedì, 10 novembre 2020, 12:51

di diego checchi

Capitan Benassi ci mette la faccia e parla del momento che sta attraversando la Lucchese, ma anche della sua situazione personale. Un quadro per niente semplice: “Sono sempre stato bene nonostante sia dovuto stare in isolamento per diversi giorni. In questo periodo sono successe diverse cose ed evidentemente qualcosa non è andato per il verso giusto. Mi è dispiaciuto che a pagare sia stato mister Monaco ma le colpe sono un po’ di tutti. In primis della società e di noi giocatori. Adesso ci mettiamo con grande voglia e disponibilità al servizio del nuovo mister per lavorare e migliorare. Già da questa settimana abbiamo lavorato tanto, bene e mister Lopez ha già fatto capire le sue idee”. 

Quali sono le differenze fra gli allenamenti di mister Lopez e mister Monaco?

“Ogni allenatore ha il suo metodo e modo di pensare. Con Lopez abbiamo fatto tanti esercizi ad alta intensità e tanto possesso palla. Entrambe le filosofie dei mister sono valide ma ognuno imposta il lavoro come ritiene più opportuno, noi dobbiamo soltanto seguire quello che ci viene detto e applicarci di conseguenza”. 

Secondo lei sarà un vantaggio o uno svantaggio non giocare a Pontedera?

“Ci sono due aspetti: il primo è la voglia di giocare che è tanta. Il secondo è che di qui a domenica abbiamo la possibilità di lavorare ancora di più e magari recuperare qualcun altro e questa non sarebbe una situazione da poco, dato che poi, ci sarà un tour de force importante”. 

Quali sono state le difficoltà di questo mese e mezzo tribolato?

“È evidente che se abbiamo soltanto un punto in sette gare disputate qualcosa non ha funzionato. Ci sono tanti fattori che hanno portato a questo. Un po’ l’inesperienza della categoria per qualche giocatore, un po’ per la mancanza di rendimento di giocatori più esperti. Ripeto: ha pagato il mister ma le colpe non sono state solamente sue. Purtroppo nel calcio funziona così. Adesso bisogna invertire la rotta, ci sono ancora trentuno partite da giocare e tutte le possibilità per salvarci mettendoci a disposizione del mister”.

Quest’anno dovete giocare in un clima particolare essendo alle prese con il Covid-19 e prima di ogni partita c’è “l’ansia” dei tamponi.

“È chiaro che non sia la solita normalità, dentro allo spogliatoio dobbiamo stare più attenti e anche fuori dal campo. Ritengo che il fare tamponi ogni settimana sia un bel vantaggio perché siamo controllati in tutto e per tutto e possiamo star tranquilli. Magari, perché ha preso il virus c’è un il disagio di dover stare isolato e lontano dalla famiglia, ma questo fa parte del nostro lavoro. Sono sacrifici che dobbiamo fare perché c’è gente che aspetta i tamponi da mesi. Non ci dimentichiamo che la Serie D, per esempio, si è dovuta di nuovo fermare e a noi è accaduto l’anno scorso, dove è stato difficile stare lontano dal campo per chi ama questo sport”.

Da capitano, che cosa si sente di promettere ai tifosi?

“Penso che in questo anno e mezzo mi abbiate conosciuto, non sono uno che va sui social, sono un po’ fuori dal mondo. A me piace soltanto lavorare sul campo e promettere il massimo impegno quando indosso la maglia della Lucchese. Credo che questo gruppo sia prima un gruppo di uomini e poi un gruppo di giocatori e lo zoccolo duro è quello dello scorso anno. Si parte da una buona base e tutti tengono al bene di questa maglia. Adesso bisogna fare soltanto i risultati. Sono convinto che ci salveremo”.


Altri articoli in Galleria Rossonera


martedì, 2 marzo 2021, 16:52

Kosovan: "Non potevo fare diversamente, ho deciso di mettere la famiglia al primo posto"

L'ex rossonero in esclusiva a Gazzetta Lucchese: "Una scelta sofferta, ma sentire persone che apprezzano la mia decisione, non può far altro che piacere. La Lucchese è una squadra che merita molto di più di quello che ha: l’impegno è sempre stato messo da parte di tutti e sono convinto...


giovedì, 25 febbraio 2021, 19:17

Favarin: "Con l'Olbia non sarà una partita semplice"

Giancarlo Favarin è il doppio ex fra Lucchese e Olbia: “Sarà uno scontro diretto bello e buono che varrà molto. La Lucchese dovrà assolutamente cercare di vincere. Sono convinto che per la salvezza dei rossoneri ci sia ancora tempo, a patto che la Lucchese riesca a fare delle vittorie”



lunedì, 22 febbraio 2021, 17:43

Pellegrini: "Contro l'Olbia conterà solo vincere: crediamo nella salvezza"

Il difensore rossonero: "Sulle possibilità di salvezza, dipende da noi. Peccato non aver vinto contro i bianconeri e aver lasciato punti per strada, altrimenti saremmo stati già penultimi. Sabato bisogna vincere e basta, ma non basta dirlo, dobbiamo farlo"


martedì, 16 febbraio 2021, 08:35

Il baby Cellamare: "A Lucca sto crescendo"

La storia di Claudio Cellamare, il laterale destro della Lucchese che ha appena compiuto 17 anni. E' il più giovane giocatore che ha esordito quest'anno nella terza serie italiana: "Da quando sono arrivato mi sono trovato in una grande famiglia e a distanza di mesi posso solo confermarlo"