Rubriche : pompey calling

Il Pompey cade in semifinale, ma i suoi tifosi non mollano

martedì, 7 luglio 2020, 08:15

di pablo galligani

Addio sogni di gloria. Oggi più che mai il titolo della celebre canzone interpretata da Giuseppe Di Stefano rispecchia la situazione in casa Portsmouth. La sconfitta ai calci di rigore per mano dell’Oxford United ha decretato per il secondo anno di fila l’uscita dai Play Off della League One, ancora una volta al primo turno. Quindi niente finalissima a Wembley per i Super Blues, a sfidarsi per la promozione in Championship saranno dunque l’Oxford United e gli Wycombe Wanderers, quest’ultimi usciti vincitori dal doppio confronto con il Fleetwood Town.

Bisogna dire che il Pompey, nelle due partite disputate, non ha certamente espresso il miglior gioco. Dopo essere passato in vantaggio sia a Fratton Park che al Kassam Stadium non è riuscito ad imporsi e i “The U’s” (soprannome dell’Oxford) sono riusciti così a mantenere vivo il match. A lasciare l’amaro in bocca ai tifosi è un episodio in particolare. Un grave errore di comunicazione tra il portiere ed il difensore centrale su un innocuo calcio d’angolo ha permesso agli avversari di pervenire al pareggio, proprio a poco dalla fine del primo tempo. Il secondo tempo ed i supplementari non hanno visto predominare nessuna delle due formazioni, complici il caldo e la non perfetta forma atletica dopo i mesi di stop. Solo i rigori hanno decretato il vincitore, il venticinquenne nordirlandese Mcgeehan calcia bene ma il portiere intuisce, quelli dell’Oxford sono infallibili dal dischetto e niente può Alex Bass, estremo difensore del Pompey.

Alla fine dell’incontro non si sono fatte attendere le critiche verso l’allenatore Jackett, poco amato dai tifosi e dalla stampa, i quali recriminano soprattutto scelte discutibili nell’undici titolare oltre ad uno stile di gioco ormai divenuto poco prolifico. Il Portsmouth sembrava essere tornata la squadra vista all’inizio del campionato, priva di idee e succube del gioco degli avversari. Il futuro del tecnico Gallese sembra ormai appeso a un filo ed ora la dirigenza dovrà riunirsi per progettare un campionato di livello se si vuole riportare la squadra in una categoria che più rispecchia il blasone del Portsmouth FC. Nonostante sia stata una serata tutt’altro che da ricordare per i supporters dei super blues vanno però menzionati un manipolo di tifosi che hanno viaggiato fino ad Oxford e sono riusciti ad assistere all’incontro, ovviamente fuori lo stadio, sopra ad un furgone intonando cori per la squadra. Sperando che la prossima stagione sia migliore di quella appena terminata sempre Play Up Pompey.  



prenota questo spazio dim. 520px X 120px

Altri articoli in Rubriche


martedì, 9 giugno 2020, 13:17

La promozione dei rossoneri nei titoli dei giornali e dei siti

Ampio spazio sui giornali e sui siti web alla ritrovata Serie C per la Lucchese: tante le interviste e gli aneddoti per un campionato conclusosi nel migliore dei modi dopo l'ennesimo fallimento dell'estate scorsa


sabato, 6 giugno 2020, 08:36

“Playing up with Pompey”: quando i tifosi del Pompey decisero di competere con i grandi

La firm dei tifosi del Portsmouth, il cui nome 6.57 Crew deriva dall’orario del treno per Londra che i supporters erano soliti prendere tutti insieme quando dovevano affrontare le trasferte più ostiche, nasce in un pub, dove la “working class” e la Royal Navy si sono mescolate allo spirito battagliero...



venerdì, 22 maggio 2020, 08:27

Il pub dove i tifosi rossoneri sono di casa

Scoperto quasi per caso in una piovosa serata del novembre 2015 da tre tifosi rossoneri alla ricerca di atmosfere old style, lo Shepherd’s Crook è divenuto ormai il pub di riferimento per i numerosi tifosi della Pantera che negli ultimi anni hanno fatto una “gita fuori porta” a Portsmouth per...


domenica, 10 maggio 2020, 10:55

Quando la Lucchese sfidava il calcio inglese

La partecipazione rossonera alla sedicesima edizione della Coppa Anglo-Italiana (Anglo-Italian Cup) nella stagione 1992-1993 si concluse con un pari, una vittoria e due sconfitte: gli avversari della squadra di Orrico si chiamavano Portsmouth, Birmingham, Brentford e Newcastle