Porta Elisa News

Alexander Lici: "Per la Lucchese gioco anche in porta"

mercoledì, 4 dicembre 2019, 12:34

di diego checchi

Alexander Lici parla della sua avventura a Lucca e non si nasconde. Un’intervista tutta da seguire dato che le sue parole non sono mai banali.

Lei è tornato a Luca dopo qualche anno…

“Sono tornato a Lucca perché sapevo che ci sarei stato benissimo, in una società che ha fatto la storia, in una città bellissima. Adesso vivo a Lucca e sono orgoglioso di essere qui. Sono già stato nel settore giovanile rossonero e quando è arrivata la chiamata, ho risposto presente”.

Questi anni di serie D che cosa le hanno dato?

“Andai a Forcoli dove sono stato solo sei mesi, poi a Ponsacco in Eccellenza dove abbiamo vinto il campionato. Poi sei anni in Serie D dove ho sempre avuto la fortuna di lottare al vertice. Ho capito che ogni partita in Serie D è durissima”.

Tornando al presente, che cosa ci può dire sulla partita di domenica scorsa?

“Non siamo partiti benissimo e siamo stati anche sfortunati sul loro primo gol di testa. Siamo entrati nel secondo tempo ci siamo guardati in faccia e abbiamo fatto un’altra partita. La vittoria è meritata anche se siamo rimasti in dieci per l’espulsione di Bitep. Purtroppo a lui è capitato di sbagliare anche se sono cose che non si dovrebbero mai fare. Ma succedono nel calcio”.

Come sta a livello fisico?

“Io non mi sono mai fatto male in vita mia, sono tornato a Lucca e mi sono stirato subito. Ora mi sto allenando al 100%, ma non sono ancora nella forma migliore. Allenamento dopo allenamento la mia condizione migliora“.

Preferisce giocare a destra o sinistra?

“Per la Lucchese gioco anche in porta, è indifferente”.

Adesso c’è una partita quasi scontata: quella contro la Lavagnese.

“Contro di noi tutti vogliono fare la partita della vita. Sono gare difficili a livello mentale. La Lavagnese viene qui a fare la guerra anche se è ultima in classifica. Domenica dovremo essere tutti sul pezzo e portare i punti a casa”.

Crede che questa squadra può lottare per il vertice?

“Per forza deve stare al vertice, si chiama Lucchese e deve stare in alto. Il direttore Deoma ha fatto un’ottima squadra e redo che lotteremo fino in fondo per vincere. Se sono venuto a Lucca è perché voglio vincere il campionato, parliamoci chiaro”.

Qual è il suo obiettivo per il futuro?

“Vincere il campionato e fare i professionisti con la Lucchese. Speriamo che ciò si avveri”.

Dove è migliorato in questi anni?

“A livello tattico ho imparato tanto, poi ho giocato con diversi giocatori che hanno solcato diversi palcoscenici i quali mi hanno insegnato parecchio”.

Cosa vorrebbe dire ai tifosi?

“Spero vengano sempre di più allo stadio, ma sta a noi farli innamorare ancora di più di questa squadra”.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 6 luglio 2020, 19:15

Vichi: "Chiederemo di iscriverci giocando al Porta Elisa con una deroga"

L'amministratore delegato rossonero fa il punto sullo stadio e l'iscrizione alla Serie C: "Fatto passi in avanti, a breve un sopralluogo della commissione di vigilanza. Chiederemo in deroga l'utilizzo del Porta Elisa per il campionato 2020-21. A Saltocchio contiamo di mettere il sintetico"


domenica, 5 luglio 2020, 15:18

Mercato, Deoma procede a fanali spenti

Il diesse non si sbilancia e predica calma, la sua intenzione è fare arrivare a Lucca giocatori funzionali al progetto di mister Monaco che potrebbero arrivare anche a campionato in corso, visto che il mercato andrà avanti sino ai primi di ottobre



venerdì, 3 luglio 2020, 21:56

Tante società sulle tracce di Nolé

Sul centrocampista sembrano esserci Aglianese, San Donato Tavarnelle e il Poggibonsi, squadra di Eccellenza che è pronta ad accaparrarselo con una grande offerta economica. Il giocatore, però, vuole capire se ci sarà ancora la possibilità di rimanere a Lucca


giovedì, 2 luglio 2020, 13:07

Mercato, Scalzi nel mirino dell'Olbia

L'esterno di attacco classe 1997 della Sanremese che in questa stagione è andato in doppia cifra e che la Lucchese sta seguendo è nel mirio del Cagliari che sarebbe nteressato ad acquistare il suo cartellino per poi girarlo all’Olbia