Porta Elisa News

Salvezza Lucchese, Barsanti (CasaPound): "Adesso dalle (molte) chiacchiere si passi ai fatti"

lunedì, 10 giugno 2019, 15:21

Al doveroso e sentito ringraziamento a giocatori e staff tecnico di una Lucchese che entrerà nella storia, il consigliere di CasaPound unisce la volontà di chiedere alla politica tutta  all'Amministrazione di compiere qualcosa di concreto.

"L'impresa compiuta dalla squadra, dallo staff tecnico e dai tifosi lucchesi rimarrà nella storia - dichiara Barsanti in una nota - così come l'assenza imbarazzante di un'Amministrazione che adesso pensa di cavarsela con un paio di comunicati dopo il risultato di sabato. Il momento delle ambiguità e delle chiacchiere deve finire; ora l'esigenza è quella di pensare seriamente a salvare questa squadra, per far sì che questo miracolo sportivo non sia stato vano."

"Il Comune deve immediatamente attivarsi - prosegue Barsanti - per arrivare, assieme a tutte le parti in campo, all'obiettivo dell'iscrizione al prossimo campionato di LegaPro. Contattare e coinvolgere i possibili imprenditori alla finestra, presentando un piano sportivo concreto da mettere in campo, diventando parte attiva di questo processo fondamentale. Inoltre, fare chiarezza sullo stato dell'arte dell'impianto del Porta Elisa e presentare un progetto su torri faro e adeguamento gradinata, dimostrando di avere le finanze necessarie e la volontà di dare alla città la possibilità di un campionato di serie C. Perché, lo ricordo, questi sopracitati sono requisiti essenziali per l'iscrizione, e la responsabilità di un eventuale loro ostacolo alla stessa ricadrebbe sull'Amministrazione. Su questo servono risposte immediate."

"La vittoria di Bisceglie e la salvezza del campionato, così com'è avvenuta - conclude Barsanti - ci mettono di fronte all'obbligo morale di dare un futuro a questa squadra. Rendere gli onori ai giocatori e, magari, approvare la mozione del sottoscritto per installare la targa di fondazione della Lucchese in Consiglio comunale, rappresentano il minimo sindacale per suggellare nella memoria questa stagione. Ciò che conta tuttavia saranno i fatti. Fatti che i tifosi sono riusciti a fare, a differenza del Comune, durante tutti questi lunghissimi mesi di sofferenza, consentendo alla squadra di terminare il campionato e facendo ritrovare alla città uno spirito bellissimo di attaccamento ai colori rossoneri, che qualche residente, probabilmente pisano, non riuscirà certo a contrastare."



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 27 gennaio 2020, 17:44

Niente più scherzi, grazie

Lucchese a due volti, quella vista con il Ghiviborgo. Quella del primo tempo impacciata, lenta e in balia di un Ghiviborgo più frizzante e con la voglia di aggredire da subito l'avversario, nella ripresa ha alzato il baricentro e sono arrivati i cross giusti prima per Iadarestae poi per Nolè...


domenica, 26 gennaio 2020, 17:06

Iadaresta: "Dobbiamo acquisire consapevolezza"

L'attaccante rompe il digiuno: "Una grande gioia mista a rabbia, la rabbia perché noi dobbiamo essere sempre la squadra del secondo tempo". Nolé: Ho avuto una opportunità e ci ho provato, quando ho visto che non si muoveva mi sono buttato ed è andata bene"



domenica, 26 gennaio 2020, 16:49

Deoma: "Mercato? Siamo vigili"

Daniele Deoma, in sala stampa, commenta la partita, ma parla anche del mercato che è a pochi giorni dalla chiusura: "Può accadere di tutto, siamo vigili in entrata, mentre in uscita ci sono una decina di giocatori richiestissimi, ma non ci muoveremo. Se c'è la possibilità dobbiamo provare a rinforzarci.


domenica, 26 gennaio 2020, 16:38

Mister Lavezzini: "Peccato per il rigore"

Rino Lavezzini, tecnico del Ghiviborgo, risultato a parte, è soddisfatto. Ha finalmente visto una reazione da parte dei suoi: "Partita strana, se facevamo il rigore era diverso, il primo tempo fatto con una squadra come la Lucchese mi fa ben sperare: ci possiamo salvare"