Porta Elisa News

Arrigoni: "A Lucca per le parole del direttore e per l'ambizione della società"

mercoledì, 16 agosto 2017, 14:21

di diego checchi

Tommaso Arrigoni si racconta e spiega i motivi della scelta di Lucca e quali sono gli obiettivi sia a livello personale che di squadra per la stagione che sta per iniziare. Il centrocampista spende parole importanti per la piazza di Lucca e fa capire che la Lucchese può essere la sorpresa del campionato. Insomma, questa è un’intervista tutta da seguire perché ti fa conoscere meglio chi è il neocentrocampista rossonero.

Per quale motivo ha scelto il progetto della Lucchese?

“Mi ha affascinato senza dubbio la piazza di Lucca e ci ho giocato contro quando ero nel Santarcangelo due stagioni fa e so che lo scorso anno ha fatto un grande campionato ed è uscita contro il Parma nei playoff. Mi hanno convinto anche le parole del direttore e le ambizioni di questa società. Molti ragazzi che erano qui lo scorso anno, dopo aver fatto un grande campionato con la Lucchese, sono andati in Serie B e dato che mi ritengo una persona ambiziosa, vorrei anch’io ricalcare le loro orme”.

Che tipo di centrocampista è?

“Ritengo di essere un centrocampista dinamico, tecnico e di avere una buona gamba. Poi sarà il mister a decidere dove impiegarmi”.

Nelle prime due amichevoli che ha giocato a Lucca, è parso in forma. Vero?

“Sì, mi stavo già allenando con il Lumezzane perché questa società pensava di essere riammessa in Lega Pro invece non è stato così. A proposito, loro stanno facendo ricorso al Tar del Lazio contro questa decisione. Al di là di questo, è già un po’ che mi alleno e la mia corporatura non tanto strutturata, mi permette già di essere in buona forma”.

Quali sono i suoi obiettivi personali e di squadra?

“Punto sempre a farmi trovare pronto e allenarmi sempre al massimo dal primo all’ultimo minuto. Voglio fare un campionato da assoluto protagonista. Per quanto riguarda gli obiettivi di squadra penso che la Lucchese possa essere la vera e propria sorpresa del campionato. Vedo che ci danno per sfavoriti e secondo me è giusto partire a fari spenti senza tanti clamori per poi venir fuori durante il campionato”.

Conosceva già qualche suo nuovo compagno?

“Certo, con Alessandro De Vena ho giocato a Santarcangelo. E con tutti gli altri ho giocato contro. Non ho avuto nessun problema ad inserirmi in questo gruppo”.

Chi è l’allenatore al quale è più legato?

“Ce ne sono molti ma dico Daniele Arrigoni, che mi ha fatto esordire con il Cesena in Serie A e Mario Beretta con il quale ho fatto 12 presenze sempre durante quell’anno”. 




Altri articoli in Porta Elisa News


giovedì, 16 settembre 2021, 14:11

Olbia, la solidità è di casa

La squadra sarda, prossima avversaria dei rossoneri, è un mix di gioventù ed esperienza, ma Max Canzi sta proseguendo un lavoro iniziato lo scorso anno che permise all’Olbia di sfiorare i playoff. Al Porta Elisa i bianchi arriveranno con due squalificati: La Rosa e Palesi. Ma occhio all'intramontabile Ragatzu


martedì, 14 settembre 2021, 18:27

Rossoneri alla ripresa: Babbi in gruppo

Il giocatore ex Piacenza era reduce da uno stiramento ma ora è di nuovo a disposizione di Pagliuca, insieme a lui anche Picchi ha ricominciato ad allenarsi insieme ai compagni. Si è rivisto anche il portiere classe 2003 Forciniti.



martedì, 14 settembre 2021, 12:27

Nanni a Corner Corto: "Contro l'Olbia serve il riscatto"

L'attaccante rossonero è intervenuto alla trasmissione di Gazzetta Lucchese: "Siamo una squadra giovane che sta prendendo i concetti da un mister maniacale come Pagliuca che è un fenomeno nel preparare le partite. È innegabile che la sua assenza in panchina si faccia sentire”


lunedì, 13 settembre 2021, 12:38

Coletta non si nasconde: "Ho fatto un errore su una palla un po’ strana e la partita si è complicata”

Il capitano rossonero si prende la responsabilità del raddoppio dell'Entella ma è ottimista: "Non voglio fare promesse ma quest’anno c’è un gruppo che ha capito cosa voglia dire indossare la maglia della Lucchese e sudare per essa.