Rubriche : pompey calling

Il pub dove i tifosi rossoneri sono di casa

venerdì, 22 maggio 2020, 08:27

di pablo galligani

Scoperto quasi per caso in una piovosa serata del novembre 2015 da tre tifosi rossoneri alla ricerca di atmosfere old style, lo Shepherd’s Crook è divenuto ormai il pub di riferimento per i numerosi tifosi della Pantera che negli ultimi anni hanno fatto una “gita fuori porta” a Portsmouth per seguire il Pompey e conoscere i suoi supporters. Una secondo viaggio nel 2017 permise di fare amicizia con Steve, Simon e gli altri ragazzi e da allora la tratta Portsmouth-Lucca-Porstmouth è stata ben frequentata. Per il mondo dei tifosi ogni trasferta o viaggio di piacere oltre Manica non può prescindere da numerose visite e soste nei tanti pubs che costellano il Regno Unito, che forse, insieme a stadi come quello di Fratton rappresentano l’ultimo avamposto di un’epoca che fu contro le leggi del calcio moderno. A Porstmouth non mancano i pubs ovviamente ed in occasione della nostra ultima visita ad Aprile 2019, i ragazzi di Pompey non hanno mancato di farci fare un giro pre partita in vari “luoghi sacri” per i tifosi, in un giro di avvicinamento a Fratton Park iniziato almeno tre ore prima del fischio di inizio.

I pubs ce li ricordiamo, il numero di pinte scolate un po’ meno. Ma ogni appuntamento pre partita ed ogni ritrovo post match è da sempre, per tutti, allo Shepherd’s Crook. Grazie all’amico Simon, gestore del pub e presente più volte a Lucca nonché nel derby di oltre foro lo scorso anno (una delle dieci partite nella sua vita da ricordare secondo lui e credetemi ne può raccontare tante, dentro e fuori gli stadi) abbiamo ricostruito la storia dello Shepherds. Pub centenario aperto nel 1912 quando il Pompey già appassionava i suoi tifosi da 14 anni. Il nome tradotto alla lettera è “bastone da pastore” e deriva dal fatto che nella stessa zona già nel 1841 vi fosse un cottage di pastori e successivamente un ponte (che adesso non esiste più) conosciuto come Shepherds Bridge. Prima di questo pub, proprio davanti a dove si trova oggi lo Shepherds si trovava lo “Shepherd’s Arms” che aveva però cessato pochi anni prima la propria attività ed anzi era stato già demolito quando aprì il “nostro “ Shepherds. Il quale inizialmente mantenne il nome di Shepherd’s Arms per assumere quello attuale nel 1933.

Da sempre ritrovo di tanti tifosi del Pompey, lo Shepherds è il pub più vicino a Fratton Park e facile da trovare all’incrocio tra Goldsmith Avenue e Winter Road, proprio davanti a Milton Park. Noi consigliamo di arrivarci la sera, scendendo magari alla stazione di Fratton Park e percorrere quei due chilometri scarsi che nella parte iniziale vi avvolgeranno in atmosfere ed edifici anni ’70. Il pub vi verrà incontro con il suo muro rosso in terracotta che già lo caratterizzava sin dalla prima costruzione. Dotato di un back garden affollatissimo prima e dopo le partite casalinghe del Pompey se il tempo lo consente, vanta un assortimento di ales tutte da scoprire e da gustare. Tutto da scoprire l’interno del pub dove i colori rossoneri sono presenti da tempo a suggello di un’amicizia nata per la comune passione per il calcio ed anche (ovviamente) per la buona birra. Scontato dirlo, questa maledetta quarantena ha accentuato la nostalgia per una visita a Portsmouth per abbracciare i nostri amici. Quando sarà possibile non ci è dato saperlo. Ma dove ci daremo appuntamento e dove ci saluteremo questo lo sappiamo molto bene. Up the pints! 



prenota questo spazio dim. 520px X 120px

Altri articoli in Rubriche


domenica, 10 maggio 2020, 10:55

Quando la Lucchese sfidava il calcio inglese

La partecipazione rossonera alla sedicesima edizione della Coppa Anglo-Italiana (Anglo-Italian Cup) nella stagione 1992-1993 si concluse con un pari, una vittoria e due sconfitte: gli avversari della squadra di Orrico si chiamavano Portsmouth, Birmingham, Brentford e Newcastle


venerdì, 8 maggio 2020, 08:51

Chi rilascia la patente da tifoso?

L'unico momento serio del calcio è quello sociale di comunità, quello dove ci sono le bandiere, le persone accanto, i bambini che si divertono, gli ultras che si colorano, le discussioni, gli sfottò e i giocatori che indossano la maglietta 'mitica'



domenica, 3 maggio 2020, 09:16

Come si dice Pisa a Portsmouth?

Se vi dovesse capitare di andare a Portsmouth date un’occhiata ai cartelli stradali, noterete qualcosa di particolare: indicano tutti “fuori città” senza fare alcun riferimento a quello che si trova al di fuori di essa. La rivalità tra Portsmouth e Southampton si sviluppa molto prima della nascita del football


lunedì, 27 aprile 2020, 09:29

Matthew Bazell: "Coronavirus, i club inglesi di terza e quarta divisione sono in grossi guai"

L'autore del libro “Theatre of silence, the lost soul of football” uscito nel 2008 e tradotto nel 2015 con il titolo "Stadi o teatri" parla a Gazzetta Lucchese della situazione del calcio inglese: "Il calcio moderno è un circo di avidità giocato per tifosi tranquilli che sono lì per essere...