Detto tra noi

La diritta via è di nuovo smarrita?

giovedì, 4 febbraio 2021, 10:01

di fabrizio vincenti

Sono bastati tre giorni per demolire a colpi di maglio le poche certezze cumulate dopo mesi di rincorsa, delusioni e duro lavoro. I sei risultati utili consecutivi (più che meritati) raccolti dai rossoneri, il felice innesto degli ultimi arrivati, la capacità di reazione mostrata anche di fronte a squadre di alto livello, sono improvvisamente collassate nelle gare contro il Novara e il Grosseto. Due duri, durissimi ko, che rischiano di pregiudicare il cammino non tanto e non solo per gli zero punti raccolti, quanto per l'emergere dei soliti limiti che caratterizzano la squadra da inizio stagione. Chi ha provato a gettare tutta la croce su mister Monaco ha avuto l'ennesima conferma che le colpe e le ragioni non sono mai tutte dalla stessa parte. 

La Lucchese sconcertante vista al Porta Elisa contro il Novara, ma anche quella abulica, rinunciataria, passiva scorta nel primo tempo di Grosseto sono la testimonianza dei delicati equilibri di questo gruppo che sembra perdersi in un attimo. Contro i maremmani è bastato trovare il gol del momentaneo pari per riprendere energie e per sfiorare, almeno in due circostanze, il gol vittoria. Poi, un nuovo corto circuito, che fa seguito a quello di De Vito nel primo tempo, ma anche alla clamorosa papera di Biggeri nella ripresa che non è costata il gol solo per l'errore degli avanti maremmani. La squadra continua a perdersi nei meandri delle partite quasi da sola, e a questo si aggiunga che la combattività è a fasi alterne. Contro il Novara i rossoneri non hanno recuperato un pallone, a Grosseto pochi. Sembra quasi che l'interruttore si spenga e si attenda solo la rete avversaria quasi come un ineluttabile destino.

Va da sé che in queste condizioni la salvezza, che sembrava alla portata sino a dieci giorni fa,  è una chimera. Le altre  squadre lottano con il pugnale tra i denti. A Grosseto lo si è visto benissimo e per certi versi la vittoria, sia pure casuale, è andata a chi ci ha creduto sino in fondo. Cosa serve per invertire nuovamente la rotta? Non lo sappiamo: al di là dei limiti tecnici della squadra, sui quali è inutile ritornare e che semmai dovranno essere base di discussione a giugno, al di là degli infortuni, la Lucchese pare in crisi prima di tutto psicologica. Di convinzione. Di grinta. Non è affar di poco. Tutt'altro. Il tempo passa, serve riprendere il cammino interrotto, altrimenti l'epilogo rischia di essere segnato. 

 


Altri articoli in Detto tra noi


martedì, 23 febbraio 2021, 08:42

Balbettare non è più consentito

Il pareggio di Alessandria contro la Juventus B ci ha ricordato da vicino quello di Livorno contro gli amaranto: tre punti buttati al termine di una partita che i rossoneri meritavano di vincere ma che non hanno avuto la forza di fare propria.


lunedì, 25 gennaio 2021, 09:35

La luce in fondo al tunnel

Ci voleva, ci voleva proprio. La vittoria maturata a Crema vale, come si dice in questi casi con un pizzico di retorica, doppio. Forse anche triplo, a pensarci bene. Innanzitutto perché ora più che mai la Lucchese è davvero in corsa per levarsi dai guai: i punti che la separano...



martedì, 29 dicembre 2020, 15:35

Pochi, ma buoni

Se, prima della gara di recupero di Pontedera, ci avessero detto che da lì in poi la Lucchese avrebbe messo ben otto punti nel carniere prima della sosta natalizia, avremmo firmato qualunque (salvo cambiali) pezzo di carta ci avessero sottoposto.


giovedì, 10 dicembre 2020, 14:19

I migliori anni della nostra vita

L'avvolgibile di cucina tirato giù sino in fondo, per non far entrare il caldo torrido di luglio, ma soprattutto per evitare riverberi di luce sulla tv a colori, un Nordmende arrivato per il Mondiale precedente, quello di Argentina. Due sole fessure, anzi tre.