Porta Elisa News

Deoma: "Se gli stadi stanno chiusi, devono chiudere anche i cinema"

martedì, 15 settembre 2020, 08:13

di fabrizio vincenti

"Non è calcio, questo": Daniele Deoma, direttore sportivo della Lucchese, prende spunto dalla polemica innestata dal nostro giornale circa il calcio senza spettatori, per dire che così non è possibile continuare. Passino i severi controlli, ma la gente deve tornare, con le cautele del caso, sui gradoni. Altrimenti non c'è futuro. 

"C'è un clima preoccupante e da rivedere: se gli stadi stanno chiusi, devono esserlo anche i cinema e altre attività. Altrimenti siamo alle solite, ovvero nel Paese delle banane. Vanno riviste le regole. Per non parlare delle tempistiche per i tamponi e i costi relativi. E noi ci stiamo attenendo scrupolosamente a quanto previsto. Tanto per dire, oggi dovevo chiudere un affare ma ho dovuto rinviare sennò non potevo venire in ritiro a incontrare gli altri giocatori".

Regole che non valgono per i dilettanti.

"E' inconcepibile, è qualcosa che finisce per svilire la stessa vita umana: noi dobbiamo affrontare cicli di controlli e loro no, la loro vita vale meno? Non esiste".

Una situazione che crea problemi anche sul fronte della preparazione.

"Certamente, giocheremo con un'altra squadra di B mercoledì prossimo, sinora abbiamo incontrato Fiorentina e Empoli ma tutti sanno che per fare una buona preparazione si dovrebbero trovare squadre via via più forti, partendo da quelle dilettantistiche. Vorremmo organizzare una amichevole con il Castelnuovo Garfagnana e non sappiamo nemmeno cosa rischiamo, a cosa si va incontro". 

Che calcio è senza pubblico?

"E' una tristezza, personalmente non vedo una partita in tv non so da quanto. Viene voglia, come avete scritto voi di Gazzetta Lucchese, di venire via dopo 10 minuti. Poi è chiaro, noi ci lavoriamo ma il clima è deprimente. E mi chiedo che problemi avrebbero creato 1000 persone a Empoli o 5000 a Firenze: on si sarebbero nemmeno viste in quelli stadi. Serve realismo".

Come se ne esce?

"Il presidente Ghirelli ha parlato della tenuta del sistema: la Lucchese non fallirà di certo, al limite i soldi dei tamponi li prendiamo acquistando qualcuno in meno, noi si regge ma il calcio senza tifosi che gioco è? Forse sarebbe il caso di valutare uno sciopero se non ci ridanno i tifosi: se passasse l'idea, la Lucchese sarebbe in prima fila".

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 29 settembre 2020, 15:36

Ufficiale: Marco De Vito torna alla Lucchese: "Per me è un sogno"

Il difensore protagonista della straordinaria salvezza sul campo di due anni fa torna in rossonero: "Non avrei mai perso l'occasione di venire a Lucca. Ringrazio per questo il presidente Russo e il diesse Deoma in primis. Darò tutto me stesso e tutta la mia professionalità per questa società"


lunedì, 28 settembre 2020, 12:22

Momentè il possibile rinforzo per l'attacco?

Nelle ultime ore prende corpo la voce che accosta Matteo Momentè alla Lucchese, la punta centrale attualmente a Gozzano, ma il suo procuratore frena: “Avevo sentito la Lucchese circa un mese fa, ma almeno per il momento non c’è stato più niente”



domenica, 27 settembre 2020, 20:25

Bitep: "Una giornata fantastica"

L'attaccante sigla il suo primo gol tra i professionisti e regala il pari ai rossoneri: "Sono entrato in campo con la testa giusta e ho fatto quello che mi ha chiesto di fare il mister. Dedico il gol ai nostri tifosi, che sono fondamentali per questa squadra, questo gol è...


domenica, 27 settembre 2020, 20:22

Bianchi fa subito vedere di che pasta è fatto

Molte bene il centravanti rossonero, così come Bitep che entra subito in partita, Cruciani solita sicurezza, Kosovan di personalità, non piace la difesa che commette troppi errori: le pagelle di Gazzetta