Porta Elisa News

Due nuovi acquisti per la Lucchese: ecco Scalzi e Panariello

fotoalcide

giovedì, 13 agosto 2020, 19:18

di diego checchi

Due ragazzi con storie completamente diverse l'uno dall'altro, quelle dei due nuovi acquisti rossoneri. Aniello Panariello è un difensore roccioso nato a Torre del Greco nel 1988 ed è un veterano della categoria con oltre 250 presenze in Lega Pro con le maglie di Paganese, Siena, Arezzo, Poggibonsi, Pergocrema, Viareggio e Giacomense; ha avuto anche una parentesi in Serie D con Poggibonsi e Trento. Filippo Scalzi classe 1997, invece, è nato a Sanremo e ha sempre e solo giocato nella squadra della sua città collezionando 104 presenze e segnando 30 gol in Serie D. E' un'ala destra che può giocare anche a sinistra, uno di quei giocatori versatili che piacciono tanto a mister Monaco.

Il primo a parlare è proprio il più giovane dei due: "Son contentissimo di essere qui e ringrazio tutti per l'opportunità di debuttare tra i professionisti. È il mio primo anno fuori casa ma vengo qui con l'ambizione di fare bene, sarà  mio dovere  ripagare la società per la fiducia che  mi ha accordato. Preferisco giocare a destra ma gioco dove il mister vuole, anche come ala sinistra non fa differenza per me. Lucca mi ha convinto sin da subito, avevo sentito il direttore Deoma ancora prima dello stop a causa del covid. Avevo potuto vedere la piazza e non ho avuto difficoltà a scegliere, vedere i tifosi rossoneri in trasferta a Sanremo è stato impressionante e anche qui a Lucca, parlando con i compagni negli spogliatoi si capiva che la squadra aveva tutte le carte in regola per fare il salto di categoria. Avevo altre offerte ma nulla di concreto e che mi interessasse davvero, sarà un onore indossare la maglia rossonera". 

Poi ha preso la parola l'esperto difensore campano: "Ho giocato contro la Lucchese quando ero a Siena e ad Arezzo, e il ricordo che ho di Lucca è che è sempre stato un campo tosto, sono molto felice di fare parte di questa squadra. Ho giocato anche come terzino ma sono principalmente un centrale di destra. A Pagani avevo due anni ma ho voluto mantenere la parola data al direttore che mi aveva già proposto di venire qui l'anno scorso, non avevo accettato solo per la categoria e perchè volevo confrontarmi con realtà importanti. La Lucchese ora sta nella categoria che merita e trovare l'accordo con il direttore è stato semplice. Ho giocato con Cruciani a Siena e Benassi al Viareggio quando tutti e due eravamo agli inizi. C'è molta voglia di tornare in campo dopo tanto tempo e quindi mi aspetto un grande entusiasmo. Visto il ritardo con cui si partirà, ci saranno tante partite in poco tempo e sarà importante essere sempre pronti sotto il profilo fisico, non bisognerà lasciare niente al caso".



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 29 settembre 2020, 15:36

Ufficiale: Marco De Vito torna alla Lucchese: "Per me è un sogno"

Il difensore protagonista della straordinaria salvezza sul campo di due anni fa torna in rossonero: "Non avrei mai perso l'occasione di venire a Lucca. Ringrazio per questo il presidente Russo e il diesse Deoma in primis. Darò tutto me stesso e tutta la mia professionalità per questa società"


lunedì, 28 settembre 2020, 12:22

Momentè il possibile rinforzo per l'attacco?

Nelle ultime ore prende corpo la voce che accosta Matteo Momentè alla Lucchese, la punta centrale attualmente a Gozzano, ma il suo procuratore frena: “Avevo sentito la Lucchese circa un mese fa, ma almeno per il momento non c’è stato più niente”



domenica, 27 settembre 2020, 20:25

Bitep: "Una giornata fantastica"

L'attaccante sigla il suo primo gol tra i professionisti e regala il pari ai rossoneri: "Sono entrato in campo con la testa giusta e ho fatto quello che mi ha chiesto di fare il mister. Dedico il gol ai nostri tifosi, che sono fondamentali per questa squadra, questo gol è...


domenica, 27 settembre 2020, 20:22

Bianchi fa subito vedere di che pasta è fatto

Molte bene il centravanti rossonero, così come Bitep che entra subito in partita, Cruciani solita sicurezza, Kosovan di personalità, non piace la difesa che commette troppi errori: le pagelle di Gazzetta